Gloria Stuart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gloria Stuart nel 1935

Gloria Stuart (nata Gloria Frances Stewart; Santa Monica, 4 luglio 1910Los Angeles, 26 settembre 2010[1]) è stata un'attrice teatrale, attrice cinematografica e attrice televisiva statunitense.

Nel 1998 ricevette numerosi riconoscimenti internazionali per la sua toccante interpretazione in Titanic e ottenne anche una candidatura all'Oscar come miglior attrice non protagonista, l'unica nella sua carriera.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cambiò il suo cognome in Stuart perché meglio si addiceva al palcoscenico. Dopo aver recitato al college e in altre compagnie dilettantistiche, la Stuart venne scoperta al Pasadena Playhouse e firmò un contratto con la Universal Studios nel 1932. Nello stesso anno venne scelta tra le trenta WAMPAS Baby Stars di quell'anno.

Grazie al suo talento divenne presto l'attrice preferita del cineasta americano James Whale che la diresse in The Old Dark House (1932) e in L'uomo invisibile (1933).

Dopo diversi problemi alla Universal, la Stuart cambiò studio cinematografico, approdando alla 20th Century Fox e partecipando a ben quaranta pellicole per la major americana. Tra di esse ricordiamo Il museo degli scandali (1933) e Rondine senza nido (1938), al fianco di Shirley Temple.

Pur non diventando mai una vera stella del cinema, ella recitò a fianco di grandi attori come Lionel Barrymore, Kay Francis, Claude Rains, Raymond Massey, Paul Lukas, John Boles, John Beal e, appunto, Shirley Temple.

Gloria Stuart nel 1937

Nel 1934 sposò lo sceneggiatore Arthur Sheekman, creatore di gran parte dei soggetti per i film dei Fratelli Marx e uno dei più cari amici di Groucho Marx. Nel 1939 la Stuart e suo marito partirono per un lungo viaggio intorno al mondo e, al loro ritorno in California, divennero inquilini del celebre complesso Garden of Allah dove avevano preso domicilio molte star hollywoodiane. Dal suo ritorno, nonostante partecipasse ad altre pellicole, la carriera cinematografica della Stuart andò sfumando fino a interrompersi.

Nel 1954 si trasferì a Rapallo, nella Riviera ligure, dove iniziò a dedicarsi alla pittura a olio, diventando una apprezzata artista e presentando le sue opere alla prestigiosa Hammer Galleries di New York.

Nel 1975, dopo una lunga interruzione della sua carriera come attrice, recitò per il film tv The Legend of Lizzie Borden e fece alcune apparizioni televisive negli anni successivi.

Nel 1981 tornò al cinema con il film L'ospite d'onore, affiancata dall'attore irlandese Peter O'Toole, che per quell'interpretazione conquistò una nomination al premio Oscar. L'attrice tornò ad essere richiestissima tanto da partecipare negli anni seguenti a numerose serie televisive statunitensi.

Paradossalmente la Stuart raggiunse la celebrità mondiale in tarda età, con la sua partecipazione al kolossal cinematografico Titanic: fu proprio nel 1997, a distanza di sessantaquattro anni dal suo primo film, che Hollywood diede la grande occasione all'ottantasettenne attrice, scritturandola per il film di James Cameron che uscì l'anno seguente.

L'ultima apparizione della Stuart in un film risale al 2004 in Land of Plenty (La terra dell'abbondanza), ma ha tuttavia continuato a rilasciare interviste e commenti negli anni successivi. Il 27 maggio 2009, a quasi 99 anni, è stata ospite del centesimo compleanno della sua cara amica e quasi coetanea Dolores Hope, vedova del comico Bob Hope.

Il 4 luglio 2010, ancora attiva e in buone condizioni fisiche, ha festeggiato il suo centesimo compleanno, risultando una delle attrici americane più longeve. Si è spenta nel suo appartamento di Los Angeles il 26 settembre 2010 a causa di un tumore ai polmoni[2].

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gloria Stuart | MYmovies
  2. ^ Notizia della morte sul Los Angeles Times (en)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 49424702 LCCN: n87890695