Bhut jolokia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bhut Jolokia
Bhut jolokia retouched.jpg
Alcuni Bhut Jolokia essiccati, con scala in cm e pollici
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Solanales
Famiglia Solanaceae
Genere Capsicum
Specie chinense
Nomenclatura binomiale
Capsicum chinense × C. frutescens
cv 'Bhut Jolokia'

Jacq.
Chilli55.jpg
Piccantezza: Estremamente alta
(SU 1 041 027)

Il Bhut Jolokia, (Peperoncino Serpente, in assamese) noto anche come Bih Jolokia (Peperoncino velenoso) o Naga Jolokia (Peperoncino Re Cobra) o anche come Ghost Chili, è una cultivar di peperoncino, probabilmente ibrido tra Capsicum chinense e Capsicum frutescens[1].

Nel 2007, il Guinness World Records ha certificato il ghost pepper come il peperoncino più piccante del mondo, 401.5 volte più piccante del Tabasco classico[2].

Nel 2012, tuttavia, è stato superato in piccantezza dal Trinidad Moruga Scorpion e il 26 dicembre 2013 dal Carolina Reaper che è stato ritenuto il più piccante del mondo, superando quest'ultimo anche il Trinidad moruga scorpion[3].

Varietà[modifica | modifica sorgente]

È molto simile al Naga Dorset, da cui differisce però per la forma dei frutti, meno conica e più tondeggiante verso l'estremità, e per il minor numero di fiori per ascella. Secondo alcuni, in realtà esistono varie cultivar, nello specifico:

Secondo Leena Saikia della Frontal Agritech, l'azienda indiana che per prima ha offerto il Bhut Jolokia, gli ultimi tre sarebbero nomi regionali dello stesso peperoncino, mentre la varietà Naga Dorset creata dai Michaud in Inghilterra deriva dai semi portati dalla comunità del Bangladesh inglese. Altri nomi usati sono:

  • Nagahari
  • Borbih
  • Raja Mircha
  • Raja Chili
  • Mirch
  • Mircha
  • Naga Moresh
  • Tezpur

Bhut Jolokia e Bih Jolokia sono anche scritti Bhwt Jolokiya e Bih Jolkiya rispettivamente. I peperoncini della Frontal Agritech hanno raggiunto 1 041 027 SU.

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Capsicum chinense.

Come altri peperoncini tropicali, necessita di temperature medio alte per la germinazione. Il Chili Pepper Institute della New Mexico State University, ha riportato in uno studio difficoltà di impollinazione e scarsa produzione di frutti in serra, tanto da dover ricorrere a inseminazione manuale[4]

Per favorire la germinazione, possono essere utilizzate la germinazione su cotone idrofilo o spugnette in cellulosa.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Saga Jolokia, Fiery-foods.com. URL consultato il 21 luglio 2009., sezione DNA result
  2. ^ Susan Montoya Bryan, Trinidad Moruga Scorpion wins hottest pepper title, Associated Press. (archiviato dall'url originale il ).
  3. ^ Hottest Chili, Guiness World Records.
  4. ^ Pepper Profile: Jolokia, fiery-foods.com. URL consultato il 23 luglio 2009.
  5. ^ Metodi di germinazione

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina