Giovanna III di Navarra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanna III di Navarra
Giovanna III di Navarra, disegno di François Clouet (circa 1570).
Giovanna III di Navarra, disegno di François Clouet (circa 1570).
Regina di Navarra
In carica 25 maggio 1555 - 9 giugno 1572
Predecessore Enrico II di Navarra
Successore Enrico III di Navarra
Nome completo Giovanna d'Albret
Altri titoli Coprincipessa d'Andorra
Nascita Saint-Germain-en-Laye, 7 gennaio 1528
Morte Parigi, 9 giugno 1572
Casa reale Albret
Padre Enrico II di Navarra
Madre Margherita d'Angoulême
Consorte Antonio di Borbone-Vendôme
Figli Enrico
Enrico
Luigi
Maddalena
Caterina

Giovanna III di Navarra (Castello di Saint-Germain-en-Laye, 7 gennaio 1528Parigi, 3 giugno 1572) fu una regina di Navarra. Principessa e poi regina di Navarra, nota anche come Jeanne d'Albret, era l'unica figlia di Margherita di Valois, sorella di Francesco I di Francia, e di Enrico II di Navarra. Fu la madre di Enrico IV di Francia.

Divenne regina di Navarra nel 1555, anno di morte del padre Enrico II.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

A 12 anni fu promessa sposa ad Antonio di Borbone-Vendom, a capo del casato dei Borbone. Giovanna, erede del regno di Navarra, portava quindi tali domini in dote ai Borbone. Fu lo zio materno Francesco I a condurla all'altare.

Dal matrimonio, avvenuto a Moulins il 20 ottobre 1548, nacquero cinque figli, tra cui solo due raggiunsero l'età adulta:

  • Enrico (1551 – 1553);
  • Enrico, (1553 – 1610), futuro re di Francia, primo della dinastia dei Borboni;
  • Luigi (1555 – 1557), conte di Marles;
  • Maddalena (1556);
  • Caterina (1559 – 1604), duchessa d'Albret, contessa d'Armagnac e di Rodez, che andò sposa ad Enrico I, duca di Lorena.

Calvinista[modifica | modifica sorgente]

Già giovanissima, simpatizzava per le idee calviniste, fatte a lei conoscere dalla madre. In seguito ne diventò una fervida seguace e volle trasmetterle al figlio Enrico. La Navarra divenne ben presto un territorio sicuro che raccoglieva tutti i perseguitati calvinisti.

Teodoro di Beza, uomo vicino a Calvino, era il consigliere personale della regina Giovanna, la quale arrivò a vietare la fede cattolica nel suo regno e ad aprire, nel 1566, un importante collegio protestante di studi teologici ad Orthez.

Consapevole del focolaio calvinista che era nato sotto Giovanna, e del fatto che suo figlio Enrico avrebbe potuto essere l'erede al trono se i suoi figli Valois fossero morti senza prole, Caterina de' Medici temeva i Borbone, tenuti sempre lontani da corte, e la regina di Navarra, che a La Rochelle risiedeva e organizzava la sua politica militare. Con questa Caterina cercò di utilizzare tutta la sua capacità diplomatica per evitare guerre civili.

Matrimonio calvinista-cattolico[modifica | modifica sorgente]

Al proposito di Caterina de' Medici di far sposare sua figlia Margherita di Valois con Enrico di Navarra, Giovanna all'inizio rifiutò poi, dietro insistenza della consuocera, firmò il contratto il 12 aprile 1572.

Giovanna non riuscì però a vedere sull'altare il figlio: già malata di tubercolosi, morì qualche mese prima per un accesso di febbre.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Giovanna III di Navarra Padre:
Enrico II di Navarra
Nonno paterno:
Giovanni III di Navarra
Bisnonno paterno:
Alain I d'Albret
Trisnonno paterno:
Giovanni I d'Albret
Trisnonna paterna:
Catherine de Rohan
Bisnonna paterna:
Françoise de Châtillon
Trisnonno paterno:
Guillaume de Châtillon de Blois
Trisnonna paterna:
Isabelle de La Tour d'Auvergne
Nonna paterna:
Caterina di Navarra
Bisnonno paterno:
Gastone di Foix-Navarra
Trisnonno paterno:
Gastone IV di Foix
Trisnonna paterna:
Eleonora di Navarra
Bisnonna paterna:
Maddalena di Valois
Trisnonno paterno:
Carlo VII di Francia
Trisnonna paterna:
Maria d'Angiò
Madre:
Margherita di Valois
Nonno materno:
Carlo di Valois-Angoulême
Bisnonno materno:
Giovanni di Valois-Angoulême
Trisnonno materno:
Luigi I di Valois-Orléans
Trisnonna materna:
Valentina Visconti
Bisnonna materna:
Margherita di Rohan
Trisnonno materno:
Alain IX de Rohan
Trisnonna materna:
Margherita di Bretagna
Nonna materna:
Luisa di Savoia
Bisnonno materno:
Filippo II di Savoia
Trisnonno materno:
Ludovico di Savoia
Trisnonna materna:
Anna di Cipro
Bisnonna materna:
Margherita di Borbone
Trisnonno materno:
Carlo I di Borbone
Trisnonna materna:
Agnese di Borgogna

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Regno di Navarra
Albret
Armoiries Navarre-Albret.svg

Giovanni III
Figli
Enrico II
Figli
  • Giovanna
Giovanna III
Modifica
  • (FR) Mémoires de Marguerite de Valois, reine de France et de Navarre
  • Pierre de Bourdeille, detto Brantôme, Recueil des dames, Nendeln, Kraus reprint, XIX sec.
  • André Castelot, Regina Margot: una vicenda umana tra fasto, amore, crudeltà, guerre di religione e esilio, Milano, Fabbri Editore, 2000.
  • Ivan Clouas, Caterina de' Medici, Firenze, Sansoni editore, 1980.
  • (FR) Janine Garrisson, Marguerite de Valois, Paris, Fayard, 1994.
  • Janine Garrisson, Enrico IV e la nascita della Francia moderna, Milano, Mursia, 1987.
  • Charlotte Haldane, Regina di Cuori: Margherita di Valois, Verona, Gherardo Casini editore, 1975.
  • Dara Kotnik, Margherita di Navarra. La regina Margot, Milano, Rusconi libri, 1987, ISBN 88-18-23016-6.
  • Mariangela Melotti, Caterina de' Medici, Torino, Liberamente Editore, 2008, ISBN 978-88-6311-031-9.
  • Orsola Nemi & Henry Furst, Caterina de' Medici, Milano, Bompiani, 2000, ISBN 88-452-9077-8.
  • Jean Orieux, Caterina de' Medici. Un'italiana sul trono di Francia, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1988, ISBN 88-04-30464-2.
  • Marcello Vannucci, Caterina e Maria de' Medici regine di Francia, Roma, Newton&Copton Editori, 2002, ISBN 88-8289-719-2.
  • Éliane Viennot, Margherita di Valois. La vera storia della regina Margot, Milano, Mondadori, 1994, ISBN 88-04-37694-5.
  • (EN) Hugh Noel Williams, Queen Margot. Wife of Henry of Navarre, New York, C. Scribner's Sons, 1907.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina di Navarra, Contessa di Foix e di Bigorre e viscontessa di Béarn Successore Armoiries Navarre Foix.svg
Enrico II 1555 - 1572 Enrico III (poi Enrico IV di Francia)

Controllo di autorità VIAF: 73943088 LCCN: n85010894