Claudia Pandolfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Le donne italiane vivono in un paese che non riconosce il loro valore: [...] sono a cavallo, ma restano dentro la stalla. »
(Claudia Pandolfi, 2010[1])
Claudia Pandolfi nel 2009

Claudia Pandolfi (Roma, 17 novembre 1974) è un'attrice italiana.

È divenuta popolare grazie alle interpretazioni di Alice Solari in Un medico in famiglia e di Giulia Corsi in Distretto di Polizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 è stata sposata per un mese con l'attore e doppiatore Massimiliano Virgilii, lasciato per Andrea Pezzi; ha avuto un figlio da Roberto Angelini.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Partecipando al concorso di Miss Italia nel 1991, dove raggiunge le posizioni finali, viene notata da Michele Placido che le offre una parte nel film Le amiche del cuore (1992).[2] Nel 1993 partecipa alla miniserie televisiva in otto puntate, Amico mio, in onda su Rai 2, mentre l'anno seguente è nel cast del film L'orso di peluche, con Alain Delon, diretto da Jacques Deray.[2]

Nel 1995 debutta in teatro con Io e mia figlia, regia di Renato Giordano, e partecipa a La voce del cuore; nel 1996 è in televisione con Il caso Redoli, film televisivo legato alla serie I grandi processi. Nel 1997 continua nell'impegno cinematografico con Auguri professore e Ovosodo; l'anno successivo è nel cast della serie televisiva Un medico in famiglia, in onda su Rai Uno. Nel 1999 è nel cast della fiction Una farfalla nel cuore e del film Milonga.[2]

Nel 2002 interpreta il ruolo di un commissario di polizia ne Il sequestro Soffiantini. Dal 2002 al 2005 ha interpretato il ruolo del commissario Giulia Corsi in Distretto di Polizia. Nel 2007 è protagonista, insieme a Raoul Bova, della miniserie Nassiriya - Per non dimenticare.[2] Nel 2008 è protagonista insieme a Giorgio Tirabassi, della miniserie I liceali, regia di Lucio Pellegrini. Gira Solo un padre, film di Luca Lucini, con Luca Argentero, ed è la protagonista di uno degli episodi della fiction Donne assassine per Fox Crime.[2]

Nel 2009 torna sul grande schermo con il film Due partite, nel ruolo di Rossana, regia di Enzo Monteleone, tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Cristina Comencini, con Isabella Ferrari e Margherita Buy.[2]

È nel film Cosmonauta, opera prima di Susanna Nicchiarelli, con Sergio Rubini, ambientato nell'Italia di fine anni '50 e inizio anni '60. Gira la seconda stagione de I liceali ed è protagonista insieme a Valerio Mastandrea de La prima cosa bella, film di Paolo Virzì.[2] Nella canzone Fiorirai del disco La vista concessa, cantata dal compagno Roberto Angelini, incide la voce di controcanto. Sempre per il suo compagno debutta alla regia, dirigendo il video della canzone Vulcano, tratto dall'album La vista concessa.[2]

Nel 2010 ritorna sul grande schermo con i film Figli delle stelle di Lucio Pellegrini, e Sulla strada di casa, regia di Emiliano Corapi. Nello stesso anno partecipa anche ad una data del gruppo rock alternativo italiano Afterhours, leggendo alcuni brani di autori italiani, suonando la batteria e cantando.[3] Nell'autunno 2010 ritorna nelle vesti di Giulia Corsi nelle nuove puntate della serie-TV Distretto di polizia 10, nel ruolo di vice-questore di Palermo[2].

Il 4 gennaio 2012 torna in tv, su Canale 5, con la fiction Il tredicesimo apostolo - Il prescelto nella quale interpreta il ruolo di una psicologa che affianca un prete (Claudio Gioè) dotato di poteri sovrannaturali[4].

Nel 2012 ha vinto il Premio Anna Magnani per la miglior attrice protagonista al Bif&st di Bari per il film Quando la notte di Cristina Comencini.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista a Claudia Pandolfi
  2. ^ a b c d e f g h i MyMovies.it Biografia
  3. ^ Afterhours: il rock sul palco del Petruzzelli
  4. ^ Fiction italiane - Il tredicesimo apostolo, Claudia Pandolfi: “È un thriller sorprendente, Valsecchi è stato coraggioso”

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]