Ico Migliore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ico Migliore
Dati biografici
Nome Lodovico Migliore
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 81 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala
Tiro Destro
Ritirato 1990
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Squadre di club0
1978-1980 Bolzano Bolzano  ? 0 0 0
1981-1982 Valpellice Valpellice 32 15 28 43
1982-1983 Bolzano Bolzano  ? 0 0 0
1983-1986 Mastini Varese Mastini Varese 98 58 106 164
1986-1990 Milano Saima Milano Saima 112+ 62 118 180
Nazionale
1978-1987 Italia Italia 17+ 2 9 11
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 giugno 2013
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2008
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2014

Lodovico Migliore, meglio conosciuto col soprannome Ico (Torino, 27 dicembre 1956), è un architetto, designer, ex hockeista su ghiaccio e dirigente sportivo italiano, presidente dell'Hockey Milano Rossoblu.

Ico Migliore

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ico Migliore inizia a giocare a Hockey su ghiaccio a Torino. Successivamente veste la maglia del Valpellice, per poi giocare tre stagioni a Bolzano e tre a Varese. Nel frattempo si laurea in architettura al Politecnico di Torino con Achille Castiglioni e inizia a lavorare al suo fianco al Politecnico di Milano. Dal 1985 si trasferisce a Milano dove dal 1986 veste la maglia del Milano Saima, come capitano fino al 1990.

Nel 1997 fonda con Mara Servetto a Milano, sua socia e compagna, lo studio Migliore + Servetto Architects dove, insieme ad un team internazionale di architetti e designer, sviluppa progetti a scale diverse, dall'architettura all'urban design, dai progetti museali agli allestimenti temporanei, ai progetti di comunicazione.

Insegna Design degli Interni presso la Facoltà di Design del Politecnico di Milano ed è visiting professor all'Università di Tokyo Zokei University e alla Kuwasawa design School sempre a Tokyo[1].

Il figlio Tommaso è un giocatore di hockey su ghiaccio. La figlia Carola è una schermitrice, specializzata nella spada.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Ico Migliore è un affermato architetto e designer con numerosi riconoscimenti internazionali. Con Mara Servetto ha vinto numerosi premi e riconoscimenti tra cui il XXIII Compasso d’oro ADI 2014 per l’allestimento “Bticino Slim and white Axolute code” e il XXIII Compasso d’Oro ADI 2008 [2] con il progetto di installazioni urbane per le Olimpiadi Invernali Torino 2006 “Look of the City” con Italo Lupi, oltre al German Design Award, due FX Interior Design Award (UK), cinque Red Dot Award (Ger) e l’Annual Exhibit Design Awards (Usa).

Progetti principali[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Cantiere Come Evento, Museo Egizio, Torino, 2012/2015[3]
  • Musei Civici di Pesaro, Palazzo Mosca, Pesaro, 2013
  • Museo Del Risparmio per Intesa Sanpaolo, Torino, 2012[4]
  • Museo Chopin, Varsavia, 2010[5]

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

  • Trame Le forme del rame tra arte contemporanea, design, tecnologia e architettura, Triennale di Milano 2014[6]
  • Meet Design: Around The World, Triennale di Milano, 2013[7]
  • Pablo Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale Picasso di Parigi, Palazzo Reale, Milano, 2013 (con I.Lupi)[8]
  • Coats! Max Mara 60 anni di moda italiana, mostra itinerante: Berlin 2006, Tokyo 2007, Beijing 2008, Moscow 2012[9]
  • Seeing The Ligh, New York Times Style Magazine, Bulgari Hotel Milano, 2008
  • Sensidivini, Triennale di Milano, 2004[10]

Allestimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Beijing Design Fair, Watertank D·Park 751, Pechino, 2012[11]
  • A Wheel For Pedrali, Stand Pedrali, Salone del Mobile, Milano, 2012
  • Fiat , Saloni dell'auto Parigi, Bologna, Ginevra 2008.
  • Presentazione Gruppo Charme (Poltrona Frau, Cappellini, Thonet, Gufram), Ex Poste, Fuori Salone del Mobile 2005

Interiors[modifica | modifica wikitesto]

  • Architettura A Di Alcantara® ,Pavillion, Pitti Uomo, Firenze, 2012
  • Architettura Residence Desuite, Milano, 2006
  • Interior Sk Promotion Center, Pechino, 2013
  • Interior Bticino Concept Store – “Experience Space”, Milano, 2011
  • Interior Fay Concept Store, Milano, 2002

Urban design[modifica | modifica wikitesto]

  • Expo Boulevard delle Bandiere e Palo Milano per Expo 2015, Milano, 2011/2015 (con I.Lupi)
  • Torino + Luce + Tricolore, Installazione luminosa sulla Mole Antonelliana,Torino, 2011/2012 (con I.Lupi)
  • XXIII Universiadi Invernali, City dressing, Torino, 2007
  • XX Giochi Olimpici Invernali, Look of the City, Torino, 2006 (con I.Lupi)

Attività sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Migliore ha giocato nella massima serie con le maglie dell'HC Bolzano (1978-1980 e 1982-1983), dell'HC Valpellice (1981-1982), dei Mastini Varese (1983-86) e dell'HC Milano Saima (1988-1990), a cui si aggiungono due stagioni in B, sempre col Milano Saima (1986-88). Migliore ha vestito la maglia di capitano con i Mastini Varese e con HC Milano Saima.

Ha vinto due scudetti A1, entrambi col Bolzano (1978-79 e 1982-83) ed ha ottenuto due promozioni con il HC Valpellice[1] e il HC Milano Saima.

Ha a lungo vestito la maglia della nazionale italiana (esordio con gol il 20 febbraio 1978 in un'amichevole persa 8-3 a Lugano contro la Svizzera B[12]), disputando un'Olimpiade (Sarajevo 1984) e quattro mondiali (uno di gruppo A, 1983, e tre di gruppo B, 1985,1986 e 1987) per cui ha vinto la Medaglia di Bronzo (1985) e una Medaglia d’Argento (1986). Nel mondiale a Canazei Migliore veste la maglia di capitano. È medaglia di bronzo al valore sportivo conferita dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

Attività manageriale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver smesso di giocare, Migliore è diventato un dirigente. Dapprima ha operato con il HC Milano Saima, fino allo scioglimento nel 1998, ha poi proseguito l'attività all'interno del sodalizio provvisorio tra Milano Vipers e Cortina denominato SG Cortina-Milano, e quindi nei Milano Vipers stessi, nel ruolo di vice presidente, direttore generale e responsabile tecnico, per dieci anni [2]. Con i Milano Vipers ha vinto, da dirigente, 5 scudetti consecutivi, 3 Coppe Italia e 3 Supercoppe italiane, oltre a una medaglia d'argento in Continental Cup nel 2002.

Dopo lo scioglimento dei Vipers da parte del presidente Alvise di Canossa[13], Migliore e Tiziano Terragni hanno dato vita all'Hockey Milano Rossoblu[14], che ha raccolto l'eredità dei Vipers ripartendo dalla serie A2[15], per ottenere la promozione nel 2012 e ritornare di nuovo nella massima divisione dalla stagione 2012-2013 ad oggi. Nel 2012 è insignito con la Rosa Camuna dalla Regione Lombardia per l’impegno nella diffusione dello sport, nel 2014 ritira in qualità di presidente per l’Hockey Milano Rosso Blu l’assegnazione dell‘Attestato di Benemerenza Civica - Ambrogino d’Oro’ da parte del Comune di Milano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Presentazione dei professori Giampiero Bosoni e Ico Migliore. URL consultato il 14-07-2011.
  2. ^ Antonietta Demurtas, Il Compasso d'oro incorona Torino regina del design. URL consultato il 26-06-2013.
  3. ^ Fulvio Irace, Egizio e contemporaneo.
  4. ^ La Repubblica, Intesa Sp: nasce a Torino il Museo del risparmio.
  5. ^ Fryderyk Chopin Museum, The Concept.
  6. ^ Triennale di Milano, Trame – Le forme del rame tra arte contemporanea, design, tecnologia e architettura.
  7. ^ RCS, Meet Design around the world.
  8. ^ Stefano Boeri, Cultura. A Palazzo Reale il grande ritorno di Pablo Picasso.
  9. ^ Domus, Coats! Max Mara: made in Italy at Berlin.
  10. ^ Triennale di Milano, Sensidivini.
  11. ^ Maria Luisa Villa, Pechino, città aperta (al design).
  12. ^ Federazione italiana sport ghiaccio. Hockey su ghiaccio. Nazionale italiana maschile: dal 1961 al 1980 (PDF). URL consultato il 29-08-2008.
  13. ^ Comunicato ufficiale Hockey Club Junior Milano Vipers, 12-06-2008. URL consultato il 28-09-2008.
  14. ^ Milano, quale futuro?, 18-07-2008. URL consultato il 28-09-2008.
  15. ^ Hockey Milano Rossoblu in A2, 31-07-2008. URL consultato il 28-09-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 26250155 LCCN: n91128033