Amargasaurus cazaui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Amargasaurus
Stato di conservazione: Fossile
Amargasaurus BW.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Sauropodomorpha
Infraordine Sauropoda
Famiglia Dicraeosauridae
Genere Amargasaurus
Specie Amargasaurus cazaui

L'amargasauro (Amargasaurus cazaui) era uno stranissimo dinosauro erbivoro vissuto verso la fine del Cretaceo inferiore (Barremiano, circa 115 milioni di anni fa) in Sudamerica.

Un dorso "biforcuto"[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto di questo dinosauro, imparentato con i notissimi sauropodi Apatosaurus e Diplodocus, era davvero stravagante: si pensi a un Apatosaurus con collo e coda più corti e una sorta di alta "vela" decorrente dal collo fino alla coda. Questa vela, in realtà, era formata da una serie di altissime spine neurali biforcute. Si presume che queste strutture sorreggessero una vela molto larga, o forse un accumulo di grasso o di carne. È anche possibile, tuttavia, che le spine biforcute reggessero due sottili vele parallele, o ancora che fossero semplicemente coperte da una guaina cornea e assomigliassero a spuntoni. La funzione di queste straordinarie strutture, ovviamente, non è nota. Forse servivano a regolare la temperatura corporea, oppure come riserva di grasso, o ancora come display intraspecifico. In ogni caso, l'amargasauro era senza dubbio un sauropode appariscente. Sembra inoltre che il collo presentasse una curvatura piuttosto spiccata verso il basso, così da conferire all'animale in vita una sorta di profilo ad arco e da lasciare il cranio quasi a livello del terreno.

Scheletro dell'Amargasaurus

Parentele[modifica | modifica wikitesto]

Si conosce gran parte dello scheletro di questo animale, a eccezione di parte della coda. L'animale intero era piuttosto piccolo in confronto alla media dei sauropodi, e non doveva superare i nove metri di lunghezza. I resti, scoperti nei primi anni '80 in Argentina, sono stati descritti solo nel 1991 da Salgado e Bonaparte. I suoi parenti più stretti vanno ricercati nella famiglia dei dicreosauridi, che comprende Dicraeosaurus del Giurassico africano e l'altrettanto bizzarro Brachytrachelopan del Giurassico argentino, dotato di un collo molto corto.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

dinosauri Portale Dinosauri: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di dinosauri