Yorgos Lanthimos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Yorgos Lanthimos (Γιώργος Λάνθιμος in greco) (Atene, 1973) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico greco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Yorgos Lanthimos è nato ad Atene. Ha studiato regia cinematografica e televisiva alla Stavrakos Film School ateniese. Durante gli anni novanta ha diretto una serie di video per compagnie greche di danza teatrale. A partire dal 1995 ha diretto un gran numero di spot televisivi, oltre a video musicali, cortometraggi e spettacoli teatrali sperimentali.[1] Inoltre è stato membro del team creativo che ha curato le cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi della XXVIII Olimpiade ad Atene.[1][2]

La sua carriera nel mondo del cinema è iniziata con il film O kalyteros mou filos (noto come My Best Friend a livello internazionale), del quale ha condiviso la regia con il mentore Lakis Lazopoulos. In seguito ha diretto da solo il film sperimentale Kinetta, che è stato presentato al Toronto Film Festival nel 2005.[3] Il suo terzo lungometraggio, Kynodontas, ha vinto alla sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2009[4][5] ed è stato candidato come miglior film straniero ai Premi Oscar 2011.[6] Nel 2011, il suo quarto film Alps ha vinto il Premio Osella per la migliore sceneggiatura (Yorgos Lanthimos e Efthimis Filippou) alla 68ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[7]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Solo regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Spettacoli teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 - D.D.D di Dimitris Dimitriadis, Theatro tou Notou (Amore-Dokimes)
  • 2004 - Blaubart di Dea Loher, Theatro Porta
  • 2008 - Natura morta in un fosso di Fausto Paravidino, Theatro tou Notou (Amore)
  • 2011 - Platonov di Anton Chekhov, National Theatre of Greece (New Scene – Nikos Kourkoulos)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Yannis Sakaridis, 10 Greek Filmmakers to Watch, raindance.org. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  2. ^ (EN) DOGTOOTH - Press Kit, festival-cannes.com. URL consultato il 23 maggio 2009.
  3. ^ (EN) Despina Pavlaki, Film: Dogtooth, Athens News, 15 ottobre 2009. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  4. ^ (EN) Un Certain Regard Awards Ceremony, festival-cannes.com. URL consultato il 23 maggio 2009.
  5. ^ (EN) Eugene Hernandez, "Dogtooth" Wins Top Cannes Un Certain Regard Prize, indiewire.com, 23 maggio 2009. URL consultato il 23 maggio 2009.
  6. ^ (EN) Nominees for the 83rd Academy Awards, oscars.org. URL consultato il 25 gennaio 2011.
  7. ^ (EN) Official Awards of the 68th Venice Film Festival, labiennale.org. URL consultato il 18 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]