Maximo Ibarra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Maximo Ibarra (Cali, 13 dicembre 1968) è un dirigente d'azienda italiano.

È stato amministratore delegato di Wind Telecomunicazioni e poi di Wind Tre.[1] È stato amministratore delegato di KPN Azienda di Telecomunicazioni in Olanda fino al 30 settembre 2019. Dal 1º ottobre 2019 è AD di Sky Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Cali (Colombia), Maximo Ibarra si è laureato nel 1992 in Scienze politiche, indirizzo politico-economico, presso la facoltà di Scienze politiche dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

Nel 1994 ha conseguito un Master in Business Administration presso la STOA', Istituto di Studi per la Direzione e Gestione di Impresa, e successivamente un Master in Marketing delle Telecomunicazioni presso l'Insead di Parigi.

Ha inoltre frequentato un corso di General Management alla London Business School e l'Executive Program alla Singularity University nella Silicon Valley.

La carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la sua carriera nel 1994 lavorando per due anni in Telecom Italia Mobile come analista marketing.

Successivamente, nel 1996, è entrato in Omnitel Vodafone arrivando alla guida del Marketing Consumer, incarico che ha ricoperto per due anni.

Ha in seguito ricoperto il ruolo di Direttore Commerciale Italia in DHL International.

Nel 2001 è diventato vice presidente strategie di sviluppo aziendale della Business Unit Servizi di Fiat Auto.

Nel 2003 entra in Benetton Group con il ruolo di vice presidente marketing e comunicazione.

Nel 2004 approda in Wind Telecomunicazioni come direttore marketing nel settore della telefonia mobile. Nel 2009 diventa Direttore della Business Unit Mobile Consumer e, successivamente, Direttore della Business Unit Fixed and Mobile Consumer. L'11 maggio 2012 è nominato amministratore delegato e direttore generale.

Nel novembre 2016 diventa amministratore delegato della joint venture paritetica fra VEON Ltd. e CK Hutchison per la fusione delle rispettive società controllate (Wind Telecomunicazioni e 3 Italia[2]), la quale assume la denominazione Wind Tre a partire dal 31 dicembre 2016.[3][4]

Con questa operazione Ibarra fa parte del consiglio di amministrazione di VEON.[5]

Ibarra svolge anche attività accademica e dal 2005 è titolare della cattedra di Digital Marketing presso l'Università Libera università internazionale degli studi sociali Guido Carli (Luiss) di Roma.[6]

Il 23 giugno 2017 esce da Wind Tre S.p.A dopo aver completato con successo la prima fase dell’integrazione.

Ad Ottobre del 2017 Ibarra assume la Direzione del Master in Innovation e Digital Ecosystem presso la Luiss a Roma e viene inoltre nominato Amministratore Delegato designato di KPN Società leader di Telecomunicazioni nei Paesi Bassi.

Il 18 Aprile del 2018, dopo aver collaborato per alcuni mesi come advisor, Ibarra diventa ufficialmente AD di KPN.

Ibarra ha annunciato le sue dimissioni da KPN a Giugno 2019, dove rimane in carica fino al 30 Settembre.

Il 1 Ottobre del 2019 assume il ruolo di AD di Sky Italia.

Il 20 Aprile del 2021 viene annunciato che diventerà AD di Engineering Ingegneria Informatica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Squadra, su windtre.it (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  2. ^ CK Hutchison e VimpelCom completano la transazione per la joint venture in Italia, su windtre.it (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2016).
  3. ^ Wind Tre, su windtre.it.
  4. ^ La Storia, su windtre.it (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2017).
  5. ^ Veon, su veon.com.
  6. ^ Professor Maximo Ibarra, su docenti.luiss.it.