Lycamobile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lycamobile
Logo
StatoRegno Unito Regno Unito
Fondazione2006 a Londra
Fondata daAllirajah Subaskaran
Sede principaleLondra
GruppoHastings Trading e Serviços Lda
Persone chiaveAllirajah Subaskaran, Presidente
SettoreTelecomunicazioni
ProdottiTelefonia Mobile
Slogan«Call the world for less»
Sito webwww.lycamobile.it/

Lycamobile è un operatore di telefonia mobile virtuale (MVNO) attivo in più di venti Paesi del mondo e con oltre quindici milioni di clienti.[1][2]

Fondato nel 2006, nel 2015 è stato il più grande operatore virtuale a livello internazionale[senza fonte] con un fatturato di 1,8 miliardi di euro[senza fonte]. La maggior parte delle entrate di Lycamobile è generata dai prodotti SIM per i consumatori.

Offre servizi voce e dati in 3G ed in alcuni Paesi in rete mobile 4G[3] nonché una serie di servizi finanziari e di viaggio (come Lycaremit e Lycafly). Il marchio Lycamobile è distinto dal marchio Lycatel e opera con diverse entità aziendali nazionali. I due non funzionano necessariamente in parallelo sebbene esista in alcuni paesi una sovrapposizione. Allirajah Subaskaran è il presidente di Lycamobile che ha la sua sede principale nel Regno Unito, a Londra.

Aree di attività e servizi[modifica | modifica wikitesto]

Aree di attività Servizi
Paese Rete di appoggio Anno di lancio Anno di cessazione Full MVNO Clienti Data clienti Prefisso Note
Africa
Tunisia Tunisia Tunisie Telecom 2015 [4]
Sudafrica Sudafrica Cell C South Africa 2017 [5][6]
Uganda Uganda MTN, Airtel, Africell 2020
America
Stati Uniti Stati Uniti T-Mobile USA 2013 [7]
Asia
Hong Kong Hong Kong 3 Hong Kong 2015 2018 [8]
Europa
Austria Austria A1 2013
Belgio Belgio Telenet BASE 2006 [9]
Danimarca Danimarca TDC 2010 [10]
Francia Francia Bouygues Télécom France 2011 [11]
Germania Germania Vodafone Deutschland 2011 01521 [12]
Irlanda Irlanda 3 Ireland
Italia Italia Vodafone Italia 2009 373 / 3510 / 3511 e 3512 [13][14]
Macedonia del Nord Macedonia del Nord One Vip Network 2016
Norvegia Norvegia Telenor e TeliaSonera 2009
Paesi Bassi Paesi Bassi KPN
Polonia Polonia Polkomtel Plus Polska 2011 729
Portogallo Portogallo Vodafone Portugal
Regno Unito Regno Unito O2 UK 2010 [15]
Romania Romania Telekom Romania 2015 [16]
Spagna Spagna Yoigo 2010 [17][18]
Svezia Svezia Telenor
Svizzera Svizzera Swisscom 2008
Ucraina Ucraina 3Mob Ukrtelecom
Oceania
Australia Australia Telstra 2010 [19]
Resto del mondo
Russia Russia T2 Mobajl (T2 Mobile) 2018 [20]

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Sudafrica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anno 2017 Lycamobile si appresta a lanciare i propri servizi di telefonia mobile come MVNO anche in Sudafrica. Queste le dichiarazioni che sono arrivate da Jose Dos Santos, amministratore delegato dell’operatore di rete sudafricano Cell C, a cui Lycamobile si appoggia.[5]

Uganda[modifica | modifica wikitesto]

Lycamobile sbarca in Uganda nel 2020 e diviene un operatore di rete mobile infrastrutturato nel 2021.[21]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Esiste in Belgio dall'anno 2006. Nel 2017 diventa Full MVNO in Belgio sulla rete di Telenet (ex BASE, acquisito nel 2015).[9]

Danimarca[modifica | modifica wikitesto]

Lycamobile firmò un accordo di lancio MVNO con l’operatore mobile danese TDC nel 2010. Sfrutta la sua rete mobile per proporre le sue offerte prepagate come operatore mobile virtuale in Danimarca.[10]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Arrivò in Francia nel luglio del 2011 ed è Full Mobile Virtual Network Operator (Full MVNO). L'operatore gestisce interamente il servizio offerto tranne la rete d'accesso, di proprietà dell'operatore con cui ha stretto un accordo (MNO) che è Bouygues Telecom France.[22]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º giugno 2011 Lycamobile lanciò la sua offerta in Germania.[23]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Ha lanciato i propri servizi di telefonia mobile in Italia il 15 giugno 2009, operando sulla rete mobile di 3 Italia.[24] Dal 3 dicembre del 2013 Lycamobile opera invece su rete Vodafone come Full MVNO.[25] Per le numerazioni delle sue SIM, Lycamobile Italia utilizza la decade zero, prima e seconda del decamigliaio 351 (ovvero 351-0, 351-1 e 351-2). L'offerta è disponibile solo in versione prepagata.

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

La filiale di Lycamobile esordì in Spagna nell'anno 2010 su rete Movistar,[17] mentre in seguito all'acquisizione avvenuta nel 2020 da parte di MásMóvil,[26][27] la copertura è garantita tramite la rete Yoigo.[18]

Svizzera[modifica | modifica wikitesto]

Avvia la propria attività dall'anno 2008.[28]

Ucraina[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anno 2017 l'operatore punta a lanciare i suoi servizi anche in Ucraina con una partnership con Ukrtelecom, tramite 3Mob.[29]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Australia[modifica | modifica wikitesto]

Il lancio in Australia fu effettuato a novembre dell'anno 2010. Nell'anno 2016 ampliò la sua partnership con Telstra (principale operatore mobile australiano) per offrire servizi su rete 4G a tutti i suoi clienti.[19]

Altre attività e servizi[modifica | modifica wikitesto]

Mentre Lycamobile rappresenta il core business di Lyca, ovvero l'offerta di servizi di telecomunicazioni MVNO, Lyca ha altri servizi di telecomunicazione forniti ai consumatori. Oltre alle telecomunicazioni, ci sono varie iniziative imprenditoriali a marchio Lyca, quali: servizi prodotti finanziari e servizi assicurativi, progetti di logistica e una compagnia aerea, Lyca Airways, con sede in Africa occidentale.

GT Mobile

GT Mobile (noto anche come "Gnanam Telecom") era un sub-marchio MNVO di Lycamobile. Il marchio GT Mobile, come il suo genitore, era rivolto a coloro che desideravano effettuare chiamate nazionali e internazionali su base prepagata e ricaricabile. Offriva strutture e pacchetti di prezzi alternativi incentrati maggiormente sui pacchetti di traffico telefonico nazionali del marchio Lycamobile. Inizialmente operava oltre che nel Regno Unito anche in Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Svezia, Australia, Spagna, Italia, Francia, Belgio e Svizzera. Successivamente anche il ramo del Regno Unito è stato fuso con Lycamobile.

Lycachat

Lycachat è un'offerta voce over IP (voIP) disponibile per i consumatori.

LycaFly

LycaFly è il ramo del business Lyca specializzato nei viaggi e nell'offrire voli aerei e vacanze a basso costo verso destinazioni prevalentemente asiatiche come l'India, lo Sri Lanka e la Nigeria. È stato lanciato nel 2007 come parte di un'acquisizione di un'attività di agenzia di viaggi già esistente. LycaFly opera soltanto nel Regno Unito.

Lycalotto

Lycalotto, lanciato a marzo 2017, è una piattaforma-sindacato della lotteria. Lycalotto offre l'accesso alle estrazioni della lotteria da tutto il mondo, comprese quelle normalmente non accessibili all'interno delle regioni nazionali come EuroMillions e la US Powerball. Lycalotto è disponibile solo nel Regno Unito e in Irlanda.

Lycamoney

Lycamoney è un'offerta di carte di pagamento prepagate, che consente di accedere al metodo di pagamento con MasterCard.

Lyca Productions

Lyca Productions è una società di produzione cinematografica con sede in India.

LycaRadio

Lanciata nel 2013, LycaRadio è nata dopo l'acquisizione da parte di Lyca delle frequenze radio precedentemente gestite dalla stazione radio Sunrise. Lycaradio offre due emittenti radiofoniche, LycaRadio e Lyca Dilse. Entrambe le stazioni hanno mantenuto il precedente formato della precedente Sunrise Radio, rivolto a tutti e principalmente alle comunità dell'Asia meridionale, in parte regolato secondo i requisiti normativi che sono imposti da Ofcom.

Lycaremit

Lycaremit, lanciato nell'anno 2015, è una delle più recenti iniziative del gruppo che funge da servizio di trasferimento di denaro consentendo agli utenti di inviare denaro all'estero.

Lycatalk

Anche il marchio Lycatalk fa parte della famiglia Lyca e opera nelle stesse giurisdizioni dei marchi delle carte telefoniche, con l'eccezione del Portogallo.

Lycatel

Lycatel si concentra sulla vendita di carte telefoniche ai grossisti per poi essere rivendute al pubblico. Offre anche vendite online di carte telefoniche e vendite dirette ai clienti tramite un sito internet dedicato. Il marchio Lycatel non è di per sé utilizzato come marchio di una sola carta telefonica, ma si comporta come marchio principale utilizzato e presente su varie schede telefoniche di marca. Ciascun tipo di carta telefonica presenta tariffe di chiamata diverse per destinazioni differenti, alcune delle quali sono più adatte ad un uso singolo (note nel settore delle carte telefoniche come "throw-away cards"). Il marchio Lycatel (o come precedentemente utilizzato "Lyca Tel") esiste dall'anno 2001, anche se la sua proprietà iniziale e la sua struttura operativa si sono significativamente distinte dall'inizio degli anni 2000 ai giorni nostri.

Lycatel opera principalmente attraverso le proprie società di rivendita nazionali o attraverso i suoi fornitori di servizi in Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Francia, India (un'operazione di esternalizzazione), Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti e Tunisia. Detiene una diffusione paese per paese più ampia rispetto a Lycamobile, sebbene Lycamobile incominciò ad operare in paesi in cui Lycatel non ha una presenza, come ad esempio la Polonia.

LycaTV

Lyca TV è un provider di intrattenimento etnico online over-the-top (OTT), disponibile in più di venti paesi e in nove lingue diverse. Tra l'altro manda in diretta più di trentacinque canali televisivi africani in lingua inglese.

Fondazione Gnanam[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2010 il fondatore e presidente di Lycamobile Subaskaran Allirajah, insieme con sua madre, ha fondato la fondazione Gnanam per fornire aiuto alle comunità emarginate di tutto il mondo.[30] Nel 2012, insieme con il British Asian Trust, la fondazione Gnanam erogò una sovvenzione di tre anni che offriva formazione professionale a 1.500 giovani svantaggiati in India. Durante l'epidemia del virus ebola, ha donato 59.000 sterline britanniche a Save the Children per fornire attrezzature e forniture, come letti, zanzariere e attrezzature mediche, necessarie per gestire i centri di trattamento.[31]

Uno dei molti progetti che la fondazione Gnanam ha supportato era il progetto chiamato Raincatcher 2013 dell'Imperial College di Londra. Ciò ha comportato la costruzione di sistemi di raccolta dell'acqua piovana salva-vita nella Tanzania rurale con la collaborazione di studenti del college.[32] Inoltre, l'operatore di telefonia mobile si è impegnato recentemente nel Regno Unito a donare 1 sterlina ogni 10 in beneficenza senza che il cliente finale abbia perso i suoi crediti telefonici prepagati. Queste opzioni di donazione comprendevano le seguenti organizzazioni: Action Aid, British Heart Foundation, Cancer Research UK, NSPCC, Oxfam, RSPCA, Save the Children, UNICEF e Water Aid.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 L'Express riportò le pratiche commerciali aggressive di Lycamobile e le precarie condizioni di lavoro per i loro dipendenti ed intermediari.[33] Nel giugno del 2016 invece fu indagato dalle autorità per frode fiscale e reati di riciclaggio di denaro ma Lycamobile confutò le accuse.[34][35]

Irlanda[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 maggio 2016, Lycamobile Ireland Limited fu dichiarata colpevole del reato di mancata ottemperanza a una richiesta di informazioni presentata dalla Commissione per il regolamento sulle comunicazioni ComReg utilizzando i suoi poteri di raccolta di informazioni legali. La società fu dichiarata colpevole presso il tribunale distrettuale di Dublino, multata di 3000 Euro e condannata a versare un contributo alle spese della ComReg. Le informazioni richieste erano in relazione alla revisione in corso da parte di ComReg dei mercati dell'accesso locale all'ingrosso ("WLA") e dell'accesso centrale all'ingrosso ("WCA") che facilitano la fornitura dei servizi di telefonia fissa all'ingrosso e al dettaglio, di banda larga ed altri.[36]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel servizio televisivo della trasmissione “Le Iene” del 2017, emerse come fosse possibile acquistare con estrema facilità da rivenditori autorizzati una grande quantità di schede telefoniche Lycamobile senza la necessità di presentare un documento di identità. Interrogati dai giornalisti, i vertici della società si rifiutarono di assumere una posizione in merito.[37]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Fu un donatore significativo del partito politico conservatore britannico, avendo donato 1,3 milioni di sterline dal 2011, di cui 500.000 nel 2015. Rese anche disponibile l'uso di un suo call center a Boris Johnson durante la sua campagna elettorale per i sindaci di Londra del 2012. Non versò alcuna imposta sulle società per diversi anni, sebbene la società abbia messo da parte 9,5 milioni di sterline per coprire "una potenziale passività per imposte non pagate", inclusi "interessi e penali" nei suoi conti del 2015. Tra l'altro i conti del 2015 furono archiviati con un ritardo di sette mesi, apparendo dopo che Companies House minacciò di licenziare Lycamobile ed un'azione del genere avrebbe impedito alla società di condurre affari nel Regno Unito. Lycamobile era stato precedentemente minacciato di essere cancellato nel 2012 poiché i suoi conti erano stati archiviati con due anni di ritardo nello stesso anno.[38]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Australia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2020 l'Australian competition and consumer commission (ACCC) ha inflitto alla filiale australiana di Lycamobile una sanzione per pubblicità ingannevole.[39]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lycamobile | Chi siamo, su www.lycamobile.it. URL consultato il 22 settembre 2015.
  2. ^ (EN) MVNO Monday: a guide to the week's virtual operator developments, su commsupdate.com.
  3. ^ Lycamobile: 4G in UK, Stati Uniti e presto in Spagna e altri Paesi, su mvnonews.com.
  4. ^ MVNONews Staff, Lycamobile si espande ancora: presto il lancio anche in Tunisia, su mvnonews.com. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  5. ^ a b Lycamobile si espande anche in Sudafrica sulla rete di Cell C, su mvnonews.com.
  6. ^ Lycamobile si espande ancora: confermato il lancio in Sudafrica, su mvnonews.com.
  7. ^ (EN) Lycamobile expands to U.S. market, su business.inquirer.net, 28 aprile 2013. URL consultato il 1º aprile 2021.
  8. ^ (EN) Consumer Alert on the Service Cessation of Lycamobile Hong Kong Limited, su ofca.gov.hk.
  9. ^ a b Lycamobile diventa Full MVNO in Belgio e acquisisce Ortel Mobile, su mvnonews.com.
  10. ^ a b Lycamobile continua la sua espansione: ora presente anche in Danimarca, su mvnonews.com.
  11. ^ (FR) Un nouveau Full MVNO frappe fort en France: Lycamobile, su nextinpact.com.
  12. ^ (EN) Lycamobile to launch as MVNO on Vodafone Germany's network, su telecompaper.com.
  13. ^ Lycamobile: un nuovo operatore virtuale su rete 3 Italia, su telefonino.net.
  14. ^ Lycamobile: lancio come Full MVNO in Italia su rete Vodafone, su mvnonews.com. URL consultato il 22 settembre 2015.
  15. ^ (EN) O2 renews multi-year MVNO deal with Lycamobile, su mobilenewscwp.co.uk. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2018).
  16. ^ (EN) Lycamobile launches in Romania, su telegeography.com.
  17. ^ a b Lycamobile si espande e debutta anche in Spagna, su mvnonews.com.
  18. ^ a b (ES) Este OMV cambia su cobertura de Movistar a Yoigo, su adslzone.net, 1º dicembre 2020. URL consultato il 1º febbraio 2021.
  19. ^ a b (EN) Lycamobile Launches 4G in Australia through Expanded Agreement with Telstra Wholesale, su lycamobile.com.
  20. ^ (RU) Lycamobile приходит в Россию?, su telcojournal.mcn.ru.
  21. ^ (EN) Lycamobile becomes Uganda's fourth national operator, su developingtelecoms.com, 12 maggio 2021.
  22. ^ (FR) Un nouveau Full MVNO frappe fort en France : Lycamobile, su nextinpact.com.
  23. ^ (EN) Lycamobile to launch as MVNO on Vodafone Germany's network, su telecompaper.com.
  24. ^ Debutta ufficialmente Lycamobile: promo e dettagli, su mvnonews.com.
  25. ^ (EN) Lycamobile Group targets eight new markets by Feb-14; Italian unit replaces H3G with Vodafone, su telegeography.com, 3 dicembre 2013.
  26. ^ (ES) Qué es Lycamobile, el último operador comprado por MásMóvil, su tuexpertomovil.com, 2 marzo 2020. URL consultato il 1º febbraio 2021.
  27. ^ (ES) El Grupo MásMóvil cierra la compra de Lycamobile España por 372 millones, su distribucionactualidad.com, 11 marzo 2020. URL consultato il 1º febbraio 2021.
  28. ^ Soddisfazione clienti telefonia mobile: in Svizzera i MVNO battono tutti, su mvnonews.com.
  29. ^ (EN) Lycamobile Launches in Ukraine, su lycamobile.com.
  30. ^ (EN) Fondazione Gnanam (Sito Ufficiale), su gnanam-foundation.org.
  31. ^ (EN) Leading phone network donates £59k to fight Ebola, su voice-online.co.uk. URL consultato il 19 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2018).
  32. ^ (EN) Lycamobile announces sponsorship of Imperial College's Raincatcher project, su lycamobile.com.
  33. ^ (FR) Téléphonie: bataille de cartes prépayées à Barbès et La Chapelle, su lexpress.fr.
  34. ^ (EN) Lycamobile offices raided in tax fraud investigation, su accountancyage.com.
  35. ^ (EN) Tory donors investigated for tax fraud, su thetimes.co.uk.
  36. ^ (EN) ComReg -v- Lycamobile Ireland: District Court Hearing on Failure to Provide Information to ComReg (PDF), su comreg.ie.
  37. ^ Le schede telefoniche anonime, su iene.mediaset.it.
  38. ^ (EN) Lycamobile is Tories' top corporate donor - but pays no corporation tax, su theguardian.com.
  39. ^ (EN) Amaysim and Lycamobile pay penalties over ads for 'unlimited' mobile plans, su accc.gov.au, 15 ottobre 2020. URL consultato il 15 novembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]