Henipavirus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Henipavirus
Henipavirus structure IT.svg

Struttura di Henipavirus
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo Gruppo V (Virus a RNA)
Ordine Mononegavirales
Famiglia Paramyxoviridae
Sottofamiglia Paramyxovirinae
Genere Henipavirus
Specie

Specie
Hendravirus
Nipahvirus

Henipavirus è un genere di virus ad RNA a singolo filamento negativo afferente all'ordine Mononegavirales, famiglia Paramyxoviridae e sottofamiglia Paramyxovirinae, e al quale appartengono due specie: il virus Nipah e il virus Hendra.

Ospiti naturali degli Henipavirus sono i pipistrelli della frutta. Gli Henipavirus sono in grado di causare malattie zoonotiche, talora mortali, in un gran numero di ospiti fra cui gli animali domestici e gli stessi esseri umani[1].

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Al microscopio elettronico, in preparazioni colorate negativamente, si osserva che gli Henipavirus sono virus pleiomorfi, ossia di forma varia, con struttura elicoidale del capside e diametro variabile da 40 a 600 nm. Possiedono una membrana virale composto da un doppio strato di lipidi, intervallati da numerose glicoproteine, che circonda esternamente l'involucro proteico della matrice virale. Il core virale comprende un'unica catena elicoidale dell'RNA genomico virale strettamente legato al (nucleocapside) e altri due antigeni proteici: la polimerasi P e la proteina di maggiori dimensioni L[2].

Sulla membrana virale sono evidenti, come protrusioni, trimeri di proteine F (fusione) e tetrameri di proteine G (di attacco). La funzione della proteina G è quello di attaccare il virus alla superficie di una cellula ospite tramite EFNB2, una proteina presente in molte cellule di mammiferi[3][4]. La proteina F permette invece la fusione della membrana virale con la membrana della cellula ospite, permettendo la liberazione del contenuto del virione nella cellula infettata. La proteina F induce inoltre le cellule infettate a fondersi con le cellule vicine per formare i grandi sincizi multinucleati.

Come tutti i Mononegavirales, il genoma dei virus Hendra e Nipah è costituito da RNA a singolo filamento negativo non segmentato. La trascrizione procede dalla sequenza 3'-terminale dell'RNA. In entrambe le specie le dimensioni dei genomi è 18,2 migliaia di coppie di basi e contengono sei geni, corrispondenti a sei proteine strutturali[5]. In comune con gli altri membri della sottofamiglia Paramyxovirinae, il numero dei nucleotidi nel genoma degli Henipavirus è un multiplo di sei ("Regola del sei). Deviazione dalla regola di sei, attraverso mutazioni o incompleta sintesi del genoma, porta a replicazione virale inefficiente, probabilmente a causa di vincoli strutturali imposti dal legame tra l'RNA e la proteina N, conosciuta come la regola dei sei[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sawatsky et al., Hendra and Nipah Virus in Animal Viruses: Molecular Biology, Caister Academic Press, 2008, ISBN 978-1-904455-22-6.
  2. ^ Hyatt AD, Zaki SR, Goldsmith CS, Wise TG, Hengstberger SG, Ultrastructure of Hendra virus and Nipah virus within cultured cells and host animals in Microbes Infect., vol. 3, nº 4, 2001, pp. 297–306, DOI:10.1016/S1286-4579(01)01383-1, PMID 11334747.
  3. ^ Bonaparte, M; Dimitrov, A; Bossart, K; et al., Ephrin-B2 ligand is a functional receptor for Hendra virus and Nipah virus in PNAS, vol. 102, nº 30, 2005, pp. 10652–7, DOI:10.1073/pnas.0504887102, PMC 1169237, PMID 15998730.
  4. ^ Negrete OA, Levroney EL, Aguilar HC, et al., EphrinB2 is the entry receptor for Nipah virus, an emergent deadly paramyxovirus in Nature, vol. 436, nº 7049, 2005, pp. 401–5, DOI:10.1038/nature03838, PMID 16007075.
  5. ^ Wang L, Harcourt BH, Yu M, et al., Molecular biology of Hendra and Nipah viruses in Microbes Infect., vol. 3, nº 4, 2001, pp. 279–87, DOI:10.1016/S1286-4579(01)01381-8, PMID 11334745.
  6. ^ Kolakofsky D, Pelet T, Garcin D, Hausmann S, Curran J, Roux L. «Paramyxovirus RNA synthesis and the requirement for hexamer genome length: the rule of six revisited». J Virol. 1998 Feb;72(2):891-9. PMID 9444980 (free full text)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. A. Lamb et al.: Genus Henipavirus. In: C.M. Fauquet, M.A. Mayo et al.: Eighth Report of the International Committee on Taxonomy of Viruses, London: San Diego, 2004, p. 663

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microbiologia