Aprilia Dorsoduro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il sestiere di Venezia, vedi Dorsoduro.
Aprilia Dorsoduro
Aprilia Dorsoduro 750 01.jpg
Costruttore Flag of Italy.svg Aprilia
Tipo Supermotard
Produzione dal 2008
Stessa famiglia Aprilia SXV

La Dorsoduro è una motocicletta prodotta da Aprilia a partire dal 2008 e appartiene alla categoria Supermotard (anche se da alcuni è ritenuta una naked).

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il motore che spinge questa moto è un bicilindrico da 750cm³ che eroga 92cv a 8.750 giri e una coppia di 82 Nm a 4.500 giri. La moto è una delle prime ad adottare la tecnologia Ride by Wire, che permette di controllare elettronicamente l'apertura dei corpi farfallati in base a diversi parametri in modo da ottimizzare l'erogazione della potenza in ogni situazione.

La centralina mette a disposizione tre mappe: Sport, Touring e Rain, selezionabili tramite un apposito switch sul manubrio che permettono di adattare al meglio l'erogazione del motore e la sua risposta all'acceleratore in base alle condizioni di guida.

Un aspetto che caratterizza ulteriormente questa moto è la ciclistica di buon livello, la moto presenta infatti forcelle rovesciate da 43mm e freni a disco a margherita che le conferiscono un comportamento sempre facile e sicuro anche su strade con molte asperità.

La moto è disponibile sia in versione ABS che in versione ABS Factory, che presenta raffinate sospensioni Sachs completamente regolabili e alcune sovrastrutture in carbonio.[1]

A fine ottobre 2010 è stata presentata la nuova Dorsoduro 1200 che dispone di un bicilindrico da 1200 cm³ che eroga 130 CV a 8.700 giri e una coppia massima di 115Nm a 7.200 giri. Come la sorella di cilindrata inferiore ha il Ride by Wire, le tre mappature del motore ed il sistema anti bloccaggio, mentre per gestire la maggiore potenza è stato aggiunto il controllo di trazione. Rispetto alla 750 base ha sospensioni completamente regolabili (come la Factory) ed un impianto frenante più efficace marcato Brembo anche se, rispetto alla sorella di cilindrata inferiore, perde un po' di agilità a vantaggio di una maggiore stabilità e di una maggiore precisione direzionale. Le uniche differenze estetiche con la 750 sono la sella ricamata e i due nuovi silenziatori sottosella.[2]

Competizioni[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 la Dorsoduro di serie guidata dall’italiano Andrea Padovani si è classificata quinta nella ottantaseiesima Pikes Peak International Hillclimb, una massacrante corsa che si tiene nelle montagne del Colorado e che consiste nello scalare una delle più alte montagne degli Stati Uniti fino a 4300 metri di quota lungo una salita di sterrato di 20 km di lunghezza. La gara è stata vinta da un'altra Aprilia, la SXV 5.5 condotta dall’americano Davey Durelle[3].

Nel 2009 la Dorsoduro sarà impegnata nel Campionato Europeo SuperMoto, nella nuova categoria HyperMoto, riservata a motard di fascia alta, insieme a KTM, BMW e Ducati. Per l'occasione verrà usata la Dorsoduro RR, una versione racing della Dorsoduro da 138 kg di peso e 100 CV di potenza massima.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda tecnica Dorsoduro 750 in Sito ufficiale Aprilia.
  2. ^ Scheda tecnica Dorsoduro 1200 in Sito ufficiale Aprilia.
  3. ^ Aprilia vince la 86a Pikes Peak Race

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]