Battaglia di Parigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Parigi
Difesa di Clichy durante la Battaglia di Parigi del 1814 in un dipinto di Horace Vernet
Difesa di Clichy durante la Battaglia di Parigi del 1814 in un dipinto di Horace Vernet
Data 30-31 marzo 1814
Luogo Parigi, Francia
Esito Decisiva vittoria della coalizione
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
33.500 130.700
Perdite
6.000 tra morti e feriti 18.000 tra morti e feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Parigi del 1814 fu l'episodio finale del primo regno di Napoleone I che portò dopo la perdita di questo scontro alla sua abdicazione ed all'esilio sull'Isola d'Elba.

Sfondo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1813 Napoleone si stava ritirando verso la Francia dopo il fallimento dell'invasione della Russia. Le armate della coalizione si riunirono a questo punto sconfissero i francesi nella Battaglia di Lipsia. L'imperatore austriaco Francesco I era interessato a siglare una pace coi francesi, mentre lo zar Alessandro I e Federico Guglielmo III di Prussia erano determinati ad invadere la Francia. Come Napoleone era entrato a Mosca, così lo zar desiderava entrare in Parigi. Sino a questa battaglia Parigi non aveva subito un'invasione da 400 anni.

Eserciti coinvolti[modifica | modifica wikitesto]

Austriaci, prussiani e russi si erano radunati coi loro eserciti al comando del feldmaresciallo principe Karl Philipp Schwarzenberg, ma la vera forza trainante degli eserciti furono la discesa in campo dei sovrani russo e prussiano. La coalizione in totale aveva raccolto 100.000 uomini. Napoleone aveva lasciato a suo fratello Giuseppe il compito di difendere Parigi con 20.000 truppe regolari agli ordini del maresciallo Auguste Marmont assieme a 30.000 uomini della guardia nazionale e piccole forze della Guardia Imperiale comandante dai marescialli Bon Adrien Jeannot de Moncey e Édouard Adolphe Casimir Joseph Mortier.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Il campo di battaglia dello scontro di Parigi nel 1814

Le armate della coalizione giunsero alle mura di Parigi il 29 marzo del 1814. Accampatisi al di fuori della città, le truppe coalizzate attaccarono il mattino successivo con grande pressione dei russi che si concentrarono sul respingere i primi attacchi presso Romainville. Alcune ore dopo i prussiani, al comando del generale Blücher, attaccarono la parte a nord della città e spostarono le posizioni francesi attorno ad Aubervilliers, ma non pressarono l'attacco. Le truppe del Württemberg si posizionarono a Saint-Maur, nell'area sudoccidentale. I russi tentarono di guidare nuovamente l'attacco ma in parte vennero frenati dalla Guardia Imperiale sin quando i prussiani non giunsero alle loro spalle. Le forze dello zar a questo punto assalirono Montmartre dove era attestato il quartier generale di Giuseppe Bonaparte dall'inizio della battaglia. Il controllo della collina di Montmartre, ad ogni modo, portò l'abbandono della città da parte del fratello di Napoleone e Marmont prese contatti con i coalizzati per raggiungere con loro un accordo segreto col quale fece spostare le proprie truppe in un punto preciso ove venne accerchiato dalle truppe della coalizione e dove Marmont decise di arrendersi.

La resa[modifica | modifica wikitesto]

L'ingresso delle truppe russe a Parigi

Lo zar di Russia inviò un legato a incontrarsi con i francesi per intimare loro la resa. Alessandro I decise di dimostrarsi generoso coi francesi e si dichiarò disponibile a siglare una pace piuttosto che distruggere il paese. Il 31 marzo Talleyrand offrì ufficialmente le chiavi della città allo zar e quel giorno stesso le armate della coalizione fecero il loro ingresso a Parigi con lo zar alla testa delle armate, seguito dal re di Prussia e dal feldmaresciallo Schwarzenberg. Napoleone si dimostrò oltraggiato dalla resa di Parigi, ma venne forzato ad abdicare il 6 aprile di quell'anno. Tra i termini della sua abdicazione era incluso l'esilio all'Isola d'Elba e la creazione del Trattato di Fontainebleau l'11 aprile di quell'anno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Friedrich Christoph Förster, Geschichte der Befreiungs-Kriege 1813, 1814, 1815, 2° vol. G. Hempel, Berlino, 1858
  • Ludwig Häusser, Deutsche Geschichte vom Tode Friedrichs des Grossen bis zur Gründung des deutschen Bundes, Weidmann, Berlino, 1863
  • J. E. Woerl, Geschichte der Kriege von 1792 bis 1815, Herder'sche Verlagshandlung, 1852
  • Karl von Damitz, Geschichte des Feldzuges von 1814 in dem östlichen und nördlichen Frankreich bis zur Einnahme von Paris, E. S. Mittler, 1843
  • Friedrich Saalfeld, Allgemeine Geschichte der neuesten Zeit – Seit dem Anfange der französischen Revolution, Brockhaus, 1819
  • Heinrich Beitzke, Geschichte der deutschen Freiheitskriege in den Jahren 1813 und 1814, 3° vol. 1814, Duncker & Humblot, 1855
  • Hermann Müller-Bohn: Die Deutschen Befreiungskriege 1806–1815, 2° vol., Berlino 1913
  • Karl Gottlieb Bretschneider, Der vierjährige Krieg der Verbündeten mit Napoleon Bonaparte in Russland, Teutschland, Italien und Frankreich in den Jahren 1812 bis 1815, 1816
  • Abel Hugo, France militaire, Histoire des armées françaises de terre et de mer de 1792 à 1833, 1838
  • Guillaume de Vaudoncourt (Gnrl), Histoire des campagnes de 1814 et 1815, en France, éd. A. de Gastel/Ponthieu et Cie, Paris, 1826, 362p.
  • François-Guy Hourtoulle, La campagne de France, éd. Histoire et Collections, 2006, 175p.
  • Pierre Miquel, La Campagne de France de Napoléon, éd. de Bartillat, 1991, 244p.
  • Pierre Robin, 1814, La guerre racontée par des témoins, éd. Bernard Giovanangeli, 2004, 256p.
  • Alphone De Beauchamp, Histoire des campagnes de 1814 et 1815, éd. University of Michigan Library, 2009, 570p.
  • P.F Giraud, Campagne de Paris en 1814, éd. Kessinger Publishing, 2010, 114p.
  • Ach. de Vaulabelle, Chute de L'Empire: Histoire Des Deux Restaurations Jusqu'à La Chute de Charles X, Volume 1, éd. Nabu Press, 2010 (rééd.), 482p.
  • Jean-Pierre Mir, La bataille de Paris - 30 mars 1814, éd. Archives & culture, 2004, 360p.
  • M. Molières, Le dossier du mois : 1814 - Napoléon abdique : la bataille de Paris, Revue Gloire & Empire, n°4 gennaio - febbraio 2008, p.71 - 97.
  • Weil (Cdt), La Campagne de 1814, d'après les documents des Archives impériales et royales de la guerre à Vienne, éd. Librairie militaire de L. Baudoin, Parigi, 1892.
  • Henry Houssaye, 1814, éd. Perrin et cie, Parigi, 1921.
  • Von Damitz, K., Geschichte des Feldzuges von 1814 in dem Ostlichen und nordlichen Frankreich bis zur Einnahme von Paris, éd. Ernst Siegfiied Mittler, 1842, Berlino.
  • Mikhailofsky-Danielofsky, History of the Campaign in France in the Year 1814, éd. Kessinger Publishing Co, 2009
  • F. Lorraine Petre, Napoleon at Bay 1814, éd. Arms & Armour Press, Londres, 1977

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]