David Lodge (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Lodge (Brockley, 28 gennaio 1935) è uno scrittore, critico letterario e insegnante britannico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Si laureò nel 1955 allo University College di Londra (dove conseguì anche un master nel 1959). Nel 1960, ottenne un dottorato di ricerca presso l'Università di Birmingham, dove insegnò inglese dal 1960 al 1987.

Nei suoi romanzi, ha spesso raffigurato in maniera satirica gli accademici (in particolare, gli umanisti). Di religione cattolica (anche se si autodescrisse come un "cattolico agnostico"), molti dei suoi personaggi abbracciano la religione cattolica. Anzi, la religione stessa è stata spesso trattata nei suoi romanzi, come The British Museum Is Falling Down, How Far Can You Go? e Paradise News.

Oltre ai celeberrimi racconti in stile ironico e irriverente, Lodge ha scritto durante la sua carriera accademica saggi di critica letteraria dedicati in particolare alla teoria del romanzo e all'indagine di alcuni fondamentali esponenti della letteratura mondiale da Graham Greene a Evelyn Waugh.

In contrapposizione a John Barth e al suo saggio The Literature of Exhaustion, David Lodge propone una specie di romanzo realista che interiorizza l'esitazione dello scrittore contemporaneo tra scrittura realista e pura "fictional". Nasce il romanzo problematico di Lodge. Un romanzo problematico che interiorizza l'esitazione dello scrittore contemporaneo tra scrittura realista e pura scrittura "fictional". Caratteristiche della metanarrativa di Lodge sono: la strategia dell'autore-nel-testo (narrautore), la strategia del lettore-nel-testo (drammatizzazione della relazione con il lettore), interruzioni della struttura narrativa, enfasi o allusioni al funzionamento e alla costruzione dello stile narrativo, riferimento libero alla letteratura (intertesto), enfasi del paratesto (titoli, sottotitoli, note dell'autore, prefazione). David Lodge è inoltre autore teatrale e televisivo e ha curato le trasposizioni cinematografiche di alcuni suoi romanzi.

Nel 1998, venne nominato Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico per i suoi meriti in campo letterario.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • The Picturegoers, 1960
  • Ginger You're Barmy, 1962
  • The British Museum Is Falling Down, 1965 (ed.it. È crollato il British Museum, Bompiani, 2003)
  • Out of the Shelter, 1970 (ed.it. Fuori dal guscio, Bompiani, 2004)
  • Changing Places: A Tale of Two Campuses, 1975 (ed.it. Scambi, Bompiani, 2001)
  • How Far Can You Go?, 1980 (ed.it. Quante volte figliolo?, Bompiani, 1996)
  • Small World: An Academic Romance, 1984 (ed.it. Il professore va al congresso, Bompiani, 2001)
  • Nice Work, 1988 (ed.it. Ottimo lavoro, professore!, Bompiani, 2001)
  • Paradise News, 1991 (ed.it. Notizie dal paradiso, Bompiani, 2000)
  • Therapy, 1995 (ed.it. La Felicità è di questo mondo, Bompiani, 2000)
  • The Man Who Wouldn't Get Up: And Other Stories, 1998
  • Home Truths, 1999 (ed.it. Panni sporchi, Bompiani, 2005)
  • Thinks ..., 2001 (ed.it. Pensieri, pensieri, Bompiani, 2002)
  • Author, Author, 2004 (ed.it. Dura, la vita dello scrittore, Bompiani, 2004)
  • Deaf Sentence, 2008 (ed.it. Il prof è sordo, Bompiani, 2009)
  • A Man of Parts (H. G. Wells), 2011

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • The Writing Game, 1990 (ed.it. Il gioco della scrittura, Bompiani, 2002)
  • Home Truths, 1999

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Language of Fiction, 1966
  • The Novelist at the Crossroads, 1971
  • The Modes of Modern Writing', 1977
  • Working with Structualism, 1981
  • Write On, 1986
  • After Bakhtin, 1990
  • The Art of fiction, 1992 (ed.it. L'arte della narrativa, Bompiani, 2001)
  • Modern Criticism and Theory: A Reader, 1992
  • The Practice of Writing, 1997
  • Consciousness and the Novel, 2003
  • The Year of Henry James: The Story of a Novel, 2006

Bibliografia critica[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Mullini, Il demone della forma. Intorno ai romanzi di David Lodge, La Mandragora, 2001

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 108231070 LCCN: n50039463