Immunologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'immunologia è una branca delle scienze biomediche che si occupa del sistema immunitario (o sistema immune) in tutti gli organismi, studiando tutti gli aspetti delle difese dell'ospite contro infezioni e le avverse conseguenze delle risposte immunitarie. L'immunologia si occupa quindi delle funzioni fisiologiche del sistema immunitario (e dei suoi componenti) sia durante una malattia che in condizioni di salute così come delle malfunzioni del sistema immunitario stesso (malattie autoimmuni, ipersensitività, deficienze immunitarie, trapianti).

L'immunologia è una scienza piuttosto recente, e la sua nascita viene fatta coincidere con Edward Jenner, il quale scoprì, nel 1796, che l'agente patogeno causa del vaiolo bovino poteva proteggere contro il vaiolo umano, una malattia spesso fatale, e inoculò quell'agente patogeno preso dalle pustole di pazienti affetti da vaiolo bovino direttamente in individui sani, proteggendoli quindi dall'infezione del più grave vaiolo umano.

Suddivisioni della disciplina[modifica | modifica wikitesto]

L'immunologia ha varie applicazioni in diversi campi della scienza e di solito viene suddivisa in:

Immunologia classica[modifica | modifica wikitesto]

Questo ramo dell'immunologia è strettamente correlata con l'epidemiologia e la medicina e si occupa della relazione tra il corpo, gli agenti patogeni e l'immunità. Il primo esempio di descrizione del fenomeno è stato dato da Tucidide durante un'epidemia di peste nell'antica Atene nel 430 a.C., dove annotò come persone già contagiate (e sopravvissute) una volta, non si ammalassero più nonostante fossero a stretto contatto con altri appestati.

La base dell'immunologia classica (e di tutta l'immunologia) è lo studio dell'interazione tra antigene e anticorpo e dei vari componenti del sistema immunitario, incluse le loro funzioni e le interazioni che stabiliscono.

Immunologia clinica[modifica | modifica wikitesto]

L'immunologia clinica si occupa dello studio delle malattie del sistema immune o causate da un'alterazione funzionale di questo.

Tra le malattie che colpiscono il sistema immunitario vi sono quelle causate da alcuni lentivirus (virus lenti) quali i virus HTLV ed il più conosciuto HIV. Quest'ultimo virus, attraverso complessi meccanismi di interazione recettoriale, è in grado di infettare le cellule, in particolare i linfociti T e relative sottopopolazioni ed i macrofagi, che hanno sulla loro superficie una proteina chiamata CD4. La progressiva alterazione di tali cellule, fondamentali per la difesa contro le infezioni, porta all'AIDS, acronimo che sta per Sindrome da Immunodeficienza acquisita, in cui l'individuo infetto non è più capace di difendersi dalle infezioni.

Per quanto riguarda le malattie causate da alterazioni del sistema immune vanno ricordate: le immunodificienze primitive, ossia indotte da difetti genetici, nelle quali una parte del sistema immune non riesce a generare una risposta adeguata all'attacco di un agente patogeno, e le malattie autoimmuni, dove il sistema immune attacca componenti del suo stesso organismo non riconoscendoli più come parte di sé (es.: artrite reumatoide). Altre malattie del sistema immunitario includono le ipersensitività, dove il sistema risponde in maniera inappropriata a composti innocui (es.: asma, allergie).

Questa branca dell'immunologia si occupa anche dei rigetti in seguito a trapianti, dove il sistema immune riconosce come estranei e attacca gli organi o altri componenti che vengono trapiantati da un altro essere vivente (sia da un altro della stessa specie -allotrapianti- che da specie diverse -xenotrapianti-). Lo scopo di questi studi è trovare un modo per evitare tale rigetto, attualmente basato su farmaci antirigetto, che indeboliscono il sistema immune.

Immunoterapia[modifica | modifica wikitesto]

Per immunoterapia si intende l'uso di componenti del sistema immune per trattare una malattia o un disordine, ad esempio nel trattamento del cancro insieme alla chemioterapia e alla radioterapia. L'immunoterapia viene anche usata in pazienti immunosoppressi (ad esempio i malati di AIDS) o sofferenti per altre immunodeficienze o malattie autoimmuni.

Immunologia diagnostica[modifica | modifica wikitesto]

Le scoperte fatte in immunologia (specialmente quella della specificità del legame tra un anticorpo e il suo antigene) sono servite a inventare varie tecniche diagnostiche per la detection di varie molecole (purché immunogeniche) sia per la ricerca, che per la diagnosi vera e propria. Anticorpi specifici per una determinata molecola, sono utilizzati come "traccianti", cioè anticorpi resi detectabili e/o misurabili, attraverso una marcatura radioattiva (di solito Iodio 131) o con un composto fluorescente o con un enzima (di solito HRP) in grado se posto a contatto con adeguato substrato, di sviluppare una colorazione in modo proporzionale, alla quantità di tracciante legatosi alla molecola da detectare/misurare.

Tra le varie applicazioni ci sono l'immunoblot, il test ELISA così come test per la ricerca di droghe, di microbi o per distinguere i vari gruppi sanguigni. Questi test vengono svolti nei laboratorio di analisi. Appartengono a queste tecniche le reazioni sierologiche

Immunologia evolutiva[modifica | modifica wikitesto]

Lo studio del sistema immune in specie viventi ed estinte può aiutare a comprendere l'evoluzione delle specie e lo sviluppo del loro sistema immunitario, partito da una semplice protezione fagocitica della cellula, ed evolutosi per poter proteggere organismi pluricellulari, come composti antimicrobici negli insetti agli organi linfatici nei vertebrati.

Meccanismi di difesa[modifica | modifica wikitesto]

Difese interne[modifica | modifica wikitesto]

L'immunologia entra effettivamente in gioco quando gli organismi infettanti riescono a superare le difese esterne, incontrando una serie di meccanismi di difesa volti ad annullare l'agente infettante. Per far ciò bisogna riconoscere l'"invasore" ed eliminarlo. Fra i vari meccanismi, alcuni sono disponibili subito, mentre altri sono attivati dopo minuti od ore. I primi sono raggruppati convenzionalmente nel termine di immunità naturale.

Immunità naturale[modifica | modifica wikitesto]

È un sistema rapido di difesa e può salvare la vita in molti casi. Come contro si ha la scarsa specificità di obiettivi, cioè il bersaglio specifico potrebbe non essere identificato in un primo momento, ma semplicemente riconosciuto come probabile agente patogeno. Questa carenza di precisione viene definita in due modi: non-specifica, in contrasto con l'alta specificità delle risposte tardive; o immunità innata, per evidenziare che la maggior parte dei meccanismi dell'immunità naturale è presente già alla nascita e non subisce, in grandi linee, variazioni con l'avanzare dell'età. Il ruolo centrale dell'immunità naturale risiede nel macrofago che, assieme ad altre molecole e cellule, contribuisce in gran parte all'eliminazione dell'invasore. I macrofagi sono probabilmente le cellule più importanti nel sistema immunitario e una loro completa assenza risulterebbe incompatibile con la sopravvivenza. Essi sono responsabili, assieme ai neutrofili polimorfonucleati (PMN), della fagocitosi e secernono varie molecole come: l'interferone (ad azione antivirale), il lisozima (un battericida) e altre molecole che stimolano il fegato a rilasciare proteine della fase acuta (per la limitazione dell'infezione e del danno tessutale). Inoltre, epatociti e macrofagi mantengono elevato il livello di complemento, che partecipa all'eliminazione dei batteri. Quest'ultimo interagisce con i mastociti causando i segni dell'infiammazione (incremento del flusso ematico e della permeabilità vascolare). Infine, altre cellule, le natural killer (NK), vengono considerate parte dell'immunità naturale poiché agiscono in risposta precoce all'infezione virale e sono rapide e poco specifiche.

Difese esterne[modifica | modifica wikitesto]

Le difese esterne comprendono: cute e mucose con le loro ghiandole e le loro secrezioni. Forniscono una prima barriera da opporre all'invasore.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Goldsby RA, Kindt TK, Osborne BA and Kuby J (2003) Immunology, 5th Edition, W.H. Freeman and Company, New York, New York, ISBN 0-7167-4947-5
  • Andrew H. Lichtman, Abul K. Abbas (2004) Basic Immunology. Saunders (W.B.) Co Ltd,USA, ISBN 1-4160-2403-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]