Battaglia di Dresda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 51°02′N 13°44′E / 51.033333°N 13.733333°E51.033333; 13.733333

Battaglia di Dresda
Battle of Dresden by Naudet.jpg

Data 26 agosto - 27 agosto 1813
Luogo Dresda, Sassonia
Esito Vittoria Francese
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
135.000 uomini 214.000 uomini
Perdite
10.000 morti circa 38.000 morti circa
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Dresda fu combattuta tra il 26 e il 27 agosto 1813 dal Primo Impero francese di Napoleone Bonaparte e le forze della sesta coalizione, formata dall'Impero austriaco, Russia e Prussia, sotto la guida del feldmaresciallo Schwarzenberg. La battaglia terminò con la vittoria dell'esercito francese, ma questo risultato non portò sostanziali vantaggi a Napoleone. Tre giorni dopo, infatti, il primo corpo d'armata dell'esercito francese, comandato dal generale Vandamme, avanzando troppo rapidamente durante l'inseguimento degli alleati, venne circondato ed in gran parte obbligato alla resa nella battaglia di Kulm.

La battaglia[modifica | modifica sorgente]

A causa di una errata valutazione delle forze nemiche Napoleone durante l'estate del 1813 spinse le sue armate verso Berlino lasciando nell'area tra Dresda e Lipsia il maresciallo Laurent de Gouvion-Saint Cyr con meno di 100.000 uomini. L'entrata nella coalizione antifrancese dell'Austria e la creazione della cosiddetta armata di Boemia rese la situazione impossibile a Saint-Cyr che si trincerò a Dresda. Attaccato da forze doppie, circa 150.000 uomini contro i suoi 70.000, fu obbligato a chiedere l'intervento diretto di Napoleone che, sfruttando il terreno adatto alla difesa e gli errori del comando alleato composto da generali indecisi, durante il primo giorno rimase sulla difensiva riuscendo così a tenere la posizione. Il secondo giorno con l'arrivo dei rinforzi, 50.000 uomini contro i soli 20.000 del nemico, riuscì a isolare e poi battere separatamente molti reparti nemici. La vittoria fu limitata dalla ritirata nemica durante la notte, la pesante debolezza della cavalleria francese permise al nemico di sganciarsi e riorganizzarsi.

Rispetto alle battaglie antecedenti al 1812 furono catturati pochi prigionieri.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]