Ricina (proteina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Semi di Ricinus communis da cui viene estratta la ricina

La ricina è una proteina presente nei semi della pianta Ricinus communis. È una potente citotossina naturale: è infatti in grado di causare morte cellulare bloccando l'attività di sintesi proteica dei ribosomi. La dose letale per l'uomo è generalmente indicata in 0,2 milligrammi, sebbene alcune fonti forniscano valori superiori.

La ricina, che ha un peso molecolare di circa 62 kDa, appartiene alla famiglia delle proteine inattivatrici del ribosoma (in inglese Ribosome Inactivating Proteins) di tipo II (RIP II).

La ricina consiste in due distinte catene polipeptidiche di circa 30 kDa ciascuna. Le subunità A (RTA) sono dotate di attività citotossica, interferendo con la sintesi proteica. Le subunità B (RTB) promuovono l'ingresso della tossina nelle cellule. Queste 2 subunità sono legate da un ponte disolfuro, la cui riduzione all'interno della cellula consente alla subunità A di legarsi al ribosoma, bloccarne l'attività di sintesi proteica e causare morte della cellula stessa. Molte piante, come l'orzo, possiedono soltanto la subunità A, che di per sé ha una bassa tossicità.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nella serie tv Breaking Bad viene spiegato, seppur in modo molto approssimativo, la realizzazione e la pericolosità della ricina. All'interno del telefilm, infatti, alcuni personaggi cercheranno di utilizzarla per uccidere degli antagonisti in tre diverse occasioni.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]