Blow (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blow
Blow.png
Johnny Depp in una scena del film
Titolo originale Blow
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2001
Durata 124 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere biografico, drammatico
Regia Ted Demme
Soggetto Bruce Porter
Sceneggiatura David McKenna e Nick Cassavetes
Produttore Georgia Kacandes e Michael De Luca
Fotografia Ellen Kuras
Montaggio Kevin Tent
Musiche Graeme Revell
Scenografia David Ensley
Costumi Mark Bridges
Trucco Whitney L. James
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Blow è un film del 2001 diretto da Ted Demme. La storia è basata su un romanzo di Bruce Porter su George Jung, un trafficante di droga legato al cartello di Medellín, attivo negli anni settanta e ottanta. La frase di chiusura del film, "Ormai non trovo più cavalli bianchi o belle donne alla mia porta", è un tributo alla canzone Lucky Man degli Emerson, Lake & Palmer. Il film ha ricevuto durante l'edizione dei Razzie Awards 2001 una nomination come Peggior attrice per Penélope Cruz.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto in una famiglia in cui il lavoro del padre non riusciva a garantire lo stile di vita desiderato dalla madre, George Jung si trasferisce dal Massachusetts in California, dove inizia a spacciare marijuana in una spiaggia insieme all'amico Tonno e al fornitore Derek. Lì fa amicizia con alcune ragazze, la maggior parte hostess per compagnie aeree, e tramite una di loro, riesce a mandare marijuana in altre parti degli U.S.A. senza problemi, inserendola nei suoi bagagli personali.

Viene arrestato per possesso di marijuana e, all'uscita dal tribunale scopre che la fidanzata Barbara è malata di cancro. Non si presenta al processo per seguire la morte della fidanzata per poi ripresentarsi, sotto veste di latitante, dalla madre Ermine Jung, che avverte la polizia della presenza del figlio in casa sua al fine di regolare i conti con la giustizia. Una volta uscito di prigione, grazie al suo compagno di cella Diego, allarga il proprio traffico alla cocaina, collaborando con produttori colombiani, tra cui "el mágico" Pablo Escobar; in questo periodo gestisce un traffico di cocaina che abbraccia tutti gli Stati Uniti, da Hollywood alla East Coast. Incontra Mirtha che sposa e dalla quale avrà una figlia, Kristina. In questo periodo accumula ingenti risorse economiche, che deposita in una banca panamense.

A questo punto arriva la caduta: Diego lo tradisce, accusandolo di essere stato l'artefice della sua ricchezza e non aver ricevuto nulla in cambio, tagliandolo fuori dal giro, avvenimento per cui George resta senza soldi, anche a seguito dall'espropriazione dei suoi risparmi da parte del governo panamense. Per questi motivi la moglie, in una litigata furibonda, lo fa arrestare e in seguito divorzia e chiede l'affidamento della piccola Kristina. George, una volta uscito di prigione, cerca di rimettersi in sesto e soprattutto di ritrovare l'affetto della figlia, cosa che gli riesce solo parzialmente. Tenta un'ultima spedizione di cocaina, ma i suoi vecchi e nuovi compagni lo fanno arrestare per salvarsi dall'FBI. A questo punto arriva una condanna a 60 anni di reclusione.

Nel finale del film compaiono due scritte in bianco: la prima recita «George Jung sarà liberato dall'Otisville Federal Correctional Institute nel 2015», mentre la seconda frase dice «Kristina Sunshine Jung non ha ancora visitato suo padre» , ma ad oggi il suo rilascio è stato programmato per il 27/11/2014 e cosa più importante quando Kristina Jung vide il film nel 2001 presa dal rimorso per non aver mai visitato il padre George come citato nel finale è andata a trovarlo nel 2002, affermando di essere dispiaciuta di non esserci mai andata prima di allora.

Alla fine del film appare una foto raffigurante George Jung.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

  1. Can't You Hear Me Knocking - The Rolling Stones
  2. Rumble - Link Wray
  3. Glad And Sorry - Faces
  4. Strange Brew - Cream
  5. Black Betty - Ram Jam
  6. Blinded By The Light - Manfred Mann
  7. Let's Boogaloo - Willie Rosario
  8. Keep It Comin Love - KC and the Sunshine Band
  9. Yellow World - J Girls
  10. That Smell - Lynyrd Skynyrd
  11. All The Tired Horses - Bob Dylan
  12. Can't You See - Marshall Tucker Band
  13. Push & Pull - Nikka Costa

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema