Episodi di Breaking Bad (seconda stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Breaking Bad.

La seconda stagione della serie televisiva Breaking Bad, composta da 13 episodi, è stata originariamente trasmessa negli Stati Uniti dall'8 marzo al 31 maggio 2009 su AMC.

In questa stagione vengono introdotti tre nuovi personaggi principali: Saul Goodman, Gus Fring e Mike Ehrmantraut, interpretati rispettivamente da Bob Odenkirk, Giancarlo Esposito e Jonathan Banks. In più, le sequenze di apertura di alcuni episodi sono alquanto curiosi: l'episodio Nero e Azzurro si apre con una banda di suonatori messicani (Los Cuates de Sinaloa) che canta una narcocorrido che parla delle vicende di Heisenberg e di un cartello messicano; gli episodi Tutto cambia, Giù, Game Over e Albuquerque, invece, si aprono con delle scene in bianco e nero che hanno come protagonista un peluche rosa (l'unico elemento a colori) e senza un occhio, che galleggia nella piscina di casa White.

In Italia è andata in onda su AXN dal 3 giugno al 29 agosto 2010, mentre in chiaro è stata trasmessa dal 22 novembre 2010 al 7 marzo 2011 su Rai 4, con una pausa nella programmazione durante il periodo natalizio.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Seven Thirty-Seven Tutto cambia 8 marzo 2009 3 giugno 2010
2 Grilled Grigliato 15 marzo 2009 10 giugno 2010
3 Bit by a Dead Bee Punto da un'ape morta 22 marzo 2009 17 giugno 2010
4 Down Giù 29 marzo 2009 24 giugno 2010
5 Breakage Una pistola per Jesse 5 aprile 2009 1º luglio 2010
6 Peekaboo Una lezione indimenticabile 12 aprile 2009 8 luglio 2010
7 Negro y Azul Nero e azzurro 19 aprile 2009 15 luglio 2010
8 Better Call Saul Conviene chiamare Saul 26 aprile 2009 22 luglio 2010
9 4 Days Out 4 giorni fuori 3 maggio 2009 1º agosto 2010
10 Over Game Over 10 maggio 2009 8 agosto 2010
11 Mandala Mandala 17 maggio 2009 15 agosto 2010
12 Phoenix Phoenix 24 maggio 2009 22 agosto 2010
13 ABQ Albuquerque 31 maggio 2009 29 agosto 2010

Tutto cambia[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver completato l'affare con Tuco nello sfasciacarrozze, Walt e Jesse realizzano quanto sia violento e fuori di testa. A causa di un alterco Tuco, su di giri a causa della meth, uccide No Dose, un suo scagnozzo, a calci e pugni. In seguito ordina a suo cognato Gonzo di occultare il cadavere sotto la carcassa di un'auto. Nelle giornate seguenti Jesse vede l'auto di Tuco far su e giù nella strada dove si trova la sua abitazione. Anche Walt entra in paranoia dopo aver visto un SUV nero parcheggiato poco più avanti rispetto alla sua casa. Essi cominciano a sospettare della lealta del messicano e provano a giocare in anticipo. L'idea di Jesse è di sparare a Tuco prima che quest'ultimo possa ucciderli, ma Walt ha un'idea migliore e vuole usare la ricina: si tratta di un veleno, letale nel giro di 24-48 ore e quasi irrintracciabile dal medico legale, che Walt vorrebbe "aggiungere" alla normale ricetta della meth blu per poi consegnare quella dose avvelenata direttamente a Tuco, sapendo che quest'ultimo è così incauto da "tirare" qualsiasi prodotto gli venga offerto. Il panico dei due aumenta quando iniziano a credere che Tuco abbia ucciso il suo socio Gonzo che Walter vede in una foto, inviatagli da suo cognato Hank, morto nella discarica delle auto. In realtà Hank e la sua squadra rinvenendo il corpo scoprono che Gonzo è morto accidentalmente schiacciato da una macchina, nel tentativo di spostare il cadavere di Speed, anche se Walter e Jesse continuano a credere che sia un omicidio ad opera di Tuco. Alla fine della puntata Jesse arriva con la propria auto davanti casa di Walter e gli chiede di avvicinarsi, quando quest'ultimo arriva difianco allo sportello della macchina, dal sedile posteriore spunta Tuco che punta una pistola alla nuca di Jesse e intima a Walter di salire in macchina.

Grigliato[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stati rapiti da Tuco, Walt e Jesse sono tenuti prigionieri in una baracca isolata dove Tuco si reca spesso per prendersi cura di suo zio malato. Hank e la DEA hanno stretto la morsa intorno all'organizzazione di Tuco, e quest'ultimo pensa che i suoi due prigionieri potrebbero essere la loro fonte di informazione. Durante la breve prigionia, Walt prova con scarso successo a far prendere a Tuco la ricina che ha preparato per lui. Hank nel frattempo si prende un po' di tempo libero per cercare suo cognato Walt.

Skyler è molto preoccupata e distribuisce in giro foto di Walt. Hank si ricorda che Jesse Pinkman era la fonte di Walt di marijuana (il fatto che Walter fumasse marijuana è una delle tante bugie che Walt racconta alla moglie per coprire quello che in realtà fa durante il giorno) e prova a rintracciarlo. Walt tenta di avvelenare la fajita di Tuco con la ricina ma viene sorpreso dallo zio. Lo zio di Tuco, che non è in grado di parlare ed è costretto su una sedie a rotelle, prova ad avvertire il nipote che i due prigionieri stanno tramando qualcosa, così Tuco decide di uccidere Jesse; nella colluttazione Jesse riesce a sottrarre la pistola a Tuco e sparargli nel fianco. I due decidono di lasciarlo morire dissanguato e dileguarsi. Ma prima che ciò possa avvenire, all'abitazione arriva Hank che trova l'auto di Pinkman. Walt e Jesse, nascosti poco lontano, assistono allo scontro a fuoco tra Hank e Tuco, conclusosi con la morte di quest'ultimo.

Punto da un'ape morta[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lasciata la casa nel deserto di Tuco, Walt e Jesse ritornano a casa. Walt ha un piano per giustificare la sua assenza: va al supermercato, si spoglia completamente ed inizia a camminare tra i corridoi, venendo così ricoverato a causa di una perdita di memoria che non gli consente di ricordare dove ha trascorso gli ultimi giorni. La situazione però non convince i medici, i quali non riscontrano alcun problema neurologico o che sia comunque correlato al suo cancro, per cui indirizzano Walt da uno psichiatra dell'ospedale: durante il colloquio, sfruttando il principio del segreto professionale, Walt racconta allo psichiatra che la sua amnesia era una completa messinscena, dovuta alla voglia di evadere dai problemi di casa sua. Questa è una bugia, ma permette a Walt di evitare una lunga permanenza nell'ospedale e inutili sedute di terapia.

Jesse torna a casa per pulire la cantina e sbarazzarsi del camper, con l'aiuto dell'amico Brandon. Quando la DEA lo preleva, viene interrogato proprio da Hank e Gomez, al quale dichiara di aver trascorso il weekend chiuso in una stanza con una prostituta. La polizia non crede alla sua versione, quindi viene interrogata anche la prostituta, ma questa sembra confermare la sua versione e addirittura accusa Hank di essere un pervertito, in quanto le aveva presentato, qualche tempo prima, Walter Jr come cliente (Conseguenze radicali, 1 stagione), creando sgomento nel suo collega Gomez (in realtà Hank lo aveva fatto poiché sospettava che il nipote Walter Jr fumasse marijuana, allora per spaventarlo lo aveva portato in un quartiere pieno di gente distrutta dal fumo e dalla droga). Hank a questo punto escogita uno stratagemma per far crollare le dichiarazioni di Jesse: chiedere allo zio di Tuco di identificarlo. Jesse cerca di giocare d'anticipo dicendo che il vecchio non è lucido, ma delle attente domande della polizia confermano la piena lucidità dello zio di Tuco, il che potrebbe mettere nei guai il giovane (e di conseguenza Walt). Tuttavia lo zio "vecchia scuola" (come afferma anche Gomez) rifiuta di cooperare con le autorità, costringendo la DEA a rilasciare Jesse, anche se gli viene trattenuta la borsa del "fondo imprevisti" (con 68.000$).

Uscito dagli uffici della polizia, Jesse chiama Walt da una cabina telefonica, e quest'ultimo gli propone di continuare a cucinare. Tornato a casa, la moglie chiede a Walt dell'esistenza del secondo cellulare, scoperta nell'episodio precedente da Hank. Il chimico però nega qualsiasi cosa, insospettendo la moglie.

Giù[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jesse, trovatosi senza auto, raggiunge in moto un supermercato, dove incontra Walt per discutere delle prossime mosse, decidendo di non vedersi e sentirsi finché non si calmano le acque, rispettivamente con la DEA e con Skyler. L'ingresso nel supermercato di un poliziotto in divisa induce i due a chiudere la discussione ma, prima di andarsene, Walt consegna a Jesse una busta contenente 600$.

Intanto a casa White il clima è teso, ma Walt cerca di smorzare la tensione preparando una colazione abbondante per tutti, non convincendo ugualmente però la moglie. Dopo la colazione, Walt ritorna a parlare alla moglie del secondo telefono, affermando che ciò che lei aveva sentito in bagno qualche giorno prima era una sveglia, e non la suoneria. Tuttavia, mentre Walt parla, si rende conto che la moglie è uscita di casa con l'auto, lasciando il cellulare a casa, per poi tornare molte ore dopo. Nel frattempo, Louis, un amico intimo di Walter Jr, si reca a casa White a chiedere di Flynn, che Walt scoprirà essere il nome con cui suo figlio si fa chiamare.

Nel frattempo Jesse viene convocato da un avvocato, dove incontra i genitori, i quali, essendo i legittimi proprietari della casa in cui abita, lo hanno sfrattato in quanto hanno scoperto il laboratorio che Jesse e Walt avevano allestito nello scantinato. L'avvocato dà a Jesse 72 ore di tempo per lasciare la casa, pena l'esproprio governativo, ma il giorno successivo la madre del ragazzo si presenta nell'abitazione per cacciarlo definitivamente. Jesse a questo punto va in escandescenza e decide di chiudere definitivamente i rapporti con la sua famiglia, chiamando così più volte a casa di Walt per insistere sull'avere la metà dei guadagni della loro attività illecita, ma questi non ne vuole sapere, ricordando a Jesse che gli accordi erano di non vedersi per un po'. Jesse cerca a questo punto di andare ad abitare per qualche giorno da un suo vecchio amico, Paul, sposato e con un figlio, con il pretesto della disinfestazione: la moglie di Paul, però, non sembra gradire il nuovo ospite, per cui l'uomo è costretto a chiedere a Jesse di cercare ospitalità altrove.

Jesse torna al supermercato di inizio episodio a usare un telefono pubblico, ma nel frattempo gli viene rubata la moto. Decide così di tentare una follia e si reca nel deposito in cui si trova il camper, passando la notte al suo interno. Il giorno dopo viene scoperto dal padrone del deposito e Jesse si vede costretto a promettergli 2000$ per riscattare il laboratorio mobile: il padrone però non vuole saperne nulla, caccia il ragazzo dalla proprietà e cerca immediatamente di piazzare il contenuto del camper a qualche suo conoscente. Tuttavia Jesse riesce a riprendersi il camper e scappare via sfondando la recinzione. Skyler esce di casa per l'ennesima volta e Walt, uscito per rincorrerla, nota il camper parcheggiato dinanzi casa sua: entrato nel camper inizia a inveire su Jesse, minacciandolo di non dargli neanche un centesimo, dando vita a una colluttazione. Dopo un po', però, i due soci si calmano e Walt fa entrare Jesse in casa sua, offrendogli i soldi che gli spettano.

Walt e Skyler, ad ogni modo, durante l'episodio cercano di salvare il proprio rapporto, ma senza un esito preciso, poiché Walt non vuole e non riesce a confessare alla moglie il segreto che custodisce, ma si limita a dirle che lui ama la sua famiglia e che vuole solo il bene per loro. Skyler però sembra non credere alle parole del marito ed è stanca delle sue bugie, sospettando che la tradisca. A fine episodio si vede Skyler fumare una sigaretta, nonostante la sua gravidanza.

Una pistola per Jesse[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Walt conclude il primo ciclo di chemioterapia e inizia a sentirsi meglio, ma questo gli comporta una crescita delle spese mediche. Jesse, con i soldi ricevuti da Walt, spende parte dei soldi al deposito dove era il camper, risarcendo il proprietario dei danni alla proprietà e pagandolo per un posto sicuro per il mezzo: 500$ alla settimana anticipati per custodire il camper e mantenere il silenzio assoluto sull'esistenza del laboratorio e su di lui. Inoltre, sempre al deposito, Jesse compra un'auto e subito dopo trova una nuova casa, sembrando sviluppare anche un interesse per la proprietaria (nonché vicina), Jane Margolis. Con Jane, Jesse usa lo pseudonimo di Jesse Jackson.

Anche ad Hank le cose vanno bene: dopo la cattura di Tuco egli riceve una promozione e un trasferimento al confine, ad El Paso. Tuttavia, sembra essere assalito dagli attacchi di panico a causa di un regalo che gli era stato fatto dai colleghi nell'episodio Punto da un'ape morta, ovvero il copridenti d'argento di Tuco messo in una teca, quasi come un trofeo. In seguito infatti si sbarazzerà dell'oggetto gettandolo nel fiume. In ufficio comunque si viene a conoscenza dell'esistenza del nome Heisenberg, anche se non si sa ancora se si riferisca a un personaggio reale o a una leggenda metropolitana. In questo episodio si scopre la passione di Hank per la produzione di birra artigianale.

Walt e Jesse si rincontrano nel camper nel deserto per cucinare, ma non sanno bene a chi vendere la droga ora che Tuco è morto. Jesse infatti, essendo ora schedato, non è molto convinto all'idea di volersi esporre per le strade per vendere in prima persona, per cui propone a Walt di prendere il posto di Tuco, producendo e vendendo contemporaneamente. Jesse, quindi, con il pretesto di far vedere ai suoi amici la nuova casa, li assume come spacciatori per conto suo. I ragazzi riescono a gestire la situazione, anche perché dalla morte di Tuco non c'è molta concorrenza in giro e il guadagno è facile. Le cose non vanno troppo bene a uno di loro, Skinny Pete, che viene rapinato da due tossicodipendenti in un vicolo. Questo episodio infatti fa in modo che ai due "capi" risultano 2.000$ mancanti, e questo sembra non andare giù a Walt, che se la prende con Jesse, facendogli capire che è stato troppo buono e che un vero trafficante come Tuco non ci sarebbe passato sopra, mostrando una insolita avidità e spietatezza. L'obiettivo di Walt in realtà è quello di non dare l'impressione di essere un gruppo di spacciatori deboli e quindi venir presi poco sul serio.

A casa White, intanto, Walt, in una delle sue crisi di vomito, scopre che un pacchetto di sigarette ostruisce lo scarico del water. Dal momento che la moglie puzza spesso di fumo, capisce che ella ha preso a fumare sigarette e l'ammonisce, considerato che è in gravidanza. La donna gli conferma che è vero, ma gli fa capire anche che se ha fatto questo gesto deve esserci sicuramente un motivo alla base (alludendo al loro rapporto turbolento). In questo episodio, Marie si scusa con Skyler per la storia della tiara rubata, riprendendo i rapporti.

Una lezione indimenticabile[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Skinny Pete riferisce a Jesse il nome del rapinatore, cioè Schizzo (nella serie originale Spooge). Jesse prende la pistola datagli da Walt nell'episodio precedente e decide di fare visita a Schizzo e sua moglie per dare loro una lezione. Arrivato a casa loro la trova vuota, per cui decide di aspettarli, ma a sorpresa scopre che c'è un bambino, silenzioso quanto visibilmente trascurato dai genitori. Per ingannare l'attesa decide di sfamare il bambino con quello che trova in casa e sembra essere toccato dalla sua condizione difficile. Dopo un po' arrivano i genitori del ragazzino, che Jesse prende prontamente in ostaggio, minacciandoli di morte nel caso in cui non gli dovessero tornare i soldi o la merce rubata. I due sembrano non collaborare, anzi, ammettono di avere consumato parte della merce e aver perso il resto. Jesse, spietato come non mai, intima ai due di farsi dare tutto ciò che hanno addosso, ma riesce a ricavarne pochissimi grammi di eroina e meth. Schizzo, però, porta Jesse in cortile, dove gli mostra un ATM rubato giorni prima, che si spera contenere molto denaro. Tuttavia né Schizzo né Jesse riescono ad aprire la cassaforte, ma anzi, approfittando di un momento di distrazione di Jesse, la moglie di Schizzo colpisce il ragazzo alla testa, mettendolo fuori gioco.

Nel frattempo, Walt ha ripreso il lavoro al liceo e le persone intorno a lui sono entusiaste della sua temporanea guarigione. Tra le telefonate di affetto c'è quella di Gretchen Schwartz, moglie di Elliot, alla quale Skyler pone i suoi ringraziamenti per il presunto aiuto economico che la famiglia Schwartz sta dando loro (ep. Materia Grigia, stagione 1). Gretchen scende palesemente dalle nuvole e, nel pomeriggio, va a trovare Skyler e Walter Jr (che si fa chiamare Flynn). Al ritorno di Walt, Gretchen con una scusa scappa via da casa White; Walt la raggiunge alla macchina per prometterle di spiegarle tutto, ma lei non ne vuole sapere. Poco dopo Gretchen e Walt si incontrano in un ristorante per discutere della situazione assurda che si è venuta a creare. Walt chiede di perdonarlo per averla trascinata con sé in questo strano gioco, ma non vuole rivelarle il vero motivo per cui l'ha fatto, ragion per cui si instaura una discussione aspra che va a ricadere anche sul loro passato personale e lavorativo. Al ritorno a casa, Walt viene a sapere che Gretchen ha chiamato Skyler per dirle che non è più in grado di pagare le cure di Walt. Walt conferma ciò a Skyler dicendo che è appena stato a cena con Gretchen ed Elliot, i quali gli hanno riferito di avere seri problemi economici. Skyler è evidentemente sconvolta da questa notizia, ma Walt le assicura di riuscire a cavarsela, mantenendo sempre il suo grande segreto.

Schizzo, intanto, con Jesse messo fuori gioco, cerca di aprire la cassaforte dal basso con un trapano, ma la moglie, sotto gli effetti della droga, gli fa cadere l'ATM intero sulla testa, schiacciandogliela. Jesse, ripresosi, vede la scena e resta sconvolto; tuttavia riesce a prendere la sua pistola dal pantalone di Schizzo, e quasi per magia la cassaforte si apre. Jesse, con Schizzo morto e la moglie del tossicodipendente in stato confusionale, gira per la casa per togliere le sue impronte digitali da qualunque oggetto che ha toccato. Chiama poi il 911 e fa uscire dalla casa il figlio dei due, al fine di evitargli la scena che è all'interno, augurandogli poi una buona fortuna per il futuro.

Nero e azzurro[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jesse è irrintracciabile da quando è andato a casa di Schizzo, e ciò manda su tutte le furie Walt. Il chimico, esasperato, va a casa del ragazzo, insistendo a bussare finché non si affaccia Jane sull'uscio della casa accanto, a cui dichiara di essere Walt Jackson, padre di Jesse. La vicina/proprietaria di casa, nonostante le insistenze di Walt, non è intenzionata a prestare all'uomo la chiave di riserva della casa di Jesse. Quest'ultimo dopo un po', fortunatamente, gli apre e lo accoglie, confessandogli che lo stava evitando in quanto troppo scosso dalla morte di Schizzo, e che quindi aveva bisogno di riprendersi. Sentendo che Schizzo è morto, Walt crede che sia stato Jesse a ucciderlo, per cui gli si scaglia contro dicendogli che la pistola gli sarebbe dovuta servire solo a scopo intimidatorio e non ad avere rogne di questo genere. Tuttavia Jesse risolve l'equivoco raccontando i dettagli della morte di Schizzo. Essendo Jesse ancora scosso, Walt decide di sostituirlo, e incontra Badger, Skinny e Combo per dargli la roba da spacciare. Dai tre ragazzi Walt viene a sapere che si dice che sia stato Jesse ad uccidere Schizzo, per cui il ragazzo è ora temuto e rispettato, anche se a sua insaputa. Walt trova così il pretesto per espandere il mercato, mirando a ottenere il monopolio e permettersi di aumentare i prezzi. Jesse, ad ogni modo, inizia a legare con Jane, la quale scopre che il vero cognome del ragazzo è Pinkman e che gode di una certa reputazione.

Hank intanto inizia il suo lavoro con un'operazione delicata a El Paso, dove non riscontra la simpatia dei colleghi, che lo considerano un "poliziotto di città" e molto sopravvalutato dal comando di Albuquerque, dove era considerato un eroe. Nella sua permanenza nel Texas ha subito modo di avere a che fare con i cartelli messicani andando a parlare con Tortuga, un informatore per la DEA, che deve aiutarlo nell'operazione in cui è impegnato. Successivamente, si aspettano che Tortuga incontri qualcuno di importante a Juarez, ma arrivati sul posto scoprono che l'informatore è stato decapitato e la sua testa è stata messa su una tartaruga con scritto "Hola DEA". Hank sembra essere impressionato dalla scena e scappa nauseato alla sua auto, tra le risate dei suoi nuovi colleghi, evidentemente abituati a questo tipo di spettacolo. Tuttavia l'euforia degli agenti viene smorzata dall'esplosione della tartaruga, che uccide uno di loro e ferisce gravemente altri tre, lasciando illeso Hank che si era appunto allontanato.

Nel frattempo Skyler, considerati i problemi economici della famiglia, cerca lavoro come addetto all'immissione dati presso la ditta di costruzioni Beneke, dove lavorava fino a 4 anni prima. Dopo aver compilato una scheda di presentazione, chiede ed ottiene di incontrare il proprietario dell'azienda, Ted Beneke, il quale la conosce molto bene e con il quale sembra avere un rapporto molto confidenziale. Infatti Beneke le offre un posto come ragioniera, così come lo aveva 4 anni prima. Skyler è al settimo cielo per il suo nuovo lavoro e, quando lo riferisce a Marie, quest'ultima le ricorda che Ted Beneke tempo prima aveva cercato di molestare proprio Skyler all'epoca in cui lavorava per lui, ma la donna sembra minimizzare l'accaduto dicendo che Ted era ubriaco, che era successo solo una volta e che non sarebbe ricapitato perché lui è ora un uomo sposato e con figli. Allo stesso modo Walt ricorda alla moglie che lei si era licenziata per via dei pericolosi fumi di saldatura che si sprigionavano in azienda, cosa che oggi sarebbe pericolosa anche per il bambino che porta in grembo, ma come prima la donna minimizza dicendogli che gli standard della fabbrica sono cambiati. Tuttavia, nel suo primo giorno di lavoro, le si presenta Ted, con una visibile macchia di vino sulla camicia, che le confessa di aver divorziato dalla moglie e che quindi qualche giorno vorrebbe portare Skyler a pranzo fuori. La donna sembra essere interdetta. Jesse infine confessa a Jane il suo vero nome e che Walt non è suo padre, invitandola poi in casa sua per mostrarle la sua nuova tv; mentre i due attendono che l'apparecchio registri il segnale, la ragazza lo prende per mano.

Conviene chiamare Saul[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hank, scosso dalla storia di Tortuga, è tornato ad Albuquerque da Marie ed è chiuso in camera da letto da giorni. Marie chiede aiuto ai White, e Walt si reca a casa di Hank per convincerlo ad affrontare il mondo reale e tornare al lavoro. Tornato al suo vecchio impiego ha comunque degli attacchi di panico, ma cerca di non farlo notare ai suoi cari e ai suoi colleghi, mostrandosi disinvolto e giocherellone come sempre.

Badger, intanto, mentre è seduto su una panchina, viene avvicinato da un ragazzo in cerca di metanfetamine. Badger sospetta che il ragazzo sia un poliziotto e quindi nega di essere uno spacciatore: il ragazzo gli prova a più riprese di non essere un agente e Badger si convince così a dargli qualche grammo. Il presunto tossicodipendente è però realmente un agente della polizia di Albuquerque e quindi lo spacciatore finisce in carcere. Jesse, convinto dalla pubblicità alla tv e per le strade ("Better call Saul!" - "Conviene chiamare Saul!"), chiama così un avvocato stravagante di nome Saul Goodman in difesa del suo amico/scagnozzo. Walt va poi a trovare l'avvocato in veste dello zio di Badger, scoprendo che il legale ha come piano quello di garantire la libertà del ragazzo mediante la sua collaborazione con la DEA a proposito di Heisenberg. Palesemente scioccato da questa notizia, Walt cerca di distogliere l'avvocato da questa pista, ma il legale sembra non voler cedere, neanche di fronte a un'offerta di 10.000$. Ad ogni modo Goodman sembra non capire così tanto accanimento nel voler evitare che Badger spifferi tutto sul suo gruppo in cambio della libertà.

Walt e Jesse decidono così di fingersi scagnozzi di Heisenberg e di rapire Goodman affinché trovi una soluzione utile sia a Badger per evitare il carcere e sia a loro per tenere salva la propria identità. Walt però si tradisce con la sua inconfondibile tosse e l'avvocato così capisce che Badger è un loro "dipendente". In prima battuta, il legale suggerisce ai due che la soluzione migliore è quella di uccidere il ragazzo, ma Jesse si oppone fermamente, essendo suo amico (tuttavia nasconde ciò all'avvocato). L'avvocato fa notare loro, però, che se Badger resta in vita e non va in galera, qualcuno deve pur andarci. Goodman intanto chiede e ottiene con successo dal giudice la scarcerazione immediata di Badger, ma Hank e Gomez, in qualità di agenti della DEA, gli chiedono del suo fornitore: il ragazzo descrive il capo come un uomo tra i 50 e i 70 anni, calvo e di altezza media, che si fa chiamare Heisenberg. In realtà non è la descrizione di Walt, bensì di James Kilkelly, un pluripregiudicato che è solito andare in prigione al posto degli altri dietro compenso, e che sembra essere ben conosciuto da Saul Goodman. In questo modo Badger esce pulito e la DEA è sulle tracce di un falso Heisenberg.

Badger si offre quindi di incastrare il suo fornitore per conto della DEA e si posiziona su una panchina ad aspettarlo, con gli agenti che lo osservano in lontananza. Ironia della sorte gli si siede a fianco un uomo ugualmente calvo e Badger, che non conosce il vero volto di Kilkelly, insiste per cominciare la messinscena con l'uomo ignaro di tutto. Tuttavia il vero "finto Heisenberg" arriva sulla panchina accanto, ma Badger non lo sa. Walt e Jesse, che erano nei paraggi, mettono in atto un'altra messinscena per evitare spiacevoli equivoci: mentre Walt tiene impegnato il cognato Hank, che è nell'auto della DEA, ostruendogli la visuale, Jesse si avvicina alle panchine per dire a Badger che sta sbagliando persona. Non appena Badger si avvicina a Kilkelly e finge lo scambio, l'uomo viene arrestato immediatamente. Stranamente, nella gioia generale, Hank è l'unico a non festeggiare, anzi sembra essere pensieroso.

Nonostante Goodman sembrasse uno squallido avvocato di periferia, chiede a Walt e Jesse ben 80.000$ per l'avvenuta scarcerazione di Badger, per la parcella di Kilkelly e per il silenzio. Nel finale l'avvocato, che aveva indagato su Walt, si reca nel liceo in cui questi insegna, e gli propone di essere "ciò che Tom Hagen è stato per don Vito Corleone", e cioè diventare il loro consigliere di fiducia, dal momento che, per sua esperienza, sa che Badger è il primo di una lunga serie di arresti in un'attività del genere. Tuttavia ridimensiona il paragone dicendo che Walt, più che Vito Corleone, gli sembra Fredo Corleone.

Jesse e Jane intanto diventano sempre più intimi. Dopo un rapporto sessuale, Jesse propone alla ragazza di fumare della marijuana, ma lei gli confessa di essere in recupero da ben 18 mesi. Nel finale, Jesse compra finalmente un materasso su cui dormire, e di ciò è contenta anche Jane.

4 giorni fuori[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Walt si reca al centro oncologico a fare una TC per controllare lo stato della sua malattia. Gli esiti degli esami non sono subito pronti, ma riesce a dare un'occhiata di nascosto a un referto non ancora esaminato, che sembra non dargli più molte speranze. Considerati i conti che ha fatto con l'avvocato/consigliere Goodman, Walt si rende conto di non star lasciando abbastanza soldi alla sua famiglia, per cui è il momento di tornare a cucinare. Jesse, che aveva preso impegni con Jane per una mostra di Georgia O'Keeffe a Santa Fe, si vede costretto a deludere la ragazza per aiutare il suo ex professore. Tuttavia Walt nasconde il vero motivo di così tanta fretta a Jesse, al quale dice che hanno bisogno di smaltire la metilammina rubata tempo prima (ep. Vendetta, stagione 1) in quanto di lì a poco sarebbe andata a male. Il professore dunque propone a Jesse una maratona di 4 giorni nel deserto per preparare quanta più metanfetamina possibile, e giustifica la sua assenza alla moglie dicendo che sarebbe andato a trovare sua madre, che non vede da tempo.

Arrivati nel deserto, inizia la frenetica preparazione della droga: dopo due giorni i due sono già arrivati a produrre 19 pacchi di meth da circa 1,6 kg l'uno, equivalenti a circa 672.000$ netti a testa, considerato l'aumento dei prezzi da loro imposto. Jesse crede che ciò possa bastare, ma Walt gli dice che non hanno ancora finito: devono finire tutto il barile di metilammina, in cui sono rimasti ancora 10-15 litri. Tuttavia Jesse propone di andare in un motel per farsi una doccia e dormire bene; l'entusiasmo dei due viene smorzato dal camper che non parte più, dal momento che Jesse aveva lasciato la chiave nell'accensione, consumando la batteria. I due cercano di riattivare la batteria usando il generatore del laboratorio, ma questi si incendia: per spegnere l'incendio, Jesse, anziché usare l'estintore, d'istinto usa un barilotto di acqua, restando completamente senza acqua nel deserto. Poco dopo, Walt pensa di sfruttare la puleggia del generatore per ricaricare la batteria del camper, il quale sembra rimettersi in moto, spegnendosi però poco dopo. Walt, fino a poco fa restio a causa del controllo della moglie, si decide a prestare il proprio cellulare a Jesse per chiedere aiuto a Skinny Pete, il quale però si perde nel deserto poiché non aveva seguito alla lettera le indicazioni di Jesse e Walt. A questo punto i due si gettano nella disperazione, e intanto le condizioni di Walt peggiorano con frequenti attacchi di tosse ed emottisi, cosa che fa capire a Jesse che l'urgenza di fare soldi non dipendeva dalla metilammina. Ad ogni modo, Walt, grazie alle sue conoscenze di chimica, riesce a costruire una batteria d'emergenza con dei materiali improvvisati, riuscendo nell'impresa di far ripartire il camper.

Jesse riaccompagna Walt all'aeroporto, dove sarebbe dovuto andarlo a prendere la moglie, e gli promette che, se dovesse succedergli qualcosa all'improvviso, lui si preoccuperà in prima persona di dare la parte spettante alla famiglia White, al 50 e 50 da buoni soci. Walt dopo un po' si reca con la famiglia al centro oncologico per ottenere i risultati della TC, scoprendo che in realtà il carcinoma è in remissione e anzi inaspettatamente si è ridotto dell'80%. La tosse frequente e l'emottisi sono infatti dovuti a un effetto collaterale della radioterapia, che gli ha causato una polmonite da radiazioni (questo è ciò che Walt aveva scorto di nascosto sul referto TC, autoconvincendosi di non avere più alcuna speranza). Ad ogni modo, la polmonite sembra essere un male piccolissimo rispetto al cancro ai polmoni, così lui e la sua famiglia sono felici e commossi. Dopo la gioia iniziale, Walt però ha un violento scoppio d'ira nel bagno del centro oncologico.

Game Over[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le buone notizie sulla sue condizioni di salute, Walt è infelice e sempre sul punto di arrabbiarsi. Skyler decide di dare una festa per festeggiare e ringraziare tutti gli amici per il loro supporto: durante la festa Walt è al tavolo con Hank e Walter Jr. Hank inizia a parlare delle sue imprese eroiche alla DEA, mentre Walt riempie i bicchieri con della tequila e ne versa un po' anche a Walter Jr. Al primo giro Hank è sorpreso ma fa finta di nulla, al secondo giro di tequila Hank sembra essere contrariato, al terzo l'agente se la prende con Walt e gli requisisce la bottiglia. Mentre i due cognati litigano, Walter Jr. vomita nella piscina. La festa sembra essere decisamente rovinata e Walt, una volta ripresosi, sembra imbarazzato per il suo comportamento.

Intanto, incontratosi con Jesse, rivela al ragazzo il suo miglioramento e gli dice che, dopo aver venduto questa partita di meth, dovranno mettere fine al proprio traffico. Jesse nel frattempo conosce meglio Jane: ma un giorno il padre di lei, Donald, arriva a farle visita e Jesse esce di casa per conoscerlo, incontrando però l'ostilità di lui e la freddezza di lei. Parlando di questo episodio con Jane, lei gli riferisce che è meglio per lui se facciano finta di non conoscersi, considerata le severità del padre. Jesse sembra comunque abbastanza deluso dal comportamento della ragazza, la quale si scuserà con un suo disegno (The apology girl).

A casa White, intanto, lo scaldabagno, nonostante la riparazione di Hank (ep. Tutto cambia), riprende a non funzionare, per cui Walt si offre di comprarne uno nuovo. Arrivato al negozio, guidato dal commesso, decide di non porsi problemi di denaro e comprare direttamente una caldaia. Successivamente, dopo aver montato la caldaia, incontra Walter Jr che lo aiuta a provarla. Il figlio approfitta di questo momento per scusarsi per aver vomitato nella piscina, ma il padre gli pone scuse più concrete per quanto riguarda il suo comportamento durante la festa. Nei giorni seguenti si vede Walt che è intento a ripulire il seminterrato dalla muffa e dalla sporcizia, ma non se ne capisce il reale motivo. Recatosi nuovamente al supermercato per comprare del diluente, incontra un ragazzo il cui carrello è pieno di materiale chimico, evidentemente per preparare della meth in casa: Walt gli dà così suggerimenti su come trovare il fosforo rosso e su come non destare sospetti durante la spesa. Uscito dal negozio, però, incontra lo stesso ragazzo che sta discutendo con quello che sembra essere un suo socio. Quest'ultimo si avvicina a Walt con aria incuriosita, ma il chimico, dopo averlo squadrato con fare minaccioso, gli intima: "restate fuori dal mio territorio". La scena infatti è accompagnata dalla canzone DLZ dei Tv on the radio ("stay out of my territory").

Skyler, sul lavoro, confessa a Ted Beneke la malattia di Walt, mostrandosi felice per la guarigione temporanea del marito. Tuttavia dopo un po' di tempo, una sera, scoppia in lacrime dinanzi al suo superiore, confessandogli che le sue paure sono ancora vive e che non riesce ancora a raggiungere la luce in fondo al tunnel. Ted cerca di far calmare Skyler, tenendole anche la mano.

Mandala[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli spacciatori di Walt e Jesse, Combo, essendo stato messo a spacciare nel posto sbagliato, viene ucciso da una gang rivale. Jesse a questo punto, scosso dalla perdita dell'amico, prende a fumare cristalli, anche con la compagnia di Jane, che è ora caduta nuovamente nella spirale della droga, e che fa addirittura provare a Jesse dell'eroina. Walt e Jesse, ad ogni modo, si trovano senza spacciatori, dal momento che Badger è scappato a Fresno (California), Combo è morto e Skinny Pete è in libertà vigilata. Skinny dichiara inoltre a Jesse che la moglie di Schizzo ha confessato e quindi tutta la sua reputazione di killer spietato è caduta e la gente non si farebbe più problemi a dare loro fastidio. Intanto Walt ha bisogno di una costosissima lobectomia che potrebbe risolvere definitivamente i suoi problemi di salute.

Considerato che hanno ben 19kg di metanfetamine da smaltire, i due soci cercano una soluzione e si rivolgono al loro consigliere Saul. Questi propone loro di mettersi in affari con "l'uomo perfetto", un distributore che sembrerebbe serio e onesto, che a sua detta lavora in modo diverso da Tuco, considerato nient'altro che uno psicopatico. L'avvocato però conosce questo nuovo distributore per mezzo di altri intermediari, per cui non sa dare nome e descrizione dell'uomo, ma sa solo dire che l'appuntamento è in una filiale de Los Pollos Hermanos. Walt si presenta all'appuntamento, mentre Jesse arriva in ritardo e sotto effetto di droghe, ma non vengono avvicinati da nessuno, se non da quello che sembra un dirigente della filiale, un uomo di colore con gli occhiali. Tuttavia i due aspettano un altro po', Jesse va via spazientito, mentre Walt aspetta ancora, senza esito. Uscito dal locale, il chimico si dirige presso sua moglie che è in visita ginecologica, dove scopre che il liquido amniotico è in diminuzione, programmando un parto cesareo per la settimana successiva.

Skyler, nel frattempo, alla Beneke, si offre di fare la torta di compleanno per il compleanno di Ted, il quale, durante la festa aziendale, le chiede di fare per lui un'imitazione di Marilyn Monroe, facendo immaginare che fosse un'abitudine ai tempi in cui Skyler lavorava per la vecchia azienda Beneke. Tuttavia, dopo un po', la donna scopre delle entrate non registrate per oltre 1 milione di dollari, e, quando lo fa notare a Ted, questi non nasconde le sue azioni, giustificando il tutto con la necessità di pagare dei debiti lasciati dal padre. Skyler, considerata la confidenzialità che ha con Ted, decide di non denunciarlo, ma amareggiata gli dichiara che non vuole essere parte del suo losco gioco.

Walt, ad ogni modo, chiama Saul per rinfacciargli il fatto che il suo uomo non si è presentato all'appuntamento. Saul, da parte sua, dice che in realtà l'uomo era nel locale e che ha valutato attentamente i modi di agire di Walt e Jesse, non sembrandone contento, e che quindi non è più interessato all'affare. Walt, in preda al panico, chiede e ottiene un'altra possibilità, per cui si reca nuovamente nel locale di prima, dove si trattiene fino a tarda serata. Tuttavia, una volta sgomberato il locale, avvicina l'uomo di colore con gli occhiali che gli aveva rivolto la parola la volta precedente. Sebbene questi voglia negare inizialmente, dopo un po' ammette a Walt di essere colui il quale egli crede di essere, e che non ha avuto e non ha intenzione di trattare con loro per via di Jesse, il quale gli era sembrato svogliato e tossicodipendente. Walt, ad ogni modo, convince l'uomo a trattare con loro e si accordano per il giorno dopo. Dopo le lezioni al liceo, infatti, Walt riceve un SMS con scritto "POLLOS", per cui si reca a Los Pollos Hermanos, ma non trova più il suo uomo. Chiede a una donna di lui e scopre che questi si chiama Gustavo (Gus, da ora in poi) e che in realtà è il proprietario della catena di fast food, per cui è impossibile trovarlo sempre nello stesso posto. La donna inoltre rifiuta di consegnare a Walt il numero del cellulare personale. Scoraggiato, Walt sta per uscire, quando viene fermato da un ragazzo ispanico, il quale gli riferisce il punto preciso in cui lasciare il carico, aggiungendo che ha massimo un'ora di tempo. Walt quindi cerca di chiamare Jesse per avere la roba, ma non risponde al cellulare, va a casa sua ma non apre nessuno. Il professore decide quindi di sfondare la porta, scoprendo Jesse completamente drogato, da cui riesce a farsi dire dove ha nascosto la merce.

Mentre Walt prende la meth che Jesse aveva nascosto sotto il lavandino della cucina, l'uomo riceve un SMS da Skyler che lo informa dell'imminente nascita della bambina.

Phoenix[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Walt, fortunatamente, riesce ad effettuare in tempo lo scambio di droga. Così facendo, però, manca la nascita di sua figlia Holly: con la scusa del traffico riesce a raggiungere in ritardo la moglie in ospedale, scoprendo che è stata accompagnata lì da Ted Beneke. Jesse, non ricordando nulla di ciò che è successo, rinviene dall'effetto delle droghe e scopre che è sparita la metanfetamina da casa sua: in preda al panico, pensando a un furto, chiama Walt per dirgli che è sparita la roba, ma il chimico non può far altro che attaccargli il telefono, rassegnato dalla condizione disperata in cui si trova il ragazzo. Quando Jesse inizia a ricordare ciò che è successo, scoprendo la verità, si reca al liceo di Walt per chiedere al professore di avere la metà dei soldi dell'affare: Walt però rifiuta di dare la sua parte a Jesse per non peggiorare la sua tossicodipendenza, promettendogli comunque di elargirgliela non appena si mostrerà sobrio. Il ragazzo va in escandescenza e lo aggredisce. Tornato a casa, poi, trova Jane, con cui si lamenta del comportamento di Walt e le racconta tutto. Jane, venuta a sapere della doppia vita di Walt, minaccia il professore di denunciarlo e di sbatterlo sui giornali, nel caso in cui non dovesse dare la parte dei soldi a Jesse.

Il padre di Jane, che la sta accompagnando alla riabilitazione, un giorno, vedendo che la figlia non risponde al telefono, si fa trovare davanti casa sua. Quando la chiama per l'ennesima volta, la ragazza esce di casa per andare alla macchina, ma il padre nota che Jane non è uscita da casa sua, ma da quella di Jesse. Irrompe così nella casa del ragazzo, scoprendo la relazione tra sua figlia e Jesse, e soprattutto il loro uso di eroina; minaccia quindi di sfrattare Jesse e di segnalare i due alla polizia per l'uso di droga, ma Jane riesce a convincerlo a non farlo, promettendogli che il giorno dopo sarebbe tornata in riabilitazione.

Walt, nel frattempo, cede al ricatto di Jane, e va a consegnare i soldi a Jesse, con grande rassegnazione. Jesse e Jane, vedendo la grandissima somma di denaro di cui ora dispongono, iniziano a fare tanti progetti per il proprio futuro, come quello di scappare in Nuova Zelanda, piuttosto che spenderli in droga. Tuttavia, una volta entrati nella stanza da letto, alla vista dell'eroina cedono di nuovo e riprendono a drogarsi. Walt, che intanto ha nascosto il suo denaro nel locale della lavanderia, con la scusa di comprare i pannolini per Holly esce di casa verso sera. In realtà va in un pub a bere, dove incontra, casualmente, il padre di Jane, con cui finisce per parlare dell'educazione dei figli. Dopo la conversazione, mosso probabilmente da un senso paterno, si reca di nuovo da Jesse per parlargli. Entrato in casa, però, vede che Jesse non riesce a svegliarsi e fare un discorso sensato. Mentre cerca di svegliare il ragazzo, Jane, che è nel letto con lui, si gira sulla schiena dando origine ad una crisi di vomito nel sonno per overdose: Walt si limita ad osservarla lasciandola morire per poi scoppiare in lacrime.

Nel tentativo di raccogliere fondi per l'imminente operazione di Walt, intanto, Walter White Jr. realizza un sito web per raccogliere donazioni. Saul suggerisce a Walt di sfruttare questa occasione per fingere che i soldi guadagnati da Walt con lo spaccio sembrino pervenuti attraverso piccoli e anonimi donatori, e per fare ciò Saul si serve di un abilissimo hacker che conosce da tempo.

Albuquerque[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jesse si sveglia dal suo sonno e scopre Jane morta, quindi contatta Walt sconvolto. Walt contatta Saul che manda un suo uomo per evitare un coinvolgimento di Jesse nella morte della ragazza. Successivamente, Walt tenta di far uscire Jesse da un vortice di auto-distruzione. Nel frattempo, i fondi di Walt confluiscono nel sito di Walter White Jr, che attrae l'attenzione dei media.

I comportamenti segreti di Walt vengono smascherati da Skyler quando egli riferisce accidentalmente il possesso di due cellulari mentre è sotto effetto anestetico prima dell'operazione. Skyler investiga a fondo e scopre alcune delle sue menzogne (scopre che Walt non era andato a trovare la madre ma era "sparito" per quattro giorni, scopre che Walt non ha ricevuto un solo dollaro da Gretchen ed Elliot, che si erano offerti di pagargli le cure, e così via) e decide di lasciarlo. Il padre di Jane, un controllore del traffico aereo, distratto dalla morte della figlia, causa una collisione a mezz'aria, i cui detriti arrivano a casa di Walt così come in tutta Albuquerque.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione