Highway to Hell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Highway to Hell (disambigua).
Highway to Hell
Artista AC/DC
Tipo album Studio
Pubblicazione 27 luglio 1979
Durata 41 min : 30 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Hard rock
Blues rock
Etichetta Atlantic Records K 50628
Produttore Robert John "Mutt" Lange
Registrazione al Roundhouse studios, Londra
Certificazioni
Dischi d'oro Argentina Argentina[1]
(vendite: 30 000+)
Austria Austria[2]
(vendite: 25 000+)
Italia Italia[3]
(vendite: 25 000+)
Regno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 100 000+)
Spagna Spagna (2)[5]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platino Australia Australia (5)[6]
(vendite: 350 000+)
Canada Canada (2)[7]
(vendite: 200 000+)
Francia Francia[8]
(vendite: 502 700)[9]Germania Germania[10]
(vendite: 500 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (7)[11]
(vendite: 7 000 000+)
Svizzera Svizzera[12]
(vendite: 50 000+)
AC/DC - cronologia
Album successivo
(1980)

Highway to Hell, pubblicato nel 1979 è il sesto album in studio della band australiana AC/DC. Fu uno degli album di più grande successo del gruppo, e l'ultimo pubblicato con il secondo cantante dalla formazione Bon Scott, che sarebbe morto l'anno successivo.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Highway to Hell e il successivo Back in Black rappresentarono l'apice di successo degli AC/DC, e rimangono fra i loro album più apprezzati. Highway vendette in un solo anno un milione di copie, confermandosi poi come long seller (a oggi circa 15 milioni di copie vendute). Nel 2003, l'album venne classificato alla posizione 200 nella classifica dei 500 più grandi album di tutti i tempi della rivista Rolling Stone[13]. La canzone più nota del disco è la title track.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Highway to Hell (Young, Young & Scott) - 3:27
  2. Girls Got Rhythm (Young, Young & Scott) - 3:23
  3. Walk All Over You (Young, Young & Scott) - 5:08
  4. Touch Too Much (Young, Young & Scott) - 4:24
  5. Beating Around the Bush (Young, Young & Scott) - 3:55
  6. Shot Down in Flames (Young, Young & Scott) - 3:21
  7. Get It Hot (Young, Young & Scott) - 2:24
  8. If You Want Blood (You've Got It) (Young, Young & Scott) - 4:32
  9. Love Hungry Man (Young, Young & Scott) - 4:14
  10. Night Prowler (Young, Young & Scott) - 6:13

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1979/80) Posizione
massima
Australia[14] 13
Belgio (Fiandre)[15] 14
Canada[16] 40
Francia[17] 8
Germania[18] 7
Paesi Bassi[19] 17
Regno Unito[20] 8
Stati Uniti[21] 17
Classifica (1992) Posizione
massima
Nuova Zelanda[22] 9
Svezia[23] 36
Classifica (2012) Posizione
massima
Austria[24] 52
Spagna[25] 24
Classifica (2015) Posizione
massima
Svizzera[26] 73

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1979) Posizione
Australia[14] 82
Francia[27] 7
Classifica (1980) Posizione
Germania[28] 4
Stati Uniti[29] 41

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • L'album fu il primo album degli AC/DC senza cambiamenti a livello di tracce tra la versione australiana e la versione mondiale.
  • La particolarità dell'album sta nel fatto che fu prodotta prima la versione mondiale (luglio 1979) e poi quella australiana (novembre 1979) cosa che per gli album precedenti non è avvenuta.
  • La prima traccia di questo album, ovvero Highway to Hell, è utilizzata nei titoli di coda dell'episodio Brani Biblici della famosa saga de I Simpson.
  • Il famigerato serial killer Richard Ramirez era un grande fan degli AC/DC, in particolare della canzone Night Prowler presente su Highway to Hell. La stessa polizia ammise che Ramirez indossava una maglietta degli AC/DC il giorno della cattura e che lasciò un cappellino degli AC/DC sulla scena di uno dei suoi tanti crimini.
  • Nel 2010 la title track viene scelta come colonna sonora nel film Iron man 2, interpretato da Robert Downey Jr.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Discos de oro y platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 5 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  2. ^ (EN) Austrian album certifications – AC/DC – Highway to Hell, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 5 novembre 2014.
  3. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 5 novembre 2014.
  4. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "AC/DC" in "Keywords", dunque premere "Search".
  5. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  6. ^ (EN) Accreditations - 2013 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 30 giugno 2013.
  7. ^ (EN) Gold and Platinum Search, Music Canada. URL consultato l'8 giugno 2013.
  8. ^ French album certifications – AC/DC – Highway to Hell, Syndicat National de l'Édition Phonographique.
  9. ^ Les Albums Platine, InfoDisc. URL consultato il 5 novembre 2014.
  10. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato l'8 giugno 2013.
  11. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 27 aprile 2015.
  12. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (AC/DC; 'Highway to Hell'), Schweizer Hitparade. URL consultato il 5 novembre 2014.
  13. ^ (EN) *La classifica di Rolling Stone
  14. ^ a b David Kent, Australian Chart Book 1970–1992, Australian Chart Book, St Ives, N.S.W, 1993, ISBN 0-646-11917-6.
  15. ^ (NL) Ultratop Charts – AC/DC – Highway to Hell, Ultratop.
  16. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 32, No. 7, November 10 1979 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 27 aprile 2015.
  17. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, Infodisc.fr. URL consultato il 27 aprile 2015. Selezionare AC / DC e premere OK.
  18. ^ (DE) German Charts – AC/DC – Highway to Hell su offiziellecharts.de.
  19. ^ (NL) Dutch Charts – AC/DC – Highway to Hell su dutchcharts.nl.
  20. ^ (EN) Archive Chart: 1979-08-18, Official Charts Company. URL consultato il 27 aprile 2015.
  21. ^ (EN) Allmusic (AC/DC charts and awards), All Media Network.
  22. ^ (EN) New Zealand Charts – AC/DC – Highway to Hell su charts.org.nz.
  23. ^ (EN) Swedish Charts – AC/DC – Highway to Hell su swedischcharts.com.
  24. ^ (DE) Austrian Charts – AC/DC – Highway to Hell su austriancharts.at.
  25. ^ (EN) Spanish Charts – AC/DC – Highway to Hell, spanishcharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  26. ^ (DE) Swiss Charts – AC/DC – Highway to Hell su hitparade.ch.
  27. ^ (FR) Les Albums (CD) de 1979 par InfoDisc (PHP), Infodisc.fr. URL consultato il 27 aprile 2015.
  28. ^ (DE) Album – Jahrescharts 1980 su offiziellecharts.de. URL consultato il 27 aprile 2015.
  29. ^ Nielsen Business Media, Inc., Billboard.com – Year End Charts – Year-end Albums – The Billboard 200, 20 dicembre 1980. URL consultato il 27 aprile 2015.