Charles Spencer-Churchill, IX duca di Marlborough

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Spencer-Churchill, IX Duca di Marlborough
Charles Spencer-Churchill, IX Duca di Marlborough
Fotografia di Charles Spencer-Churchill, IX Duca di Marlborough
Duca di Marlborough
Stemma
In carica 1892 –
1934
Investitura 1892
Predecessore George Spencer-Churchill, VIII duca di Marlborough
Successore John Spencer-Churchill, X duca di Marlborough
Nome completo Charles Richard John Spencer-Churchill
Altri titoli Marchese di Blandford
Conte di Sunderland
Nascita Simla, India, 13 novembre 1871
Morte Blenheim Palace, 30 giugno 1934
Dinastia Spencer-Churchill
Padre George Spencer-Churchill, VIII duca di Marlborough
Madre Albertha Frances Anne Hamilton
Consorte Consuelo Vanderbilt
Gladys Deacon
Religione Anglicana
Cattolica

Charles Richard John Spencer-Churchill, IX duca di Marlborough (Simla, 13 novembre 187130 giugno 1934), è stato un politico inglese, conosciuto con il titolo di conte di Sunderland fino al 1883 e poi come marchese di Blandford tra il 1883 e il 1892 e stata un soldato inglese ed un politico del partito conservatore. Era spesso conosciuto come "Sunny" Marlborough dopo il suo titolo di cortesia di conte di Sunderland.

Ambiente ed educazione[modifica | modifica sorgente]

Nato a Simla, in India, Charles era l'unico figlio maschio di George Spencer-Churchill, VIII duca di Marlborough e della sua prima moglie Lady Albertha Frances Anne Hamilton, figlia di James Hamilton, I duca di Abercorn. Era nipote di Lord Randolph Churchill e primo cugino di Sir Winston Churchill. Fu educato nel Collegio di Winchester e al Trinity College.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Marlborough entrò nella Camera dei Lord dopo la morte prematura del padre nel 1892 e fece il suo primo discorso nel mese di agosto 1895.

Nel 1899 è stato nominato Tesoriere generale da Lord Salisbury, incarico che ricoprì fino al 1902, e poi fu Sottosegretario di Stato per le Colonie da Arthur Balfour, tra il 1903 e il 1905. Durante la prima guerra mondiale, fu nel Consiglio dell'Agricoltura e della pesca tra il 1917 e il 1918 nella coalizione di governo di David Lloyd George. Ha fatto il suo ultimo discorso alla Camera dei Lord nel dicembre del 1931.

Marlborough fu anche Lord grande intendente all' incoronazione di Edoardo VII nel 1902, sindaco di Woodstock tra il 1907 e il 1908 e Lord Luogotenente di Oxfordshire tra il 1915 e il 1934. Nel 1902 è stato nominato Cavaliere della Giarrettiera.

Carriera militare[modifica | modifica sorgente]

Marlborough era un ufficiale degli Ussari della Regina e combatté nella Seconda guerra boera come capitano. Tornato in servizio attivo nella prima guerra mondiale come tenente colonnello di stato maggiore.

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Marlborough si sposò due volte. La prima moglie è stata l'ereditiera americana Consuelo Vanderbilt che egli sposò nella Chiesa di S.Tommaso a New York il 6 novembre 1895. Ebbero due figli:

Gladys Deacon

La dote della Vanderbilt fu utilizzata per restaurare il Castello di Blenheim e ricostituire i suoi arredi e la biblioteca così come molti dei contenuti originali venduti nel corso dell'Ottocento. Molti dei gioielli indossati dalla successiva duchessa di Marlborough datano da questo periodo. Il IX Duca impiegò il giardiniere paesaggista Achille Duchene per creare il giardino d'acqua sulla terrazza di Blenheim. Tuttavia, la coppia divorziò nel 1921 e, cinque anni dopo, il matrimonio fu annullato dal Vaticano.

Successivamente, Marlborough sposò un'altra americana, Gladys Marie Deacon, figlia di Edward Parker Deacon e di Florence Baldwin. Artista e giardiniere appassionato, il duca aveva allargato le immagini della sua sorprendenti occhi blu / verdi dipinti sul soffitto del portico principale di Blenheim Palace, dove rimangono oggi. Il loro matrimonio senza eredi si rivelò molto infelice, tanto che Gladys Deacon teneva un revolver nella sua camera da letto per impedire l'ingresso del marito nella stanza. La coppia di separò ma non divorziò mai.

Al momento della sua morte, corse voce che il duca stesse negoziando per entrare in un ordine religioso cattolico in Italia, dopo essersi, in tarda età, convertito al cattolicesimo.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 50136804 LCCN: n96053773