Gebhard Leberecht von Blücher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gebhard Leberecht von Blücher
Blücher (nach Gebauer).jpg
Nato Rostock
16 dicembre 1742
Morto Krieblowitz
12 settembre 1819 (76 anni)
Dati militari
Grado Flag of the Kingdom of Prussia (1803-1892).svg
Feldmaresciallo prussiano
Guerre Guerre napoleoniche
Battaglie Battaglia di Auerstädt
Battaglia di Lubecca
Battaglia di Bautzen
Battaglia di Katzbach
Battaglia di Lipsia
Battaglia di Laon
Battaglia di Ligny
Battaglia di Waterloo
Nemici storici Napoleone Bonaparte
Etienne Macdonald
Jean-Baptiste Bernadotte
Joachim Murat
Louis-Nicolas Davout

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Gebhard Leberecht von Blücher, principe di Wahlstatt (Rostock, 16 dicembre 1742Krieblowitz, 12 settembre 1819), è stato un feldmaresciallo prussiano. Arruolato nell'esercito prussiano, Gebhard von Blücher partecipò con un ruolo subordinato alla guerra della Quarta coalizione che terminò con la totale sconfitta della Prussia; coinvolto nel disastro, venne catturato con le sue truppe a Lubecca pochi giorni dopo la battaglia di Jena. Violentemente ostile alla Francia e a Napoleone, fu sempre fautore della guerra per liberare la nazione prussiana e vendicare la sconfitta. Nel 1813 prese il comando supremo dell'esercito prussiano che condusse con grande energia durante le alterne vicende della guerra della sesta coalizione, prendendo parte con un ruolo importante alla battaglia di Lipsia e alla successiva invasione della Francia, fino a Parigi. Ebbe inoltre una funzione decisiva nella battaglia di Waterloo del 1815, intervenendo sul campo di battaglia nel momento culminante in aiuto dei britannici. Gebhard von Blucher pur non mostrando grandi qualità di stratega, diede sempre prova di grande spirito offensivo e divenne un eroe nazionale prussiano per la sua volontà combattiva e per il suo spirito patriottico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioventù e prima carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un capitano di cavalleria, appartenente a una famiglia della nobiltà rurale della Prussia orientale, Gebhard Leberecht Blücher nacque a Toitenwinkel presso Rostock e venne educato nelle migliori scuole militari svedesi e prussiane.

Contro la volontà dei genitori, si arruolò nel 1756, insieme al fratello, nel corpo degli ussari svedesi e combatté contro la Prussia nella guerra dei sette anni (1757 - 1763) che vedeva da una parte Inghilterra, Prussia, Portogallo e altre potenze minori contro Francia, Austria, Russia, Spagna, Svezia e altre minori. Quattro anni dopo fu preso prigioniero dai prussiani e fu arruolato quasi forzatamente nell'esercito di Federico il Grande. Servì così in un reggimento di ussari dell'esercito prussiano passando da Allievo ufficiale a capitano di cavalleria (1771). Avendo simulato la fucilazione (con armi caricate a salve) di un prete sospettato di lavorare per lo spionaggio polacco, fu sospesa la sua promozione a maggiore. Blücher allora si congedò facendo sapere a Federico il Grande che «il capitano von Blücher poteva andarsene al diavolo». Nel 1773 sposò Carolina Amalia von Mehling (dalla quale ebbe sette figli) e si ritirò ad amministrare le sue terre per 15 anni in Pomerania.

Ritorno alle armi e campagne militari[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Federico il Grande (1787), Federico Guglielmo II di Prussia lo reintegrò nel suo vecchio reggimento con il grado di maggiore. Dopo la campagna d'Olanda (1790) divenne colonnello. Nel 1794, dopo lo scontro con i francesi a Kirrweiler, (Maikammer -Renania-Palatinato), (nel corso del quale si impadronì di sei cannoni nemici), divenne maggior generale. Nel 1801 fu promosso luogotenente generale. Nel 1802 si impadronì per conto della Prussia di Mulhouse e di Erfurt. Dal 1802 al 1806 fu Gran Maestro della Loggia massonica "Alle tre travi".

La guerra contro Napoleone Bonaparte dell'autunno 1806 scoppiò mentre lui era governatore militare in Münster della appena costituita provincia di Vestfalia. Agli ordini del Duca di Brunswick guidò le truppe vestfaliane contro i francesi e condusse il primo attacco della cavalleria (ben 12 squadroni) nella doppia battaglia di Jena e di Auerstadt (14 ottobre 1806). Troppo ansioso di combattere, egli ordinò l'assalto contro la fresca e ben addestrata fanteria francese del generale Gudin senza attendere che l'artiglieria e la fanteria prussiane compissero la loro azione preparatoria contro i francesi. L'attacco si risolse in una disfatta per la cavalleria tedesca, che dovette letteralmente darsi alla fuga ritirandosi verso Eckartsberg.

Conclusasi la doppia battaglia con la disfatta dei prussiani, l'armata di Blücher, che era riuscita a salvare dalla cattura anche 34 cannoni pesanti, si ritirò rapidamente verso nord, inseguita dalle truppe dei Marescialli francesi Bernadotte, Murat e Soult, con l'obiettivo di unirsi ad altre truppe prussiane per poter contrapporsi ai francesi. Fu una ritirata di 700 chilometri in 20 giorni, durante la quale 5.000 uomini perirono sotto gli attacchi francesi o per fame. Il grosso delle truppe prussiane, al comando del generale capo di Stato Maggiore di Blücher, Scharnhorst, si rifugiò tra le mura di Lubecca, città libera e disarmata, che tuttavia fu facilmente conquistata dalle truppe francesi grazie a un errore dei rifugiati: l'apertura delle porte della città per far recuperare i cannoni. Intanto Blücher, raggiunta Ratekau con circa 10.000 uomini e appreso che Travemünde era ormai in mano ai francesi, si arrese il 6 novembre al Bernadotte. Prigioniero, fu liberato nel marzo 1807 grazie a uno scambio con il generale francese Victor.

Dopo un breve soggiorno presso la corte del re a Könisberg, ricevette il comando di un Corpo prussiano di rinforzo da affidare al re Gustavo IV Adolfo di Svezia e fu mandato nella Pomerania svedese per aiutare gli svedesi ma non ebbe occasione di effettuare interventi militari. Successivamente divenne Governatore generale della Pomerania e generale di cavalleria (1808).

Nel 1811, con la Prussia formalmente alleata della Francia ma di fatto sottomessa, Blücher fu richiamato dal comando generale della Pomerania e, su iniziativa di Napoleone, messo a capo dell'esercito prussiano. Vi rimase anche dopo la fine dell'alleanza con la Francia quando la Prussia, forte di un esercito rinnovato, decise di entrare nella VI coalizione.

Blücher sostenne appassionatamente in quel periodo la guerra di liberazione tedesca (Befreiungskampf) contro la Francia e si dedicò alla riforma dell'esercito prussiano. Per questo egli non era gradito alla ufficialmente filo-francese corte prussiana. Quando un agente francese scoprì la sua attività di addestramento patriottico delle truppe, Blücher dovette lasciare il servizio. Allorché la Prussia riprese la guerra contro Napoleone nel 1813, fu richiamato in servizio. Dapprima guidò i corpi d'armata prussiani, quindi divenne comandante in capo dell'armata della Slesia. Energico e impetuoso, capace di trascinare i suoi uomini anche nelle situazioni disperate, fu ferito a Lützen (2 maggio 1813) e il suo sostituto generale Yorck von Wartenburg subì una sconfitta per opera dello stesso Napoleone. Nella battaglia di Katzbach, (fiume tra Wahlstatt e Liegnitz nella provincia prussiana della Slesia), che si svolge lo stesso giorno della battaglia di Dresda, sconfisse il Maresciallo MacDonald (26 agosto 1813). Il 3 ottobre 1813 inflisse, sfruttando la forte superiorità numerica, una pesante sconfitta al generale francese Bertrand presso Wartenburg. Poco prima della battaglia di Lipsia, decisiva per gli esiti della campagna, colmò con rapida avanzata il vuoto che si era aperto tra le file dei coalizzanti, nel quale stavano per inserirsi come un cuneo le truppe francesi. Una mossa determinante per il trionfo alleato che gli valse quel nomignolo di Marschall Vorwärts o anche Der Alte Vorwärts ("Maresciallo avanti" o anche: "Il Vecchio avanti") datogli dai soldati per il suo rifiuto di ogni tattica temporeggiatrice. Proprio nello svolgersi della battaglia di Lipsia il 16 ottobre sconfisse il Maresciallo Marmont presso Möckern, grazie anche all'azione efficace del suo sottoposto generale Yorck.

Dopo Lipsia Blücher si mise all'inseguimento dell'esercito francese in ritirata dopo aver raccolto la sua armata della Slesia sulla riva destra del Reno che attraversò con le truppe all'inizio del 1814 presso Kaub. Nella campagna di Francia del 1814 fu a più riprese sconfitto da Napoleone ma alla fine ebbe la meglio e, insieme agli austro-russi del generale Schwarzenberg, occupò Parigi. Il 13 giugno fu nominato da Federico Guglielmo III di Prussia principe di Wahlstatt.

Le ultime battaglie: Ligny e Waterloo[modifica | modifica wikitesto]

Rientrato Napoleone dall'isola d'Elba, Blücher fu posto a capo delle armate prussiane che, di concerto con il Duca di Wellington, avrebbero attaccato Napoleone dal Belgio. La sola armata principale di Blücher contava 105 000 fanti 12.000 cavalieri e 296 cannoni. Il 16 giugno 1815 la solita smania di Blücher di avanzare e attaccare lo portò a Ligny ove schierò le sue truppe in una posizione assai esposta ai tiri dell'artiglieria francese e non accolse il suggerimento di Wellington di riposizionare le truppe prima dello scontro.[1] Fu così. Lo scontro costò ai prussiani 16.000 morti e 9.000 dispersi in fuga verso Liegi (contro i poco più di 11.000 perduti da Napoleone), più 21 cannoni. Tuttavia l'armata di Blücher si riprese presto e il giorno 18 giugno il vecchio generale si era già ricongiunto con il corpo d'armata di Bülow, guidando subito, con una rapida quanto difficoltosa marcia sul terreno fangoso, i suoi uomini verso Waterloo a sostenere Wellington. Il suo intervento, nel pomeriggio del 18 giugno 1815, fu determinante per il risultato della battaglia che, fino al suo arrivo, era ancora del tutto incerto. Dopo la battaglia di Waterloo Blücher condusse le sue truppe a marce forzate verso Parigi che occupò il 7 luglio 1815.

La fine[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1819, quando ormai era un eroe nazionale premiato dai prussiani con un'onorificenza creata apposta per lui, morì all'età di settantasei anni, a Krieblowitz, in Slesia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze prussiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Cavaliere di I classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite
Stella di Gran Croce della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Stella di Gran Croce della Croce di Ferro
Cavaliere di Gran Croce della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce della Croce di Ferro

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Maria Teresa (Impero austro-ungarico) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Maria Teresa (Impero austro-ungarico)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Guglielmo (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Guglielmo (Paesi Bassi)
Cavaliere di I Classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio (Impero russo)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pare che Wellington, venuto nel primo pomeriggio a conferire con il Blücher a Ligny, rientrando al suo schieramento a Quatre Bras dopo il colloquio con il Feldmaresciallo prussiano nel corso del quale aveva inutilmente tentato di dissuaderlo ad accettare la battaglia in quella posizione, abbia detto al suo ufficiale di collegamento: «Se combattono qui le prenderanno sode.»

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rektor d. Univ. Rostock (Hrsg.): Gebhard Leberecht von Blücher, Rostock 1993.
  • Bruno Dreier: Neujahr 1813/14: Mit Blücher bei Kaub über den Rhein. 3., berichtigte Auflage. - Kaub: Selbstverlag 1996.
  • Tom Crepon: Gebhard Leberecht von Blücher - Sein Leben, seine Kämpfe; Hinstorff Verlag GmbH, Rostock 1999.ISBN 3-356-00833-1
  • David G. Chandler, Le Campagne di Napoleone, Milano, R.C.S. Libri S.p.A., 1998, ISBN 88-17-11577-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 27118005 LCCN: n82138838