Aptenodytes forsteri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pinguino imperatore
Aptenodytes forsteri -Snow Hill Island, Antarctica -adults and juvenile-8.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Sphenisciformes
Famiglia Spheniscidae
Genere Aptenodytes
Specie A. forsteri
Nomenclatura binomiale
Aptenodytes forsteri
G.R.Gray, 1844
Sinonimi

Aptenodytes imperator
Bonna., 1856

Il pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri G.R.Gray, 1844) è il più grande degli uccelli appartenenti alla famiglia dei pinguini (Spheniscidae)[1]; insieme al pinguino reale (Aptenodytes patagonicus) appartiene al genere dei pinguini di grandi dimensioni (Aptenodytes), nessuno capace di volare ma tutti ottimi nuotatori.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il pinguino imperatore è alto in media 115 cm, per un peso compreso fra i 22 ed i 47 kg[2]: a seconda della fase del ciclo riproduttivo in cui si trovano i pinguini imperatore tendono infatti a perdere peso durante l'incubazione dell'uovo e durante la cura dei piccoli. È la specie di pinguino più grande esistente.

La testa, il collo, il dorso e la parte dorsale delle ali sono nere, con l'approssimarsi del periodo della muta il colore tende a sbiadire verso il marrone. La parte ventrale e il lato interno delle ali sono di colore bianco. Nella zona auricolare presenta delle macchie arancioni tondeggianti che sfumano verso il bianco a mano a mano che si uniscono alla parte ventrale. Le zampe sono nere o comunque scure.

Il becco del pinguino imperatore è relativamente lungo e presenta la parte superiore di colore nero mentre quella inferiore è arancione, rosa o color lillà.

Non vi sono differenze di dimensione e di colore fra maschi e femmine mentre gli individui più giovani si distinguono per il becco più scuro ed una colorazione più chiara delle macchie auricolari e per il collo bianco.

I piccoli sono coperti di piume grigio-argentee con testa nera e zona oculare e auricolare bianca.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Un pinguino imperatore salta fuori dall'acqua in Antartide.

Il pinguino imperatore è la specie di pinguini che vive più a sud, i circa 400.000 esemplari vivono sui ghiacci nei Mari antartici in latitudini comprese fra i 66° e 78° S.

Il pinguino imperatore si riproduce sui ghiacci che circondano le coste fino a 18 km dalla costa, vi sono solo due colonie note che si riproducono a terra. Le colonie in riproduzione tendono a scegliere le zone ghiacciate che presentano dei rilievi in grado di proteggerli dal vento. Per nutrirsi, si spinge in mare aperto.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Il pinguino imperatore è un ottimo nuotatore, raggiunge in acqua velocità di 3,4 metri al secondo (12,2 km/h) e riesce ad immergersi fino a 400/450 m[2] di profondità rimanendo sott'acqua fino a 22 minuti, le immersioni medie dei pinguini sono effettuate fra i 150 e 200 m e durano tra i 3 e i 6 minuti. Non è noto quale sia il metodo di rilevamento delle prede alle alte profondità in assenza di luce.

La parte più consistente dell'alimentazione del pinguino imperatore è costituita da crostacei amfipodi e da krill, si nutrono inoltre di pesci (Gymnodraco acuticeps, Pleuragramma antarcticum, diversi Nototheniidae) e di cefalopodi (Psychroteuthis glacialis, Alluroteuthis antarcticus e Kondakovia longimana).

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Uovo di pinguino imperatore.

Tra marzo e aprile i pinguini imperatore si riuniscono in vaste colonie, nel corso della stagione riproduttiva sono monogami, benché gli individui formino una coppia con un individuo diverso ogni anno; uno studio ha rilevato che il 14,6% delle coppie si ricostituiscono l'anno successivo e il 4,9% nuovamente per il terzo anno[2].

Le femmine tra maggio e giugno depongono un solo uovo di grosse dimensioni (460/470 grammi) che dopo poco tempo viene passato al maschio per la cova mentre la femmina ritorna ai suoi usuali territori di pesca. L'incubazione avviene nel pieno dell'inverno antartico quando la temperatura può scendere anche a -60 °C e con venti che possono raggiungere i 200 km/h. Il maschio nasconde l'uovo sopra le sue zampe e lo protegge ricoprendolo con una sorta di tasca ventrale.
Durante la cova il maschio digiuna, il suo peso corporeo si riduce in maniera notevole, l'incubazione dura dai 62 ai 67 giorni. Se il piccolo nasce prima del ritorno della madre il maschio lo nutre con una sorta di secrezione gastrica biancastra, al rientro della madre il pinguino maschio torna a pescare e a nutrirsi, in assenza del padre la madre nutre il piccolo con pesce rigurgitato, il piccolo viene poi nutrito da entrambi i genitori fino all'indipendenza, ovvero intorno ai 4 mesi. I giovani pinguini si aggregano in gruppi detti crèche attendendo l'arrivo dei genitori che portano il cibo. I pinguini nutrono solo il loro piccolo, il riconoscimento avviene tramite una sorta di fischio modulato emesso dal piccolo e udibile a lunga distanza.

Alla nascita il pinguino è quasi nudo poi si ricopre di un piumaggio morbido e grigio tranne sulla testa dove è nero. Poco dopo le prime piume sono sostituite da altre di colore simile ma più spesse e lunghe. I piccoli pinguini sono riuniti tutti insieme in gruppi dove rimangono per circa 45 giorni fino a raggiungere un'età di 5 mesi. Raggiungono questa età circa il 66% dei nati.

Il pinguino imperatore maschio raggiunge la maturità sessuale dopo 5 anni, la femmina dopo 6 e può vivere fino a circa 20 anni.[senza fonte]

Spostamenti[modifica | modifica sorgente]

Una volta lasciata la colonia, pare che i pinguini si disperdano in mare aperto ma sono rari gli individui trovati più a nord di 60° di latitudine sud. Sono stati avvistati esemplari in Nuova Zelanda, nelle regioni più meridionali dell'America del Sud oltre alle isole subantartiche.

Status e conservazione[modifica | modifica sorgente]

La specie non appare in generale in pericolo di estinzione, le stime del 1995 contano 195.400 coppie (tra i 400 000 e i 450 000 esemplari[2]) ed il numero appare stabile anche se vi sono colonie in declino come a Capo Crozier dove il numero è in diminuzione fin dagli anni settanta o a Punta Geologia (Terra Adelia), tra il 1950 e il 1975 erano presenti 6.000 coppie circa, ridottosi a 2.500 coppie nel 1982.

I pinguini imperatori sono disturbati soprattutto dal sorvolo degli elicotteri sulle colonie di passaggio per il rifornimento alle basi scientifiche. Il surriscaldamento globale, inoltre, sta riducendo le aree ghiacciate anche in Antartide.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 2005 è stato fatto un film documentario chiamato La marcia dei pinguini che tratta in forma anche drammatica l'avventura della riproduzione. È stato campione di incassi anche negli USA.
  • Nel 2006 è uscito il film d'animazione Happy Feet, seguito nel 2011 da Happy Feet 2 che ha come protagonisti dei pinguini imperatori

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Spheniscidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.
  2. ^ a b c d (EN) University of Michigan Museum of Zoology: Aptenodytes forsteri. URL consultato il 13 settembre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) BirdLife International 2004, Aptenodytes forsteri in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  • C. Buchet, G. Deswasmes, Y. Le Maho "An electrophysiological and behavioral study of sleep in Emperor Penguins under natural ambient conditions" Physiol. Behav. 38:331-335 (1986)
  • G. M. Budd "Population studies in rookeries on the Emperor Penguin Aptenodytes forsteri" J. Zoology, London 139: 365-388 (1962)
  • G. Deswasmes, Y. Le Maho, R. Groscoloas "Resting metabolic rate and cost of locomotion in long term fasting Emperor Penguins" J. Appl. Physiol. 49: 888-896 (1980)
  • R. Groscolas "Study of molt fasting followed by an experimental forced fasting in the Emperor Penguin: relationship between feather growth, body weight loss, body temperatures and plasma fuel levels" Comp. Biochem. Physiol. (Ser. A) 61: 287-295 (1978)
  • R. Groscolas, C. Clément "Utilisation des reserves énergétiques au cours fe jeûne de la reproduction chez le Manchot Empereur Aptenodytes forsteri" Comptes Rendus Acad. Scienc. Paris. (Ser. D) 282: 297-300 (1976)
  • M. Guillotin, P. Jouventin "La parade nuptiale du Manchot Empereur et sa signification biologique" Biol. Behav. 4 : 249-264 (1979)
  • P. Isenmann "Contribution à l'éthologie et à l'écologie du Manchot Empereur (Aptenodytes forsteri Gray) à la colonie de Pointe Géologie (Terre Adélie)" L'Oiseau et la R.F.O. 41 : 9-64 (1971)
  • P. Jouventin, M. Guillotin, A. Cornet "Le chant du Manchot Empereur (Aptenodytes forsteri) et sa signification adaptative" Behaviour 70 : 231-250 (1979)
  • N. T. W. Klages "Food and feeding ecology of Emperor Penguins in the Eastern Weddell Sea" Polar Biol. 9(6): 385-390 (1989)
  • G. L. Kooyman, C. M. Drabek, R. Elsner, W. B. Campbell "Diving behaviour of the Emperor Penguin (Aptenodytes forsteri)" Auk 88: 775-795 (1971)
  • Y. Le Maho "The Emperor Penguin: a strategy to live and breed in the cold" Amer. Sci. 65: 680-693 (1977)
  • Y. Le Maho "Le Manchot Empereur: une stratégie basée sur l'économie d'énergie" Courrier CNRS 50: 15-21 (1983)
  • Y. Le Maho, P. Delclitte, J. Chatonnet "Thermoregulation in fasting Emperor Penguins under natural conditions" Amer. J. Physiol. 231: 913-922 (1976)
  • Y. Le Maho, P. Delclitte, R. Groscolas "Body temperature regulation of the Emperor Penguin (Aptenodytes forsteri G.) during physiological fasting" (1977)
  • C. Offredo, V. Ridoux "The diet of Emperor Penguins Aptenodytes forsteri in Adelie Land, Antarctica" Ibis 128: 409-413 (1986)
  • B. Pinshow, W. R. Welch "Winter breeding in Emperor Penguins: a consequence of the summer heat?" Condor 82: 159-163 (1980)
  • B. Pinshow, M. A. Fedak, D. R. Battles, K. Schmidt-Nielsen "Energy expenditure for thermoregulation and locomotion in Emperor Penguins" Amer. J. Physiol. 231: 903-912. (1976)
  • J. Prévost "Ecologie du Manchot Empereur, Aptenodytes forsteri Gray" Paris, Hermann (1961)
  • J. Prévost, F. Boulière "Vie sociale et thermoregulation chez le Manchot Empereuer" Alauda 25(3) : 167-173 (1975)
  • P. Robisson, T. Aubin, J. C. Brémond "Le reconnaisance individuelle chez le Manchot Empereur (Aptenodytes forsteri): rôles respectifs du découpage temporel et de la structure sylabique du chant de cour" C. R. Acad. Sci. Paris 309(III) : 383-388 (1989)
  • B. Stonehouse "The Emperor Penguin Aptenodytes forsteri. I. Breeding Behaviour and Development." Falkland Isl. Depend. Scurv. Sci. Rep. 6: 1-33 (1953)
  • F. S. Todd "Factors influencing Emperor Penguin mortalità at Cape Crozier and Beaufort Island, Antartica." Gerfaut 70: 37-49
uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli