Anders Arborelius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anders Arborelius, O.C.D.
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Anders Arborelius.svg
In laudem gloriae
Titolo Stoccolma
Incarichi attuali Vescovo di Stoccolma
Presidente della Conferenza episcopale della Scandinavia
Nato 24 settembre 1949 a Sorengo
Ordinato presbitero 8 settembre 1979
Nominato vescovo 17 novembre 1998 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 29 dicembre 1998 dal vescovo Hubertus Brandenburg

Anders Arborelius (Sorengo, 24 settembre 1949) è un vescovo cattolico svizzero naturalizzato svedese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Sorengo, in Svizzera, da genitori svedesi, è cresciuto a Lund, nel sud della Svezia. All'età di vent'anni si è convertito al cattolicesimo e nel 1971 è entrato nell'Ordine dei carmelitani scalzi. Ha studiato teologia a Bruges, dove ha preso i voti, e alla Pontificia facoltà teologica Teresianum di Roma[1]. Nel settembre 1979 è stato ordinato sacerdote dall'allora vescovo di Stoccolma Hubertus Brandenburg. Per parecchi anni ha vissuto nel convento carmelitano di Norraby, nel comune di Svalöv, nel sud della Svezia.

Il 17 novembre 1998 è stato nominato vescovo di Stoccolma da papa Giovanni Paolo II, a seguito della rinuncia di monsignor Hubertus Brandenburg; è diventato così il primo vescovo di etnia svedese dall'inizio della Riforma protestante[1]. Ha ricevuto la consacrazione dallo stesso monsignor Brandenburg il successivo 29 dicembre nella cattedrale di Sant'Erik.

Nel 2005 è stato eletto presidente della Conferenza episcopale della Scandinavia.

È stato membro del Comitato di presidenza del Pontificio consiglio per la famiglia (nominato nel 2002)[2]; dal 2014 è consultore del Pontificio consiglio per i laici[3].

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Arborelius, Lars Anders. URL consultato il 4 aprile 2014.
  2. ^ Bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 21.12.2002. URL consultato il 4 aprile 2014.
  3. ^ Bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 06.02.2014. URL consultato il 4 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Stoccolma Successore BishopCoA PioM.svg
Hubertus Brandenburg dal 17 novembre 1998 in carica
Predecessore Presidente della Conferenza episcopale della Scandinavia Successore Mitra heráldica.svg
Gerhard Schwenzer dal 2005 in carica