Alasdair Gray

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alasdair Gray (1994)

Alasdair Gray (Glasgow, 28 dicembre 1934) è uno scrittore, artista e poeta britannico, drammaturgo e accademico.

Eclettico scrittore, muralista, scenografo e pittore scozzese, laureato e docente all'Accademia d'Arte di Glasgow, nelle sue opere mescola elementi di realismo e umorismo con fantasy, fantascienza, erotismo e un intelligente uso della tipografica, insieme a sue avvincenti illustrazioni artistiche. È considerato il fautore del "rinascimento" letterario della Scozia.

L'opera più nota è il suo primo romanzo Lanark, pubblicato nel 1981 e scritto in un periodo di quasi 30 anni. È ora considerato un classico, ed è stato descritto da The Guardian come "uno dei pilastri della narrativa del XX secolo."[1] Complesso insieme surreale di fantasia, autobiografia e satira sociale, il libro fornisce una visione della società contemporanea attraverso la storia di un giovane studente d'arte.

Il suo romanzo Poor Things (Poveracci!) (1992; in italiano 2000) ha vinto il Whitbread Novel Award[2] e il Premio Guardian Fiction Prize.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Lean Tales (1985) (con James Kelman e Agnes Owens)
  • Unlikely Stories, Mostly (1983)
  • Ten Tales Tall & True (1993)
  • Mavis Belfrage (1996)
  • The Ends of Our Tethers: 13 Sorry Stories (2003)

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Old Negatives (1989)
  • Sixteen Occasional Poems (2000)

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Why Scots Should Rule Scotland (1992; riveduto 1997)
  • The Book of Prefaces (curatore) (2000)
  • Alasdair Gray: Critical Appreciations and a Bibliography (2001; include contributi di Gray stesso)
  • How We Should Rule Ourselves (2005)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Dialogue - A Duet (1971)
  • The Loss Of The Golden Silence (1973)
  • Homeward Bound - A Trio for Female Chauvinists (1973)
  • Sam Lang and Miss Watson - A One Act Sexual Comedy In Four Scenes (1973)
  • McGrotty and Ludmilla (1986)
  • Working Legs: A Play for Those Without Them (1997)
  • Goodbye Jimmy (2006)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Dialogue - A Duet (1972)
  • Today and Yesterday
  • Martin (dramma)

Radio[modifica | modifica wikitesto]

  • Dialogue - A Duet (1969)
  • The Loss Of The Golden Silence (1973)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Alasdair Gray, guardian.co.uk, 22 luglio 2008. URL consultato il 20-1-2009.
  2. ^ (EN) Alasdair Gray, National Library of Scotland. URL consultato il 20-1-2009.
  3. ^ (EN) Merritt Moseley, The Guardian Fiction Award, University of North Carolina at Asheville. URL consultato il 20-1-2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aurelio Pasini, La Scozia Di Alasdair Gray, Mobydick.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 114328115 LCCN: n80119235