Toyota Celica Twin-Cam Turbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Toyota Celica Twin-Cam Turbo
CelicaTwinCamTurbo.jpg
Una Celica Gruppo B in un'esibizione
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Toyota
Categoria Campionato del mondo rally
Classe Gruppo B
Produzione 1983-1986
Squadra Toyota Team Europe
Sostituisce Toyota Celica 2000GT
Sostituita da Toyota Supra[1]
Descrizione tecnica
Meccanica
Motore anteriore, 2090 cc, 4 cilindri in linea turbocompresso, 8 valvole, posto longitudinalmente
Trasmissione manuale a 5 marce, trazione posteriore, frizione a doppio disco
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4284 mm
Larghezza 1785 mm
Altezza 1310 mm
Passo 2500 mm
Peso 1040 kg
Altro
Pneumatici Pirelli
Avversarie Lancia Rally 037
Lancia Delta S4
Audi Sport quattro
Peugeot 205 T16
MG Metro 6R4
Ford RS200
Renault 5 Turbo
Risultati sportivi
Debutto Campionato del mondo rally 1983
Piloti Juha Kankkunen
Bjorn Waldegard
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
8 6
Campionati costruttori 0
Campionati piloti 0
Note 13 podi e 120 punti conquistati

La Toyota Celica Twincam Turbo è una vettura da competizione prodotta per gareggiare nelle competizioni rallystiche nel Gruppo B, presentata da Toyota nel 1983 e utilizzata sino all'abolizione del gruppo B avvenuta al termine del 1986.

La Celica TCT si rilevò una delle migliori auto utilizzabili nei rally africani, vincendo sia il Safari Rally che il Rally della Costa d'Avorio in 3 occasioni, ottenendo il soprannome di King of Africa.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Le norme principali per correre nel Gruppo B erano quelle di produrre almeno 200 vetture stradali e la Toyota lavorando con la propria divisione europea mise appunto il numero che prevedeva il regolamento costruendo anche venti vetture da rally con un nuovo motore.

Toyota Celica Twincam Turbo (TA64) Gruppo B rally car

Mentre alcuni team rivali come l'Audi Quattro adottavano la trazione integrale, la Celica, come la Lancia 037 Rally, disponeva di trazione sulle ruote posteriori.

La vettura ha debuttato nel Campionato del mondo rally 1983 in occasione del Rally 1000 Laghi con il pilota Juha Kankkunen che si classificò sesto assoluto. Nello stesso anno ha ottenuto la prima di tre vittorie al Rally di Costa d'Avorio, condotta da Björn Waldegård.

Nel 1984 sempre il pilota svedese Waldegård è arrivato primo assoluto al Safari Rally dando la prima delle tre vittorie consecutive al team Toyota.

Con la fine delle Gruppo B il motore della Twin Cam Turbo divenne il propulsore (TA64) della futura Toyota Celica GT-Four dimostrandosi perfetto per la trazione integrale usata dal 1987.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Vittorie nel WRC[modifica | modifica sorgente]

# Anno Rally Superficie Pilota Co-pilota
1 1983 Costa d'Avorio 15ème Rallye Marlboro Côte d'Ivoire Sterrato Svezia Bjorn Waldegard Svezia Hans Thorszelius
2 1984 Kenya 32nd Marlboro Safari Rally Sterrato Svezia Bjorn Waldegard Svezia Hans Thorszelius
3 1985 Kenya 33nd Marlboro Safari Rally Sterrato Finlandia Juha Kankkunen Regno Unito Fred Gallagher
4 Costa d'Avorio 17ème Rallye Marlboro Côte d'Ivoire Sterrato Finlandia Juha Kankkunen Regno Unito Fred Gallagher
5 1986 Kenya 34nd Marlboro Safari Rally Sterrato Svezia Bjorn Waldegard Regno Unito Fred Gallagher
6 Costa d'Avorio 18ème Rallye Marlboro Côte d'Ivoire Sterrato Svezia Bjorn Waldegard Regno Unito Fred Gallagher

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo
  1. ^ Toyota Team Europe, juwra.com. URL consultato il 16 luglio 2014.