Superantigene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I superantigeni sono particolari molecole di natura peptidica o oligo-proteica in grado di stimolare direttamente una risposta massiccia ed eccessiva da parte del sistema immunitario.

Natura e produzione dei superantigeni[modifica | modifica wikitesto]

Nella patologia umana, sono particolarmente noti i superantigeni prodotti da batteri, come la tossina-1 della sindrome da shock tossico (TSST-1) prodotta dallo Stafilococcus Aureus o come la esotossina pirogena prodotta da Streptococcus pyogenes. Anche il virus della rabbia e il virus EBV, sono in grado di interagire direttamente con i linfociti T, analogamente ai superantigeni (vedi prossima sezione).

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

Differentemente dagli altri antigeni, i superantigeni sono riconosciuti dai linfociti T senza essere processati in peptidi ed esposti con le MHC-II. La particolare conformazione chimica dei superantigeni permette il loro legame con le regioni variabili del recettore delle cellule T e con le MHC-II espresse dalle cellule presentanti l'antigene. La cascata delle chinasi intracellulare conseguente, innesca l'attivazione massiccia dei linfociti T, con produzione di citochine e connessa sintomatologia da SIRS; inoltre, i superantigeni, sopprimono la risposta immunitaria adattiva, contribuendo allo sviluppo e alla permanenza delle infezioni sostenute da batteri e virus. Un superantigene può stimolare dal 2 al 20% di tutta la popolazione di linfociti T presenti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]