Wind Tre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wind Tre
Logo
Wind Tre Rho.jpg
Sede Wind Tre a Rho
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione31 dicembre 2016
Sede principaleTrezzano sul Naviglio e Roma
Persone chiaveJeffrey Hedberg (AD)
SettoreTelecomunicazioni
Prodotti
Fatturato6,49 miliardi di [1] (2016)
Dipendenti7 525[1] (2017)
Slogan«Be One To Be Number One»
Sito web

Wind Tre S.p.A. è una joint venture paritaria italiana tra i gruppi CK Hutchison e VEON operante nel settore della telefonia, nata con la fusione per incorporazione di Wind Telecomunicazioni S.p.A. in H3G S.p.A.[2]

La società è operativa dal 31 dicembre 2016.[2]

Per numero di clienti, Wind Tre è in Italia il primo operatore di telefonia mobile (31,5% del mercato al 30/09/2017) e il secondo di telefonia fissa (13,0% del mercato al 30/09/2017) dopo TIM.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 agosto 2015, CK Hutchison e VimpelCom (in seguito VEON) raggiungono un accordo per la creazione di una joint venture paritetica.[4]

Il 1º settembre 2016 la fusione viene approvata dalla Commissione europea a condizione che gli operatori cedano parte della propria rete d'accesso e forniscano contratti di roaming ed altri asset a un nuovo operatore.[5]

Il successivo 25 settembre il Ministero dello sviluppo economico dà la sua approvazione[6] alla quale segue, il 7 novembre, il completamento della transazione per la joint venture con Wind Telecomunicazioni e H3G che passano sotto il controllo della stessa holding e con l'amministratore delegato di Wind Maximo Ibarra, che assume anche il ruolo di AD di 3 Italia, poi, il 31 dicembre nasce ufficialmente l'azienda.

Il 19 e il 20 febbraio 2017 si tiene a Roma la prima convention Wind Tre post-fusione[7] e tre giorni dopo, il 23 febbraio, viene ufficializzata la collaborazione con ZTE, partner tecnologico per le operazioni di consolidamento e ammodernamento delle reti Wind e 3.[8]

Il 23 maggio 2017 viene presentato il nuovo marchio unico Wind Tre Business, dedicato alle imprese e alla pubblica amministrazione.[9]

Il 23 giugno 2017, gli azionisti di Wind Tre, CK Hutchison e VEON, annunciano la nomina di Jeffrey Hedberg a nuovo AD della società, prendendo il posto di Maximo Ibarra.[10]

Al 30 giugno 2017, Wind Tre ha comunicato di aver effettuato il primo rilascio di frequenze (in banda 2600 MHz) al gruppo Iliad[11], come previsto dagli accordi con la Commissione Europea. Lo stesso gruppo francese ha confermato di aver ricevuto il primo blocco di frequenze, pagato 50 milioni di euro[12], a cui seguiranno i successivi rilasci e rispettivi pagamenti (secondo blocco nel secondo semestre 2017, terzo blocco nel 2018 e quarto blocco nel 2019). Per le frequenze che Wind Tre cederà nel 2018 ad Iliad, è previsto un pagamento di 210 milioni di euro, mentre nel 2019 l'ultimo blocco di frequenze verrà pagato 180 milioni di euro[13].

Marchi[modifica | modifica wikitesto]

Attivi[modifica | modifica wikitesto]

Wind Logo.png Tre The future you want.png Wind Tre Business Logo.jpg
Wind Tre Wind Tre Business

La società è attualmente attiva sul mercato italiano con i seguenti marchi:

Sul settore privato i marchi Wind e 3 continuano ad operare sul mercato italiano in autonomia.[14][15]

Dismessi[modifica | modifica wikitesto]

Infostrada - Wind Tre Logo.png Blu mobile Flat Logo.png
Infostrada Blu

Infostrada era il marchio con cui Wind Tre ha commercializzato, in entrambi i punti vendita Wind e 3, i servizi e i prodotti di telefonia fissa, ADSL e fibra ottica.
Dall'11 settembre 2017 il marchio è stato gradualmente sostituito dalla gamma di offerte Wind Home e 3 Fiber.

Il marchio Blu fu acquisito da Wind Telecomunicazioni S.p.A. nel 2002[16] e mai più utilizzato commercialmente da allora.

Copertura e servizi[modifica | modifica wikitesto]

Dati aggiornati al 30 settembre 2017[1]:

Rete mobile[modifica | modifica wikitesto]

Rete Tecnologia Velocità massima Popolazione
coperta (%)
Frequenze utilizzate
Download ↓ Upload ↑
2G GSM/GPRS 85,6 kbit/s 20 kbit/s 99,9% 900 MHz / 1800 MHz
EDGE 236,8 kbit/s 60 kbit/s
3G UMTS/HSPA 21,6 Mbit/s 5,76 Mbit/s 98,8% 900 MHz / 2100 MHz
HSPA+ 42,2 Mbit/s 5,76 Mbit/s 80%
4G LTE 150 Mbit/s 50 Mbit/s 91,6% 800 MHz / 1800 MHz / 2600 MHz

Rete mobile costituita da:

  • 14.796 stazioni radio base in tecnologia 2G;
  • 25.864 Node B in tecnologia 3G;
  • 11.768 eNode B in tecnologia 4G.
  • 636 accordi di roaming internazionale su rete I WIND, per una copertura di 211 nazioni, di cui 54 anche da 4G LTE.
  • 555 accordi di roaming internazionale su rete 3 ITA, per una copertura di 192 nazioni, di cui 20 anche da 4G LTE.

La mappa aggiornata della copertura Wind è reperibile sul sito ufficiale[17].
La mappa aggiornata della copertura Tre è reperibile sul sito ufficiale[18].

Rete fissa[modifica | modifica wikitesto]

Infrastruttura Tecnologia Tipologia Velocità massima Copertura Popolazione
Download ↓ Upload ↑
Fibra ottica FTTH GPON 1 Gbit/s 100 Mbit/s Bari, Bologna, Cagliari, Catania,
Genova, Milano, Napoli, Padova,
Palermo, Perugia, Torino e Venezia
con Open Fiber
8%
FTTC VULA 100 Mbit/s 20 Mbit/s 1.060 siti
su rete TIM
42%
Rame ADSL2+ ULL 20 Mbit/s 1 Mbit/s 1.958 siti 70%
ADSL WLR 7 Mbit/s 512 kbit/s Su rete TIM
(servizio non più commercializzato)[19]

Rete fissa costituita da:

  • 35.888 km di backbone in fibra ottica;
  • 6.744 km di anelli urbani (MAN);
  • 29.688 collegamenti radio.

Clienti[modifica | modifica wikitesto]

Dati aggiornati al 30 settembre 2017[20]

Telefonia mobile[modifica | modifica wikitesto]

29,8 milioni di linee mobili totali (32,1% del mercato)

Telefonia fissa[modifica | modifica wikitesto]

2,7 milioni di linee fisse totali (13,1% del mercato), di cui:

2,5 milioni di linee fisse broadband Fibra e ADSL (15% del mercato)

Dati economici e finanziari[modifica | modifica wikitesto]

Risultati aggiornati al 31 dicembre 2016[1]:

  • Ricavi totali: 6,491 miliardi di euro
  • EBITDA: 2,184 miliardi di euro
  • ARPU: 11,5 euro

Dati aggiornati al 30 settembre 2017:

  • Debito finanziario: 10,138 miliardi di euro (in crescita)

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Per i dati precedenti, vedi le voci Wind Telecomunicazioni e 3 Italia

Slogan pubblicitari[modifica | modifica wikitesto]

Wind[modifica | modifica wikitesto]

« Più vicini. »

Tre[modifica | modifica wikitesto]

« The future you want »

Discografia musicale e testimonial[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito le canzoni utilizzate come colonna sonora delle campagne pubblicitarie:

Wind[modifica | modifica wikitesto]

Anno Brano Artista Testimonial
2017 Somewhere New Klingande ft. M-22 Giorgio Panariello e Giovanni Esposito
Games Continued Bakermat & Goldfish ft. Marie Plassard Rosario Fiorello
I Gotta Feeling The Black Eyed Peas
Fenomeno Fabri Fibra Giorgio Panariello e Fabri Fibra
Katchi Ofenbach ft. Nick Waterhouse Giorgio Panariello

Tre[modifica | modifica wikitesto]

Anno Brano Artista Testimonial
2017 VCR The xx Mia e Luca
Tutto molto interessante Fabio Rovazzi
Volare Luca (guest star Fabio Rovazzi)
Don't Sweat the Technique Eric B. & Rakim Luca
Lonely Boy The Black Keys

Wind Tre Business[modifica | modifica wikitesto]

Anno Brano Artista Testimonial
2017 Believer Imagine Dragons Carlo Conti

Infostrada[modifica | modifica wikitesto]

Anno Brano Artista Testimonial
2017 Better Seuss Team Jestion

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Wind Tre S.p.A. è posseduta al 100% da Wind Tre Italia S.p.A, controllata al 100% da VIP-CKH Luxembourg S.à r.l.
Si tratta di una joint venture controllata pariteticamente al 50% da VEON e CK Hutchison.[21]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Wind Tre S.p.A. - Bilancio consolidato al 30/09/2017
  2. ^ a b Al via Wind Tre, primo operatore di telefonia mobile in Italia. Alla sua guida Maximo Ibarra.
  3. ^ AGCOM, Osservatorio sulle comunicazioni n° 4 del 2017
  4. ^ CK Hutchison e VimpelCom firmano un accordo per unire le loro attività di telecomunicazioni in Italia
  5. ^ CK Hutchison e VimpelCom esprimono soddisfazione per l’approvazione della joint venture tra Wind e 3 Italia
  6. ^ VimpelCom e CK Hutchison ricevono l’approvazione definitiva alla joint venture in Italia
  7. ^ Convention Wind Tre 19-20 febbraio 2017
  8. ^ Wind Tre, presentazione risultati 2016
  9. ^ Nasce Wind Tre Business, nuovo brand per le aziende italiane
  10. ^ CK Hutchison e VEON annunciano il nuovo CEO di Wind Tre, su windtre.it.
  11. ^ Iliad in Italia: l'aggiornamento su copertura di rete, data di lancio, tariffe e fake news, in UNIVERSO Free, 7 settembre 2017. URL consultato il 20 settembre 2017.
  12. ^ Ho Mobile e la cessione frequenze da Wind Tre, in UpGo.news, 16 settembre 2017. URL consultato il 20 novembre 2017.
  13. ^ Iliad: in Italia investimenti per oltre un miliardo di euro e un migliaio di assunzioni, in UNIVERSO Free, 2 settembre 2017. URL consultato il 20 settembre 2017.
  14. ^ Wind e Tre 'diventano uno': ecco cosa cambia (e non)
  15. ^ Wind Tre, Ibarra: "Entro l’anno rete superveloce per 2,2 milioni di famiglie"
  16. ^ Blu: Wind acquisisce ramo d'azienda con clienti e marchio
  17. ^ Mappa copertura Wind, su wind.it.
  18. ^ Mappa copertura Tre, su tre.it.
  19. ^ A partire dal 14 marzo 2016 non sono più disponibili per i nuovi clienti le offerte ADSL Infostrada fuori copertura rete.
  20. ^ windtre.it
  21. ^ Wind 3 Italia, CdA e Struttura Azionaria, su www.windtre.it. URL consultato il 14 marzo 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]