Isometria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Isometria (geometria riemanniana))
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

In matematica, una isometria (dal greco ἴσος, isos, che significa uguale) è una nozione che generalizza quella di movimento rigido di un oggetto o di una figura geometrica. Formalmente, è una funzione fra due spazi metrici che preserva le distanze.

Esempi di isometrie sono le traslazioni, rotazioni e riflessioni nel piano o nello spazio. Generalmente le isometrie preservano, oltre alle distanze, altri concetti geometrici come angoli, aree e lunghezze.

Definizione[modifica | modifica sorgente]

Le isometrie (che significa: uguali misure) sono tutte le trasformazioni (movimenti,spostamenti) che mantengono inalterate le figure, più precisamente che mantengono inalterate le caratteristiche misurabili (la lunghezza dei lati, l'ampiezza degli angoli) Si definisce isometria una funzione  f:X\to Y\,\! fra due spazi metrici tale che, per ogni coppia di punti  x_1, x_2 in  X , vale l'uguaglianza:

 d_X(x_1,x_2) = d_Y(f(x_1),f(x_2)). \,\!

Qui  d_X e  d_Y denotano le distanze rispettivamente in  X e  Y . In altre parole, la distanza fra due punti di  X è uguale alla distanza fra le loro immagini in  Y .
Una tale funzione è necessariamente iniettiva, non è però necessariamente suriettiva: alcuni autori includono la suriettività nella definizione di isometria; con questa definizione ogni isometria definisce una corrispondenza biunivoca.

Gruppo di isometrie[modifica | modifica sorgente]

Le isometrie  f:X\to X di uno spazio metrico  X fissato formano un gruppo con l'operazione di composizione di funzioni. Questo gruppo è il gruppo delle isometrie di  X , spesso indicato con {\textrm{Isom}}(X) . Ad esempio:

Variazioni[modifica | modifica sorgente]

Spazi vettoriali[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi prodotto scalare.

Nel caso di uno spazio vettoriale munito di un prodotto scalare, una isometria è spesso definita diversamente: in questo contesto un'isometria è un'applicazione lineare che preserva il prodotto scalare, cioè tale che

\langle f(x_1), f(x_2)\rangle = \langle x_1, x_2\rangle.

Nel caso in cui il prodotto scalare sia definito positivo, lo spazio vettoriale è anche uno spazio metrico, e le due definizioni fondamentalmente coincidono; l'unica differenza consiste che nello spazio vettoriale l'isometria è supposta fissare l'origine: in particolare, non sono ammesse traslazioni.

Varietà riemanniane[modifica | modifica sorgente]

In geometria differenziale ogni varietà riemanniana è dotata di un tensore metrico che definisce distanze, angoli, volumi, lunghezze, etc. La nozione di isometria usata in questo contesto è quindi mutuata da quella usata in algebra lineare.

Un diffeomorfismo

f:M\to N

fra due varietà riemanniane (o pseudo-riemanniane) induce in ogni punto x di M un differenziale

df_x:T_xM \to T_{f(x)}N

che è un isomorfismo lineare fra gli spazi tangenti in x e in f(x). La funzione f è un'isometria se per ogni coppia di vettori tangenti v,w in ogni punto x vale la relazione

g_M(v,w) =g_N(df_x(v), df_x(w)).

Qui g_M e g_N sono il tensore metrico in M e in N.

In altre parole, si richiede che g_M sia il pull-back del tensore g_N di rango (0,2):

g_M = f^{*} g_N

Una varietà riemanniana è anche uno spazio metrico: una isometria fra varietà riemanniane è anche un'isometria fra spazi metrici nel senso usuale.

Se f è un diffeomorfismo locale tale che g_M = f^{*} g_N, allora f è chiamata isometria locale.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

In uno spazio euclideo, traslazioni, rotazioni e riflessioni sono isometrie. La classificazione di tutte le isometrie dipende dalla dimensione dello spazio.

Isometrie nel piano euclideo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi isometria del piano.

Nel caso particolare del piano euclideo, queste sono tutte le varie tipologie di isometrie:

Isometrie in geometria iperbolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi isometria dello spazio iperbolico.

La geometria iperbolica è una geometria non euclidea, che sostituisce allo spazio euclideo uno spazio iperbolico. Lo spazio iperbolico è un particolare spazio metrico. In dimensione 2, questo è raffigurabile come il disco di Poincaré.

Come nel piano euclideo, tramite isometrie è possibile ruotare lo spazio iperbolico intorno ad un punto e spostare un punto su un altro punto qualsiasi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica