Andamane e Nicobare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andamane e Nicobare
territorio dell'Unione
Vista aerea delle Isole Andamane
Vista aerea delle Isole Andamane
Dati amministrativi
Stato India India
Capoluogo Port Blair
Governatore Bhopinder Singh
Lingue ufficiali Nicobarese, Bengali, Inglese, Hindi, Tamil, Telugu, Malayalam, Punjabi
Data di istituzione 1956
Territorio
Coordinate
del capoluogo
11°40′12″N 92°45′36″E / 11.67°N 92.76°E11.67; 92.76 (Andamane e Nicobare)Coordinate: 11°40′12″N 92°45′36″E / 11.67°N 92.76°E11.67; 92.76 (Andamane e Nicobare)
Superficie 8 249 km²
Abitanti 379 944 (2011)
Densità 46,06 ab./km²
Divisioni 3
Altre informazioni
Fuso orario UTC+5:30
ISO 3166-2 IN-AN
Localizzazione

Andamane e Nicobare – Localizzazione

Sito istituzionale

Andamane e Nicobare è un territorio (Union Territory) dell'India formato da due arcipelaghi dell'oceano Indiano: quello delle isole Andamane e quello delle isole Nicobare.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

I due arcipelaghi posti nel golfo del Bengala, più vicini alle coste della Birmania e di Sumatra che a quelle indiane (1.300 km di distanza circa dalle coste bengalesi), si sviluppano da nord a sud e risultano divisi dal Canale dei Dieci Gradi (150 km), attraversato dal 10º parallelo nord.

Le Andamane sono formate da almeno 576 tra isole e isolotti, in maggioranza disabitati, mentre le isole Nicobare sono 22.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Fino al 18 agosto 2006 il territorio è stato suddiviso ai fini amministrativi nei due distretti delle Andamane e delle Nicobare, corrispondenti ai due arcipelaghi; dopo tale data, però, il distretto delle Andamane è stato diviso in distretto di Andaman Meridionale e distretto di Andaman Settentrionale e Centrale.

La capitale del territorio è Port Blair (100.000 abitanti circa) sulla costa orientale dell'isola di Andaman Meridionale.

Etnografia[modifica | modifica sorgente]

La popolazione è costituita principalmente da indiani arrivati sulle isole a ondate successive nel corso del secolo scorso. La prima è stata quella dei prigionieri (spesso politici) inviati nella colonia penale istituita dagli inglesi a Port Blair. Il gruppo più distribuito nell'arcipelago è quello arrivato negli anni sessanta, ossia le famiglie dei rifugiati hindu dalle aree che sono oggi Bangladesh. Il governo indiano organizzò all'epoca il loro trasferimento e la distribuzione di terra agricola. Negli ultimi vent'anni ci sono stati molti altri arrivi di indiani giunti per opportunità di lavoro (spesso da Calcutta o da Chennai) che normalmente si stabiliscono a Port Blair. Le popolazioni autoctone sono molto antecedenti, addirittura risalenti al periodo della prima migrazione dell'uomo dall'Africa. Si tratta in effetti di popolazioni di ceppo negroide, divise in diverse tribù con stili di vita primitivi (conoscenza del fuoco ma non dell'agricoltura). Oggigiorno molte delle tribù originali sono scomparse: sia decimate da malattie o scontri oppure assorbite in qualche forma. Restano tuttora solo due tribù che mantengono uno stile di vita ancestrale fatto di raccolta di frutti, caccia e pesca: i Jarawa e i nativi di Sentinel Island. I primi hanno qualche sporadico contatto con il mondo esterno, i secondi sono tuttora ostili a qualsiasi contatto. Entrambi sono protetti dal governo indiano che ha stabilito zone a loro dedicate e zone buffer. Le stranissime caratteristiche di queste genti ispirarono lo scrittore Sir Arthur Conan Doyle nella stesura del suo celeberrimo libro Il segno dei quattro, con protagonista l'investigatore Sherlock Holmes.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]