Campionato del mondo rally 1986

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato del mondo rally 1986
Edizione n. 14 del Campionato del mondo rally
Dati generali
Inizio 18 gennaio
Termine 7 dicembre
Prove 13
Titoli in palio
Campionato piloti Finlandia Juha Kankkunen
su Peugeot 205 Turbo 16
Campionato costruttori Francia Peugeot
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

Il campionato del mondo rally 1986 è stata la 14ª edizione del campionato del mondo rally organizzato dalla Federazione Internazionale dell'Automobile.

La stagione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione comprendeva 13 rally, tutti i dodici della stagione precedente più l'aggiunta dell'Olympus Rally. Questo ha segnato il ritorno del mondiale negli Stati Uniti. Il rally sarebbe in seguito diventato l'unico evento WRC a cui presero parte le Gruppo B negli Stati Uniti.

La stagione 1986 è ricordata per essere stata l'ultima stagione del campionato mondiale rally in cui furono presenti le potenti e popolari vetture del gruppo gruppo B, che furono bandite dopo l'incidente fatale al Rally del Portogallo, dove tre spettatori rimasero uccisi e oltre 30 feriti e quello al Tour de Corse, dove Henri Toivonen e il suo copilota Sergio Cresto morirono in un rogo. Il campionato piloti è stato vinto da Juha Kankkunen, seguito da Markku Alen e Timo Salonen. Il titolo costruttori è andato alla Peugeot, dopo una battaglia serrata con la Lancia.

Juha Kankkunen alla guida della Peugeot 205 Turbo 16 durante il controverso Rally di Sanremo del 1986

La stagione iniziò con il Rally di Montecarlo e Henri Toivonen conquistò la vittoria con la sua Lancia Delta S4, proponendosi come un dei favoriti per il titolo. Al Rally di Svezia, Toivonen si ritirò a causa di un problema al motore e Juha Kankkunen vinse con la sua Peugeot 205 Turbo 16 E2, davanti al compagno di squadra di Toivonen Markku Alén. In Portogallo, Joaquim Santos perse il controllo della sua Ford RS200 uccidendo tre spettatori e ferendone più di trenta 30. Tutte le squadre ufficiali si ritirarono e Joaquim Moutinho vinse l'evento.

Un altro incidente mortale al Tour de Corse avrebbe cambiato la storia dei rally. Toivonen e il suo copilota Sergio Cresto a bordo della loro Lancia uscirono di strada, finendo in un burrone e capottandosi. Il serbatoio del carburante in alluminio sotto il sedile del pilota fu danneggiato dagli alberi ed esplose. Toivonen e Cresto non ebbero tempo di uscire dalla macchina e bruciarono all'interno. Perciò Jean-Marie Balestre e la FISA bandirono le automobili appartenenti al Gruppo B per la stagione 1987. Audi e Ford si ritirarono immediatamente, mentre le altre case continuarono fino alla fine della stagione. Il Tour de Corse fu comunque vinto dalla Peugeot di Bruno Saby, che ottenne la sua prima vittoria nel mondiale. Durante la stagione anche Miki Biasion ottenne la sua prima vittoria mondiale, sconfiggendo il compagno di squadra Alén al Rally di Argentina.

La stagione si chiuse con numerose polemiche quando gli organizzatore del Rally di Sanremo squalificarono tutte le vetture Peugeot a causa di quelle che per la casa francese erano delle protezioni per il serbatoio, ma secondo i commissari erano invece delle minigonne laterali per aumentare il carico. Comunque le macchine furono considerate legali al termine del campionato mondiale dalla FISA, che quindi annullò i risultati della prova italiana. Peugeot divenne così campione costruttori e Kankkunen campione piloti a discapito di Alen con la Delta S4 – che con quei punti che la FISA, per timore di una causa, aveva tolto a lui ed alle altre Lancia, si sarebbe laureato campione sul campo.[1]

Il 1986 fu l'unica stagione in cui la FIA organizzò il Campionato del Mondo Piloti di Gruppo A. Lo svedese Kenneth Eriksson, alla guida di una Volkswagen Golf GTI 16V vinse il titolo precedendo Rudi Stohl e la sua Audi quattro Coupé, una versione meno potente della Sport quattro Gruppo B. Dal 1987 in poi, le automobili del Gruppo A sarebbero state le vetture utilizzate dai piloti per le successive edizioni del campionato del mondo rally sino al 1996.

Squadre e piloti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Costruttore Auto Tyre Piloti Rally
Francia Peugeot Talbot Sport Peugeot 205 Turbo 16 E2 M Finlandia Timo Salonen 1–3, 5–7, 9, 11–12
Finlandia Juha Kankkunen 1–4, 6–9, 11–13
Francia Bruno Saby 1, 5–6, 8, 11
Francia Michèle Mouton 1, 5
Kenya Shekhar Mehta 4
Svezia Stig Blomqvist 9
Italia Andrea Zanussi 11
Finlandia Mikael Sundström 12
Germania Audi Sport Audi Sport quattro S1 E2 M Germania Walter Röhrl 1, 3
Finlandia Hannu Mikkola 1
Svezia Mikael Ericsson 2
Svezia Gunner Pettesson 2
Austria Rudi Stohl 4
Svezia Martin Ericsson 9
Svezia Lasse Gundler 9
Stati Uniti John Buffum 13
Italia Martini Racing Lancia Delta S4
Rally 037 evo
P Finlandia Markku Alén 1–9, 11–13
Finlandia Henri Toivonen 1–3, 5
Italia Miki Biasion 1, 3–8, 11
Kenya Vic Preston Jr 4
Kenya Greg Criticos 4
Kenya John Hellier 4
Svezia Mikael Ericsson 6–7, 9, 12
Argentina Jorge Recalde 8
Svezia Kalle Grundel 9
Regno Unito Austin Rover World Championship Team MG Metro 6R4 M Regno Unito Tony Pond 1, 3, 5, 11–12
Regno Unito Malcolm Wilson 1–3, 5, 9, 11–12
Svezia Per Eklund 2, 9, 12
Belgio Marc Duez 3, 11–12
Francia Didier Auriol 5
Finlandia Harri Toivonen 9, 12
Regno Unito David Llewellin 12
Regno Unito Jimmy McRae 12
Francia Citroën Competition Citroën BX 4TC M Francia Jean-Claude Andruet 1–2, 6
Francia Philippe Wambergue 1–2, 6
Francia Maurice Chomat 6
Regno Unito Ford Motor Company Ford RS200 M Svezia Stig Blomqvist 2–3, 6, 12
Svezia Kalle Grundel 2–3, 6, 12
Portogallo Joaquim Santos 3
Regno Unito Mark Lovell 12
Svezia Stig Andervang 12
Giappone Toyota Team Europe Toyota Celica TCT P Svezia Björn Waldegård 4, 10, 13
Germania Erwin Weber 4, 10
Svezia Lars-Erik Torph 4, 10, 13
Kenya Robin Ulyate 10
Nuova Zelanda Steve Millen 13
Giappone Nissan Team Europe Nissan 240RS D Kenya Jayant Shah 4
Grecia George Moschous 6
Grecia Stratis Hatzipanayiotou 6
Nuova Zelanda Reg Cook 7
Nuova Zelanda Paddy Davidson 7
Francia Alain Ambrosino 10
Regno Unito Louise Aitken-Walker 12
Francia Société Diac Renault 5 Maxi Turbo M Francia François Chatriot 5
Germania Rothmans Porsche Rally Team Porsche Porsche 911SC RS M Qatar Saeed Al-Hajri 6
Italia Jolly Club Lancia Delta S4 P Italia Dario Cerrato 11
Giappone Mazda Rally Team Europe Mazda Mazda Familia 4WD M Svezia Ingvar Carlsson 1–2, 9, 12
Germania Achim Warmbold 1
Nuova Zelanda Rod Millen 7, 13
Germania Volkswagen Motorsport Volkswagen Golf GTI P Austria Franz Wittmann 1, 3–6, 8
Svezia Kenneth Eriksson 1–9, 11–12
Giappone Fuji Heavy Industries Subaru RX Turbo P Kenya Mike Kirkland 4, 7
Nuova Zelanda Possum Bourne 4, 7
Kenya Frank Tundo 4, 7
Francia Renault Elf Philips Renault 11 Turbo M Francia Jean Ragnotti 5, 11
Concorrenti non registrati come costruttori
Italia Jolly Club Fiat Uno Turbo P Italia Giovanni del Zoppo 1, 3, 5–6, 11
Italia Michele Rayneri 1, 5–6, 11
Italia Alex Fiorio 1, 3, 5, 11

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Mappa[modifica | modifica wikitesto]

WRC-1986.png

██ Asfalto

██ Ghiaia

██ Neve/Ghiaccio

██ Superficie mista

Calendario e risultati[modifica | modifica wikitesto]

N° Rally Nome Rally Tappe Podio finale
Posizione Pilota Copilota Auto Tempo
1 Monaco 54ème Rallye Automobile de Monte-Carlo
(18 gennaio–24 gennaio)
36 tappe
867 km
Asfalto
1 Finlandia Henri Toivonen Stati Uniti Sergio Cresto Lancia Delta S4 10:11:24
2 Finlandia Timo Salonen Finlandia Seppo Harjanne Peugeot 205 Turbo 16 E2 10:15:28
3 Finlandia Hannu Mikkola Svezia Arne Hertz Audi Sport quattro S1 E2 10:18:46
2 Svezia 36th International Swedish Rally
(14 febbraio–16 febbraio)
30 stages
558 km
Neve/Ghiaccio
1 Finlandia Juha Kankkunen Finlandia Juha Piironen Peugeot 205 Turbo 16 E2 5:09:19
2 Finlandia Markku Alén Finlandia Ilkka Kivimäki Lancia Delta S4 5:11:13
3 Svezia Kalle Grundel Regno Unito Terry Harryman Ford RS200 5:15:35
3 Portogallo 19º Rallye de Portugal Vinho do Porto
(5 marzo–8 marzo)
42 stages
556 km
Ghiaia/Asfalto
1 Portogallo Joaquim Moutinho Portogallo Edgar Fortes Renault 5 Turbo 7:50:44
2 Portogallo Carlos Bica Portogallo Cândido Júnior Lancia Rally 037 8:04:11
3 Italia Giovanni Del Zoppo Italia Loris Roggia Fiat Uno Turbo 8:07:36
4 Kenya 34th Marlboro Safari Rally
(29 marzo–2 aprile)
63 controls
4190 km
Ghiaia
1 Svezia Björn Waldegård Regno Unito Fred Gallagher Toyota Celica Twin-Cam Turbo +5:06 pen
2 Svezia Lars-Erik Torph Svezia Bo Thorszelius Toyota Celica Twin-Cam Turbo +5:34 pen
3 Finlandia Markku Alén Finlandia Ilkka Kivimäki Lancia Rally 037 +6.12 pen
5 Francia 30ème Tour de Corse - Rallye de France
(1-3 maggio)
24 stages
1017 km
Tarmac
1 Francia Bruno Saby Francia Jean-François Fauchille Peugeot 205 Turbo 16 E2 11:52:44
2 Francia François Chatriot Francia Michel Périn Renault 5 Maxi Turbo 12:06:32
3 Francia Yves Loubet Francia Jean-Marc Andrié Alfa Romeo GTV6 12:45:59
6 Grecia 33rd Acropolis Rally
(2-4 giugno)
38 stages
575 km
Gravel
1 Finlandia Juha Kankkunen Finlandia Juha Piironen Peugeot 205 Turbo 16 E2 7:20:01
2 Italia Miki Biasion Italia Tiziano Siviero Lancia Delta S4 7:21:38
3 Francia Bruno Saby Francia Jean-François Fauchille Peugeot 205 Turbo 16 E2 7:29:55
7 Nuova Zelanda 16th AWA Clarion Rally of New Zealand
(5-8 luglio)
34 stages
597 km
Gravel
1 Finlandia Juha Kankkunen Finlandia Juha Piironen Peugeot 205 Turbo 16 E2 5:43:45
2 Finlandia Markku Alén Finlandia Ilkka Kivimäki Lancia Delta S4 5:45:25
3 Italia Miki Biasion Italia Tiziano Siviero Lancia Delta S4 5:53:36
8 Argentina 6º Marlboro Rally Argentina
(6-9 agosto)
26 stages
569 km
Gravel
1 Italia Miki Biasion Italia Tiziano Siviero Lancia Delta S4 6:36:26
2 Finlandia Markku Alén Finlandia Ilkka Kivimäki Lancia Delta S4 6:36:50
3 Svezia Stig Blomqvist Svezia Bruno Berglund Peugeot 205 Turbo 16 E2 6:40:42
9 Finlandia 36th 1000 Lakes Rally
(5-7 settembre)
47 stages
382 km
Gravel
1 Finlandia Timo Salonen Finlandia Seppo Harjanne Peugeot 205 Turbo 16 E2 3:32:45
2 Finlandia Juha Kankkunen Finlandia Juha Piironen Peugeot 205 Turbo 16 E2 3:33:09
3 Finlandia Markku Alén Finlandia Ilkka Kivimäki Lancia Delta S4 3:34:30
10 Costa d'Avorio 18ème Rallye Côte d'Ivoire[2]
(24-27 settembre)
73 controls
3763 km
Gravel
1 Svezia Björn Waldegård Regno Unito Fred Gallagher Toyota Celica Twin-Cam Turbo +1:29 pen
2 Svezia Lars-Erik Torph Svezia Bo Thorszelius Toyota Celica Twin-Cam Turbo +1:37 pen
3 Germania Ovest Erwin Weber Germania Ovest Günter Wanger Toyota Celica Twin-Cam Turbo +2:27 pen
11 Italia 28º Rallye Sanremo
(13-17 ottobre)
39 stages
488 km
Gravel/Tarmac
1 Finlandia Markku Alén Finlandia Ilkka Kivimäki Lancia Delta S4 5:31:35
2 Italia Dario Cerrato Italia Giuseppe Cerri Lancia Delta S4 5:32:53
3 Italia Miki Biasion Italia Tiziano Siviero Lancia Delta S4 5:33:17
12 Regno Unito 35th Lombard RAC Rally
(16-19 novembre)
45 stages
517 km
Gravel/Tarmac
1 Finlandia Timo Salonen Finlandia Seppo Harjanne Peugeot 205 Turbo 16 E2 5:21:11
2 Finlandia Markku Alén Finlandia Ilkka Kivimäki Lancia Delta S4 5:22:33
3 Finlandia Juha Kankkunen Finlandia Juha Piironen Peugeot 205 Turbo 16 E2 5:27:16
13 Stati Uniti
21st Olympus Rally[2]
(4-7 dicembre)
39 stages
525 km
Gravel/Tarmac
1 Finlandia Markku Alén Finlandia Ilkka Kivimäki Lancia Delta S4 5:26:10
2 Finlandia Juha Kankkunen Finlandia Juha Piironen Peugeot 205 Turbo 16 E2 5:29:36
3 Stati Uniti John Buffum Regno Unito Neil Wilson Audi Sport quattro S1 E2 5:50:24

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Campionato Piloti[modifica | modifica wikitesto]

# Pilota Rally Tot.
Monaco
MON
Svezia
SWE
Portogallo
POR
Kenya
KEN
Francia
FRA
Grecia
GRC
Nuova Zelanda
NZL
Argentina
ARG
Finlandia
FIN
Costa d'Avorio
CIV
Italia
ITA
Regno Unito
GBR
Stati Uniti
USA
1 Finlandia Juha Kankkunen 8 20 - 8 - 20 20 - 15 - * 12 15 118
2 Finlandia Markku Alén - 15 - 12 - - 15 15 12 - * 15 20 104
3 Finlandia Timo Salonen 15 - - - - - 8 - 20 - * 20 - 63
4 Svezia Björn Waldegård - - - 20 - - - - - 20 * - 8 48
5 Italia Miki Biasion - - - - - 15 12 20 - - * - - 47
6 Svezia Lars-Erik Torph - - - 15 - - - - - 15 * - 10 40
7 Francia Bruno Saby 6 - - - 20 12 - - - - * - - 38
8 Svezia Mikael Ericsson - 10 - - - - 10 - 8 - * - - 28
9 Svezia Kalle Grundel - 12 - - - - - - 6 - * 8 - 26
10 Svezia Kenneth Eriksson 2 4 - - 3 4 4 8 - - * - - 25
11 Svezia Stig Blomqvist - - - - - - - 12 10 - * - - 22
Germania Ovest Erwin Weber - - - 10 - - - - - 12 * - - 22
13 Finlandia Henri Toivonen 20 - - - - - - - - - * - - 20
Portogallo Joaquim Moutinho - - 20 - - - - - - - * - - 20
15 Austria Rudi Stohl - - - - - 6 - 6 - 4 * - - 16
16 Portogallo Carlos Bica - - 15 - - - - - - - * - - 15
Francia François Chatriot - - - - 15 - - - - - * - - 15
18 Finlandia Hannu Mikkola 12 - - - - - - - - - * - - 12
Italia Giovanni Del Zoppo - - 12 - - - - - - - * - - 12
Francia Yves Loubet - - - - 12 - - - - - * - - 12
Stati Uniti John Buffum - - - - - - - - - - * - 12 12
22 Germania Ovest Walter Röhrl 10 - - - - - - - - - * - - 10
Portogallo Jorge Ortigão - - 10 - - - - - - - * - - 10
Francia Jean Ragnotti - - - - 10 - - - - - * - - 10
Qatar Saeed Al-Hajri - - - - - 10 - - - - * - - 10
Argentina Jorge Recalde - - - - - - - 10 - - * - - 10
Kenya Robin Ulyate - - - - - - - - - 10 * - - 10
Finlandia Mikael Sundström - - - - - - - - - - * 10 - 10
29 Svezia Gunnar Pettersson - 8 - - - - - - - - * - - 8
Monaco Auguste Turiani - - 8 - - - - - - - * - - 8
Francia Jean-Claude Torre - - - - 8 - - - - - * - - 8
Grecia Stratis Hatzipanayiotou - - - - - 8 - - - - * - - 8
Libano Samir Assef - - - - - - - - - 8 * - - 8
34 Svezia Per Eklund - - - - - - - - 4 - * 4 - 8
35 Austria Franz Wittmann 1 - - - - 2 - 4 - - * - - 7
36 Francia Jean-Claude Andruet - 6 - - - - - - - - * - - 6
Francia Jean-Sébastien Couloumiès - - 6 - - - - - - - * - - 6
Kenya Mike Kirkland - - - 6 - - - - - - * - - 6
Francia Paul Rouby - - - - 6 - - - - - * - - 6
Nuova Zelanda Neil Allport - - - - - - 6 - - - * - - 6
Austria Wilfried Wiedner - - - - - - - - - 6 * - - 6
Regno Unito Tony Pond - - - - - - - - - - * 6 - 6
Italia Paolo Alessandrini - - - - - - - - - - * - 6 6
44 Nuova Zelanda Rod Millen - - - - - - 1 - - - * - 4 5
45 Spagna Salvador Servià 4 - - - - - - - - - * - - 4
Portogallo Ramiro Fernandes - - 4 - - - - - - - * - - 4
Kenya Frank Tundo - - - 4 - - - - - - * - - 4
Francia Michel Neri - - - - 4 - - - - - * - - 4
49 Francia Alain Oreille 3 - - - - - - - - - * - - 3
Svezia Roger Ericsson - 3 - - - - - - - - * - - 3
Italia Giovanni Recordati - - 3 - - - - - - - * - - 3
Kenya Shekhar Mehta - - - 3 - - - - - - * - - 3
Grecia Iórgos Moschous - - - - - 3 - - - - * - - 3
Nuova Zelanda Paddy Davidson - - - - - - 3 - - - * - - 3
Cile José Celsi 3 - - - - - - 3 - - * - - 3
Finlandia Harri Toivonen 3 - - - - - - - 3 - * - - 3
Francia Alain Ambrosino - - - - - - - - - 3 * - - 3
Regno Unito Jimmy McRae - - - - - - - - - - * 3 - 3
Nuova Zelanda Possum Bourne - - - - - - - - - - * - 3 3
60 Svezia Björn Johansson - 2 - - - - - - - - * - - 2
Portogallo António Segurado - - 2 - - - - - - - * - - 2
Kenya Greg Criticos - - - 2 - - - - - - * - - 2
Francia Gilbert Casanova - - - - 2 - - - - - * - - 2
Nuova Zelanda Reg Cook - - - - - - 2 - - - * - - 2
Argentina Ernesto Soto - - - - - - - 2 - - * - - 2
Finlandia Lasse Lampi - - - - - - - - 2 - * - - 2
Francia Patrick Copetti - - - - - - - - - 2 * - - 2
Regno Unito David Llewellin - - - - - - - - - - * 2 - 2
Nuova Zelanda Clive Smith - - - - - - - - - - * - 2 2
70 Svezia Sören Nilsson - 1 - - - - - - - - * - - 1
Portogallo António Coutinho - - 1 - - - - - - - * - - 1
Kenya Johnny Hellier - - - 1 - - - - - - * - - 1
Francia Christian Gardavot - - - - 1 - - - - - * - - 1
Italia Michele Rayneri - - - - - 1 - - - - * - - 1
Kenya Basil Criticos - - - - - - - 1 - - * - - 1
Regno Unito Malcolm Wilson - - - - - - - - 1 - * - - 1
Costa d'Avorio Martial Yacé - - - - - - - - - 1 * - - 1
Svezia Ingvar Carlsson - - - - - - - - - - * 1 - 1
Stati Uniti Paul Choiniere - - - - - - - - - - * - 1 1
* - Nota: FISA annullò i risultati del Rally di Sanremo

Campionato costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Costruttore Evento Totale
punti
Monaco
MON
Svezia
SWE
Portogallo
POR
Kenya
KEN
Francia
FRA
Grecia
GRC
Nuova Zelanda
NZL
Argentina
ARG
Finlandia
FIN
Italia
ITA
Regno Unito
GBR
1 Francia Peugeot 17 20 - (10) 20 20 20 (14) 20 * 20 137
2 Italia Lancia 20 17 - (14) - 17 17 20 14 * 17 122
3 Germania Ovest Volkswagen 9 10 - - 9 11 12 14 - * - 65
4 Germania Ovest Audi 14 15 - - - - - - - * - 29
5 Stati Uniti Ford - 14 - - - - - - - * 10 24
6 Giappone Toyota - - - 20 - - - - - * - 20
7 Francia Renault - - - - 14 - - - - * - 14
8 Giappone Subaru - - - 13 - - - - - * - 13
9 Regno Unito Austin Rover - - - - - - - - 4 * 8 12
10 Francia Citroën - 10 - - - - - - - * - 10
11 Giappone Mazda - - - - - - - - - * 9 9
12 Germania Ovest Opel - - - - - - - 5 - * - 5
* - Nota: La FISA ha annullato i risultati del Rally di Sanremo

Sistema di punteggio[modifica | modifica wikitesto]

Campionato piloti[modifica | modifica wikitesto]

Punti assegnati 1st 2nd 3rd 4th 5th 6th 7th 8th 9th 10th
20 15 12 10 8 6 4 3 2 1

Campionato costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Overall
finish
Punti assegnati
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
1 18 - - - - - - - - -
2 17 16 - - - - - - - -
3 16 15 14 - - - - - - -
4 15 14 13 12 - - - - - -
5 14 13 12 11 10 - - - - -
6 13 12 11 10 9 8 - - - -
7 12 11 10 9 8 7 6 - - -
8 11 10 9 8 7 6 5 4 - -
9 10 9 8 7 6 5 4 3 2 -
10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lancia Delta, la più bella storia, iloverally.wordpress.com. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  2. ^ a b Evento non incluso nel campionato costruttori
automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo