Ospite (biologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In biologia (parassitologia, zoologia, botanica), l'ospite è la specie, al cui interno o sulla cui superficie vive un simbionte, che può essere un commensale, un parassita o un organismo in simbiosi mutualistica con l'ospite. L'aggettivo viene attribuito anche alla cellula (cellula ospite) nella quale si riproduce un parassita intracellulare, quale per esempio un virus.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

A seconda dei rapporti fra ospite e parassita, nel ciclo vitale del parassita, distinguiamo:

  • ospite definitivo (o ospite primario): è l'ospite nel quale il parassita raggiunge lo stadio adulto e si riproduce
  • ospite intermedio (o ospite secondario): è l'ospite nel quale si sviluppano le forme larvali del parassita, il quale in certi casi si riproduce in modo asessuato
  • ospite accidentale: è l'ospite nel quale il parassita normalmente non si sviluppa e quindi difficilmente vi può raggiungere il completo sviluppo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • «Ospite». In: Vocabolario Treccani (on-line)
  • Simková A, Lafond T, Ondracková M, et al. «Parasitism, life history traits and immune defence in cyprinid fish from Central Europe». BMC Evol Biol. 2008 Jan 28;8:29, PMID 18226212 (articolo)
biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biologia