Ghost - Fantasma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ghost - Fantasma
Ghost - Fantasma.jpg
Demi Moore accanto a Patrick Swayze in una delle scene più famose del film
Titolo originale Ghost
Paese di produzione USA
Anno 1990
Durata 122 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, romantico
Regia Jerry Zucker
Soggetto Bruce Joel Rubin
Sceneggiatura Bruce Joel Rubin
Casa di produzione Paramount Pictures
Fotografia Adam Greenberg
Montaggio Walter Murch
Effetti speciali Terry D. Frazee, Katherine Kean, Richard Edlund, Bruce Nicholson
Musiche Maurice Jarre
Scenografia Jane Musky
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Prima di essere ucciso Sam aveva detto a Molly che l'avrebbe amata e protetta. Per sempre. »
(Tagline del film)

Ghost - Fantasma (Ghost) è un film del 1990 diretto da Jerry Zucker ed interpretato da Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg.

Ottenne un inaspettato successo di pubblico, vincendo anche 2 Oscar: uno per la miglior sceneggiatura originale (consegnato a Bruce Joel Rubin), l'altro per la miglior attrice non protagonista, andato a Whoopi Goldberg. Il film contribuì anche a rilanciare Patrick Swayze, già protagonista di Dirty Dancing - Balli proibiti nel 1987. La pellicola ottenne una nomination all'Oscar anche per la colonna sonora, firmata da Maurice Jarre.

Le riprese si sono svolte dal 24 luglio 1989 al 5 dicembre dello stesso anno.[1]

Il film è uscito negli Stati Uniti d'America il 13 luglio 1990, mentre in Italia il 16 novembre dello stesso anno ed è stato distribuito dalla Paramount Pictures.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sam Wheat, impiegato di banca a New York, conduce un'esistenza felice insieme alla fidanzata Molly Jensen, artista promettente.

Una sera come tante altre stanno rincasando dopo una serata a teatro, quando Sam resta ucciso durante un tentativo di rapina commessa dal ladruncolo Willy Lopez e degenerata in sparatoria. Mentre Molly disperata chiama aiuto, Sam si ritrova al suo fianco, incredulo, in condizione di fantasma. Superato un iniziale smarrimento, l'anima di Sam viene richiamata da Dio, ma Sam rifiuta di salire subito in Paradiso in quanto incapace di abbandonare Molly: a Sam è stato concesso di restare tra i vivi, affinché chiarisca le circostanze della propria morte e protegga Molly dalle turpi macchinazioni di chi l'ha ucciso. Ovviamente Sam è incapace di comunicare con lei, ma fortunatamente incontra sul suo cammino la truffatrice Oda Mae Brown, una sensitiva inizialmente ignara dei suoi stessi poteri, che grazie a Sam diverrà cosciente del suo essere e finirà con l'essergli complice ed amica.

Nelle sue indagini, Sam scopre con amara sorpresa che il mandante dell'omicidio è Carl Bruner, suo collega di lavoro e migliore amico, il quale ha ordinato a Willy di rubargli il portafogli per trovare una password che gli avrebbe permesso di riciclare 4 milioni di dollari sporchi, per conto di alcuni trafficanti di droga. Intanto Sam continua a cercare un modo per manifestarsi tangibilmente agli occhi di Molly che, scettica, non crede ai messaggi che Oda Mae le riferisce, né viene creduta dalla polizia. Un infelice fantasma senza nome, che alberga nella metropolitana di New York, gli insegnerà a spostare gli oggetti e finalmente Molly crederà alla "presenza" del suo amato.

Sam organizza con Oda Mae un piano, per evitare che Carl e Willy recuperino il denaro sporco. La sensitiva si presenta alla banca dove lavorava Sam con il falso nome di "Rita Miller", il personaggio immaginario a cui Carl, su pressione della mafia, doveva intestare i 4 milioni di dollari. La donna riesce a prelevarli sotto forma di assegno circolare, che in seguito consegnerà, suo malgrado, in beneficenza a due suore.

Quando Willy e Carl scoprono la scomparsa dei soldi, danno la caccia ad Oda Mae, ma Sam la salva ed affronta i due malviventi. Prima Willy, spaventato dagli oggetti volanti nel palazzo di Oda Mae, scappa in strada, dove viene schiacciato ed ucciso tra un'auto ed un camion e la sua anima, uscita dal corpo a seguito della collisione, viene assalita e condotta all'Inferno dagli spiriti cattivi. Sam torna a casa di Molly e grazie all'amica sensitiva la convince della sua esistenza; nel frattempo sopraggiunge Carl, intenzionato a vendicarsi ma fermato costantemente da Sam. Carl rimane ucciso sotto la vetrata di una finestra sfasciata da una carrucola scagliata da lui stesso, nel tentativo di evitare le continue percosse di Sam; trovandosi in condizione di fantasma viene catturato e trasportato anch'esso all'Inferno. Una volta compiuta la missione, Dio concede a Molly e ad Oda Mae di vedere per l'ultima volta Sam, il quale viene nuovamente richiamato per giungere finalmente in Paradiso e dare l'ultimo saluto all'amica sensitiva ed alla sua compagna ancora in vita, sussurrandole finalmente quel "ti amo" che da vivo non era mai riuscito a dirle.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Musical[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno 2013 è stata prodotta la versione italiana teatrale di Ghost il Musical, già messo in scena a Londra nella stagione teatrale 2011-2012. Basato sull'omonimo film, il musical è scritto dallo stesso sceneggiatore Bruce Joel Rubin, con la collaborazione di Dave Stewart e Glen Ballard per le liriche e le musiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Box office / incassi per Ghost - Fantasma (1990), Internet Movie Database. URL consultato il 26 gennaio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema