Baseketball

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baseketball
Titolo originale BASEketball
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1998
Durata 103 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, comico, sportivo
Regia David Zucker
Soggetto David Zucker
Sceneggiatura David Zucker, Robert LoCash, Lewis Friedman, Jeff Wright
Produttore Cleve Landsberg
Fotografia Steve Mason
Montaggio Jeffrey Reiner
Effetti speciali Randy Cabral
Musiche James Ira Newborn
Scenografia Steven J. Jordan
Costumi Catherine Adair
Trucco Suzan Bagdadi, Laura De'Atley
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

BASEketball (conosciuto anche come Baseketball, soprattutto in Italia) è un film commedia di David Zucker del 1998. Tra i protagonisti ci sono i creatori di South Park Trey Parker e Matt Stone, Dian Bachar, Robert Vaughn, Ernest Borgnine, Yasmine Bleeth e Jenny McCarthy. Il film racconta la storia dello sport (creato anni prima da Zucker) con lo stesso nome, dalla sua invenzione al suo sviluppo come sport a livello nazionale. Questo è l'unico film di Parker e Stone a non essere prodotto, diretto o scritto da loro.

Il film uscì nelle sale statunitensi il 31 luglio 1998, mentre in Italia uscì il 23 luglio 1999. È l'unico film in cui recitano Trey Parker e Matt Stone pubblicato in Italia. Il film ricevette recensioni negative. La colonna sonora del film ha avuto un discreto successo. Da ricordare una reinterpretazione ska dei Reel Big Fish di Take on Me, brano dei norvegesi A-ha.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Al World Series del 1977, Joe "Coop" Cooper afferra la palla dal terzo home run di Reggie Jackson e proclama a Doug Reemer, suo migliore amico: «io sarò una grande star dello sport». Sedici anni dopo, nel 1993, Coop (Trey Parker) e Reemer (Matt Stone) sono disoccupati e stanno per perdere l'ipoteca sulla loro casa. Si imbucano a un party organizzato da un loro ex compagno dell'high school: dopo aver scoperto che i loro compagni di classe sono cresciuti e hanno una vita migliore della loro, Coop e Reemer vengono cacciati dalla casa, ritrovandosi su in campo da basket. Due loro compagni di scuola li sfidano: i due vedono che i loro avversari sono molto bravi a basket, così dicono a loro che accetteranno la sfida solo se gareggeranno in un nuovo gioco. Così inventano un ibrido fra basket e baseball, il baseketball, e formano una loro lega, reclutando un terzo membro: Kenny "Schizzo" Scolari (Dian Bachar).

Sei mesi dopo, sempre più gente desidera vederli giocare a baseketball. Ted Denslow (Ernest Borgnine) propone loro di creare la National BASEketball League (NBL). Cinque anni dopo, la NBL è in pieno svolgimento, con gli stadi, le squadre, i tifosi, e un campionato maggiore (la Denslow Cup). Durante il campionato, Denslow, che è il proprietario dei Milwaukee Beers in cui giocano Coop e Reem, muore strozzandosi con un hot dog. Dopo la partita, Jenna Reed (Yasmine Bleeth), capo della "Fondazione Sogni che si Avverano", si presenta a Coop e Reem mentre escono dallo stadio. La lettura del testamento di Denslow rivela che Coop diventa il proprietario dei Beers, invece della vedova Yvette Denslow (Jenny McCarthy), e manterrà la proprietà solo se vincerà la prossima Denslow Cup, altrimenti la proprietà andrà a Yvette. Il rivale di Denslow, Baxter Cain (Robert Vaughn), proprietario dei Dallas Felons, vuole modificare una regola della NBL: il divieto di trasferimento dei giocatori. Yvette sarebbe disposta a concedere tale cambiamento nel caso fosse proprietaria della squadra, ma Coop rifiuta di accettare una qualsiasi modifica alle regole, facendo in modo che Cain e Yvette si uniscano per ideare un piano per assicurarsi che la donna ottenga la proprietà della squadra. In una conversazione privata nell'uffico di Cain, quest'ultimo dice a Reemer che Coop è contrario alle modifiche al regolamento senza aver consultato gli altri membri dei Beers. Reemer poi va da Coop e gli dice cosa aveva sentito da Cain. Dopo che Reemer e gli altri membri dei Beers lo affrontano, Coop si accorda con Reemer e la squadra per dividere la proprietà. La squadra continua a sostenere che le regole non possono essere cambiate. Coop entra anche in una apparente relazione con Jenna.

Cain taglia i fondi alla fondazione di Jenna, forzando Coop e Reemer a chiedergli aiuto. Quest'ultimo suggerisce di creare una linea di abbigliamento e di spedire il ricavo alla fondazione. Coop è assolutamente contrario, ma Reemer, come socio nella proprietà della squadra, accetta immediatamente, e diventa talmente ossessionato dalla sua fama che estrania la sua amicizia con Coop. Dopo aver vinto le semifinali del campionato, Cain informa Coop e Reemer che la loro linea di abbigliamento è stata creata attraverso lo sfruttamento minorile a Calcutta. Se il pubblico scoprisse questa cosa, la squadra e la fondazione di Jenna sarebbero rovinati: Cain minaccia di mostrare le foto al pubblico, a meno che Coop e Reemer perdano la partita del campionato. Jenna lo scopre e rompe con Coop, il quale intanto entra in disaccordo con Reemer. Coop decide così di andare a Calcutta per risolvere la situazione. Coop baratta tutti i lavoratori bambini con quelli adulti e torna indietro proprio mentre sta iniziando il quinto Denslow Cup annuale. I Beers partono male, non riuscendo a fare un colpo in sei inning. Al settimo inning, i Beers sono sotto di 16-0. Dopo un commovente discorso di Squeak, Coop e Reemer diventano nuovamente amici e Yvette interrompe la sua alleanza con Cain. Coop, Reemer e Schizzo finalmente tornano in gioco e iniziano e segnare. Nell'angolo in basso e metà, Reemer è in seconda base, Squeak è in terza e Coop è su quando il suo pallone personale scoppia. Uno dei ragazzi della fondazione di Jenna, Joy (Trevor Einhorn) porta una nuova palla (fatta da lui) per farla usare a Coop. Sbaglia il tiro ma completa con successo la conversione per la vittoria della partita e della Denslow Cup. Coop e Jenna si riuniscono, mentre Reemer e Yvette si mettono assieme.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema