Guaiacum officinale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Guaiacum officinale
Guaiacum officinale - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-069.jpg
Illustrazione dal Koehler's Medizinal-Pflanzen
Stato di conservazione
Status iucn2.3 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Sapindales
Famiglia Zygophyllaceae
Genere Guaiacum
Specie G. officinale
Classificazione APG
Ordine Zygophyllales
Famiglia Zygophyllaceae
Nomenclatura binomiale
Guaiacum officinale
L.
Guaiacum officinale

Il Guaiaco (Guaiacum officinale L.), conosciuto anche come Lignum vitae, è una pianta appartenente alla famiglia Zygophyllaceae, originaria dell'America Centrale. Come anche le altre specie di Guaiacum è inserito nelle liste CITES.

Oggi la si trova soprattutto nel Messico del Sud, nelle Antille, in Colombia e in Venezuela.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Albero sempreverde, a crescita lenta, che può raggiungere i 10 m di altezza;

  • il legno è molto scuro, pesante e resinoso;
  • le foglie sono composte da 4 a 28 foglie;
  • i piccoli fiori, larghi 2 cm, sono di colore blu-azzurro.

Proprietà ed utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Il legno del G. officinale è uno dei più pesanti esistenti, infatti ha una densità che allo stato anidro può arrivare a circa 1350 kg/m3.

Esso essuda una resina il cui principio attivo più importante è il guaiacolo oltre a resine (acido guaiaconico, guaianetico, guaiacico), saponine (guaiasaponina), vanillina, sostanze terpeniche (guaiaguttina, guaiazulene), olio essenziale (5-6%), componenti che le conferiscono proprietà balsamica, espettorante, diuretica, sudorifera, depurativa, lassativa, antireumatica, antisettica, antiossidante, antinfiammatoria.

Per le sue proprietà il guaiaco viene usato per la cura di reumatismi, intossicazioni, stipsi, respiratorio, per la cellulite dura o molle o media, linfatismo, antiradicali liberi, ringiovanente, fortemente drenante.

Infusi di guaiaco vengono utilizzati nelle zone di origine nella cura della sifilide, anche se la sua efficacia non è ancora stata dimostrata.

Tossicità[modifica | modifica sorgente]

L'ingestione incontrollata di guaiaco può provocare irritazione alle mucose dell'apparato digerente ed eruzioni cutanee di tipo scarlattiniforme, la resina che essuda dal legno, invece, può provocare dermatiti da contatto.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il guaiaco divenne la panacea più diffusa dopo il 1520 per curare la sifilide. Il legno di guaiaco aveva molti assi nella manica. Veniva dall'America come la sifilide, e quindi rispondeva al criterio divino secondo cui la malattia e il suo rimedio erano compatrioti. Inoltre il suo decotto produceva l'effetto, assai auspicabile secondo la teoria umorale, di far sudare copiosamente il malato.[2]

Il fiore di G. officinale è emblema nazionale della Giamaica.

Il legno di G. officinale viene utilizzato per realizzare sculture di legno e manici, per la sua durezza e resistenza.

Filatelia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Guaiacum officinale in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Alfred W. Crosby, Lo scambio Colombiano conseguenze biologiche e culturali del 1492, Einaudi, 1992.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Munger, R.S, Guaiacum, the Holy Wood from the New World, in "Journal of the History of Medicine and Allied Sciences", 4 pp. 196-229, 1944.
  • Abraham, J.J, The early History of Syphilis, in "The British Journal of Surgery", 32, pp. 235-37, 1944.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica