The Paradigm Shift

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Paradigm Shift
ArtistaKorn
Tipo albumStudio
Pubblicazione8 ottobre 2013
Durata42:53 (CD)
48:58 (LP)
Dischi1
Tracce11 (CD)
13 (LP)
GenereNu metal[1]
EtichettaProspect Park
ProduttoreDon Gilmore (eccetto traccia 3)
Nightwatch (traccia 3)
Registrazioneottobre 2012–maggio 2013
Buck Owens' Studios, Bakersfield (California)
NRG Recording Studios, Los Angeles (California)
FormatiCD, CD+DVD, 2LP, download digitale
Korn - cronologia
Singoli
  1. Never Never
    Pubblicato: 16 agosto 2013
  2. Hater
    Pubblicato: 1º luglio 2014

The Paradigm Shift è l'undicesimo album in studio del gruppo musicale statunitense Korn, pubblicato l'8 ottobre 2013 dalla Prospect Park.[2]

Prodotto da Don Gilmore (già collaboratore di gruppi come Linkin Park, Lacuna Coil, Good Charlotte e Bullet for My Valentine),[3] si tratta del primo album del gruppo realizzato con il chitarrista originario Brian "Head" Welch dai tempi di Take a Look in the Mirror (2003).[4]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Un anno dopo la pubblicazione di The Path of Totality, i Korn hanno iniziato a proporre alcune idee per il successivo album.[5] Il chitarrista James "Munky" Shaffer ha affermato che l'album avrebbe presentato elementi dark riconducibili a Issues (1999) uniti alla pesantezza di Untouchables (2002).[6] Il 2 maggio 2013 è stato annunciato il rientro in formazione del chitarrista Brian "Head" Welch, il quale aveva abbandonato il gruppo nel 2005.[7]

Il 9 luglio sono stati annunciati il titolo del disco e la data di pubblicazione,[2] mentre il 26 dello stesso mese viene rivelata anche la copertina.[8] Il 3 ottobre l'album è stato reso disponibile per lo streaming attraverso il sito Pandora.com.[9]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda il sound, Munky ha affermato che «La nuova musica è ispirata dal nostro album Issues, o da Untouchables, quell'era. È leggermente più melodica e aggressiva allo stesso tempo.»[6] In un'intervista con Rolling Stone, il chitarrista Brian "Head" Welch ha aggiunto: «Sono un metallaro. Amo la musica rock e sono venuto qui giusto per fare la vecchia atmosfera dei Korn, ma in una nuova piega. Io e Munky non abbiamo più suonato la chitarra insieme per otto anni, perciò ci siamo incontrati per improvvisare insieme al bassista Fieldy e a Ray, il nostro batterista. Il prodotto finale è un buon mix tra i vecchi Korn uniti ad alcuni nuovi elementi. Esso ha un sound fresco.»[10] Tra le tracce contenute nell'album è presente anche Lullaby for a Sadist, scritta originariamente nel 2010 prima che arrivasse l'idea di realizzare un album dalle influenze dubstep.[11]

Il cantante Jonathan Davis ha definito «strano» il processo di composizione e registrazione:[10] «Hanno iniziato a comporre [musica] penso in agosto e io non sono potuto entrare in studio fino a marzo, perché stavo attraversando qualsiasi genere di assurdità. Mio figlio ha preso il diabete e io stavo prendendo farmaci contro la mia depressione e questo mi ha fottuto. Ero in totale confusione.»[10] Davis è entrato in riabilitazione per poi ritornare a scrivere l'album. «È stato strano – Mi sono trasferito nello studio. Sono stato lì per quattro mesi, tornavo a casa solo nel fine settimana. Ho portato i miei figli con me, così li avevo accanto a me tutto il tempo. È stato uno spazio creativo interessante. Non so come diavolo l'ho fatto. [...] Quando mi guardo indietro adesso, sono lì per dire "Wow, come sono riuscito a fare questo disco?"»[10]

Titolo[modifica | modifica wikitesto]

Il significato del titolo dell'album è stato spiegato da Munky:[12]

« È un termine che comprende diverse prospettive. Puoi vedere un pezzo di un'opera d'arte da un angolo ed esso assume un'immagine particolare. Se la guardi da un altro angolo, esso è un'immagine completamente differente. Paragoniamo questo ai Korn nel 2013. Con Head tornato in formazione, tutti gli elementi che i fan hanno apprezzato sin dal primo giorno sono presenti, ma li abbiamo interpretati da una nuova prospettiva. È [un album dei] Korn più grande, più luminoso e più audace. »

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

L'uscita di The Paradigm Shift è stata anticipata il 10 agosto 2013 dall'audio del brano Never Never,[13] estratto come singolo di lancio dell'album sei giorni più tardi attraverso Amazon.com.[14] Per il singolo è stato girato un videoclip, pubblicato in anteprima mondiale il 6 settembre su Vevo.[15] Il 12 settembre 2013 è stato reso disponibile per l'ascolto il brano Love & Meth,[16] dopo che un'anteprima dello stesso era stata rivelata il 20 agosto.[17] Il 16 settembre è stato pubblicato il videoclip,[18] mentre il 1º novembre è stato lanciato anche un concorso rivolto ai fan per la creazione della copertina del singolo.[19]

The Paradigm Shift è stato pubblicato l'8 ottobre 2013 in versione standard (pubblicata su CD e download digitale) da 11 tracce,[20] vinile da 13 tracce e Deluxe Edition, la quale contiene anche un DVD intitolato Reconciliation che documenta il ritorno di Welch nella formazione e le fasi di registrazioni dell'album.[21] Inoltre è stata pubblicata una versione Super Deluxe contenente anche un libro fotografico e alcune litografie autografate.[22]

L'album è stato promosso anche dal videoclip del brano Spike in My Veins, diretto da David Dinetz e uscito il 6 febbraio 2014,[23] nonché da un tour mondiale che li ha visti impegnati tra il 2013 e il 2014.

Il 17 giugno 2014 il gruppo ha annunciato una versione speciale dell'album, pubblicata il 15 luglio.[24] Questa versione, denominata World Tour Edition, contiene un disco aggiuntivo che racchiude alcuni brani eseguiti dal vivo e tre brani inediti,[25] tra cui Hater, reso disponibile per l'ascolto il 19 giugno[26] e pubblicato come singolo digitale il 1º luglio.[27]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[28] 3.5/5 stelle
ARTISTdirect[29] 5/5 stelle
PopMatters[30] 6/10 stelle
Rock Sound[31] 8/10 stelle

The Paradigm Shift ha ricevuto recensioni positive, con Metacritic ha assegnato all'album un punteggio di 71 su 100.[32] Rick Florino di ARTISTdirect ha elogiato l'album assegnandogli il punteggio massimo di cinque stelle su cinque, spiegando che «abbracciando la portata epica di Untouchables, il sadismo electro-future di The Path of Totality e il vortice melodico di Follow the Leader, è un album definitivo per il gruppo...Tutto sommato, The Paradigm Shift verrà ricordato come il miglior album dei Korn dai tempi di Follow the Leader e come l'album rock del 2013.»[29] PopMatters ha invece stilato una recensione mista, spiegando che «potrebbe non essere il miglior album in assoluto dei Korn, ma The Paradigm Shift è il miglior album dei Korn da Untouchables».[30]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Korn e Don Gilmore, eccetto dove indicato.

  1. Prey for Me – 3:35
  2. Love & Meth – 4:03 (Korn, Don Gilmore, Sluggo, Jasen Rauch)
  3. What We Do – 4:07
  4. Spike in My Veins – 4:24 (Korn, Nightwatch)
  5. Mass Hysteria – 4:04
  6. Paranoid and Aroused – 3:35
  7. Never Never – 3:41
  8. Punishment Time – 4:00
  9. Lullaby for a Sadist – 4:18
  10. Victimized – 3:35
  11. It's All Wrong – 3:31
Tracce bonus (Deluxe Edition, LP, iTunes)
  1. Wish I Wasn't Born Today – 3:03
  2. Tell Me What You Want – 3:02
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Die Another Day – 3:45
DVD – Reconciliation (Deluxe Edition, iTunes)
  1. The Separation / The Seed – 13:15
  2. Writing Sessions, Pt. 1 – 6:39
  3. Writing Sessions, Pt. 2 – 5:48
  4. Writing Sessions, Pt. 3 – 9:51
  5. Writing Sessions, Pt. 4 – 1:48
  6. Guitars Tracking – 4:07
  7. Bass Tracking – 2:11
  8. Drums Tracking – 3:31
  9. Vocals Tracking, Pt. 1 – 2:55
  10. Vocals Tracking, Pt. 2 – 7:34
  11. The Tree – 2:58
CD bonus nella World Tour Edition
  1. Hater – 3:53
  2. The Game Is Over – 3:41
  3. Die Another Day – 3:43
  4. Love & Meth (Live from London) – 4:10 (Korn, Don Gilmore, Sluggo, Jasen Rauch)
  5. Here to Stay (Live from London) – 4:53
  6. Get Up (Live from Moscow) – 4:07 (testo: Jonathan Davis – musica: James "Munky" Shaffer, Sonny Moore)
  7. Never Never (Live from Moscow) – 4:20
  8. Got the Life (Live from Denver) – 4:02
  9. Another Brick in the Wall (Live from Denver) – 9:25 (Roger Waters)originariamente interpretata dai Pink Floyd

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Zaylen, Sluggo – tastiera, programmazione
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2013) Posizione
massima
Australia[33] 7
Austria[33] 7
Belgio (Fiandre)[33] 31
Belgio (Vallonia)[33] 25
Canada[34] 9
Danimarca[33] 20
Finlandia[33] 22
Francia[33] 26
Germania[33] 7
Irlanda[35] 42
Italia[33] 28
Norvegia[33] 28
Nuova Zelanda[33] 22
Paesi Bassi[33] 38
Polonia[36] 11
Regno Unito[37] 16
Regno Unito (download)[38] 38
Regno Unito (physical)[39] 15
Regno Unito (rock & metal)[40] 1
Scozia[41] 23
Spagna[33] 70
Stati Uniti[42] 8
Stati Uniti (alternative)[43] 3
Stati Uniti (hard rock)[44] 1
Stati Uniti (independent)[45] 1
Stati Uniti (rock)[46] 3
Stati Uniti (tastemakers)[47] 3
Svezia[33] 60
Svizzera[33] 16
Ungheria[48] 29

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Brian Mansfield, Jerry Shriver, Listen Up: Cassadee Pope, Korn, Anders Osborne, USA Today, 8 ottobre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  2. ^ a b (EN) KORN To Release 'The Paradigm Shift' In October, Blabbermouth.net, 9 luglio 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  3. ^ (EN) KORN Taps Producer DON GILMORE For New Album, Blabbermouth.net, 27 gennaio 2013. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  4. ^ (EN) Rick Florino, Feature: First Experience With Korn's "The Paradigm Shift", ARTISTdirect, 8 agosto 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  5. ^ (EN) Gary Graff, Jonathan Davis Embraces J Devil Inside, Talks EDM & Korn's Evolution, Billboard, 18 luglio 2012. URL consultato il 4 novembre 2013.
  6. ^ a b (EN) Munky Says Korn Has A Big Year Planned For 2013: "We Are Writing More Like A Metal Band", KROQ, 22 ottobre 2012. URL consultato il 4 novembre 2013.
  7. ^ (EN) RJ Cubarrubia, Korn Enter the Studio for New Album – Video, Rolling Stone, 2 maggio 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  8. ^ (EN) 'The Paradigm Shift' album cover and track list, Korn, 26 luglio 2013. URL consultato il 4 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2013).
  9. ^ (EN) 'The Paradigm Shift' streaming on Pandora, Korn, 3 ottobre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2013).
  10. ^ a b c d (EN) Steve Baltin, Korn's New Album 'The Paradigm Shift', Rolling Stone, 9 luglio 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  11. ^ (EN) Rick Florino, Jonathan Davis of Korn Talks Disturbed Tour, Discovering The Cure, Acid Bath and More, Artistdirect, 23 novembre 2010. URL consultato il 4 novembre 2013.
  12. ^ (EN) Korn to Release New Album, 'The Paradigm Shift,' October 1, GuitarWorld.com, 10 luglio 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  13. ^ (EN) KORN DEBUTS LEAD SINGLE "NEVER NEVER" FROM UPCOMING STUDIO ALBUM 'THE PARADIGM SHIFT', Korn, 10 agosto 2013. URL consultato il 4 novembre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2013).
  14. ^ (EN) 'Never Never' available for download on Amazon MP3, Korn, 20 agosto 2013. URL consultato il 4 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2013).
  15. ^ (EN) KORN "Never, Never" official video, Metal Injection, 6 settembre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  16. ^ (EN) Exclusive Video: Korn Discuss New Singles "Never Never" And "Love And Meth", Revolver Magazine, 12 settembre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  17. ^ (EN) LISTEN TO A CLIP OF KORN'S NEW SONG 'LOVE & METH', Korn, 20 agosto 2013. URL consultato il 4 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2013).
  18. ^ (EN) Jon Blistein, Korn Stage a Gruesome Show in 'Love and Meth' – Premiere, Rolling Stone, 16 ottobre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  19. ^ (EN) Design the 'Love & Meth' artwork, Korn, 1º novembre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2013).
  20. ^ (EN) Exclusive: Korn Reveal New Album Cover and Track List, RevolverMag.com, 26 luglio 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  21. ^ (EN) Exclusive: Korn, 'Reconciliation' Documentary Trailer (From 'The Paradigm Shift' Deluxe Edition), Graham 'Gruhamed' Hartmann, 10 settembre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  22. ^ (EN) 'THE PARADIGM SHIFT' SUPER DELUXE, Korn, 9 ottobre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2013).
  23. ^ (EN) John Gentile, Korn Fight Media Manipulation With 'Spike in My Veins' - Premiere, Rolling Stone, 6 febbraio 2014. URL consultato il 1º febbraio 2014.
  24. ^ (EN) Gary Graff, Korn Announces New Tracks, Live Material on Expanded 'Paradigm Shift' Release, Billboard, 17 giugno 2014. URL consultato il 28 luglio 2014.
  25. ^ (EN) 'THE PARADIGM SHIFT: WORLD TOUR EDITION' BEST BUY EXCLUSIVE, Korn, 2 luglio 2014. URL consultato il 28 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2014).
  26. ^ (EN) KORN Releases Brand New Song 'Hater', Blavbbermouth.net, 19 giugno 2014. URL consultato il 28 luglio 2014.
  27. ^ (EN) 'Hater' available on iTunes, Korn, 1º luglio 2014. URL consultato il 28 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2014).
  28. ^ (EN) Gregory Heaney, The Paradigm Shift, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 4 novembre 2013.
  29. ^ a b (EN) Rick Florino, Korn "The Paradigm Shift" Album Review — 5 out of 5 stars, ARTISTdirect, 27 settembre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  30. ^ a b (EN) J.C. Macek III, KoRn: The Paradigm Shift, PopMatters, 9 ottobre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  31. ^ (EN) Max Barrett, Korn - The Paradigm Shift, Rock Sound, 10 ottobre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  32. ^ (EN) The Paradigm Shift Reviews - Korn, Metacritic. URL consultato il 4 novembre 2013.
  33. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) Korn - The Paradigm Shift, Ultratop. URL consultato il 4 novembre 2013.
  34. ^ (EN) Korn - Chart history (Billboard Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  35. ^ (EN) TOP 100 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 10 October 2013, GFK Chart-Track. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  36. ^ (PL) sprzedaż w okresie - 07.10.2013 - 13.10.2013, OLiS. URL consultato il 4 novembre 2013.
  37. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 13 October 2013 - 19 October 2013, Official Charts Company. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  38. ^ (EN) Official Album Downloads Chart Top 100: 13 October 2013 - 19 October 2013, Official Charts Company. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  39. ^ (EN) Official Physical Albums Chart Top 100: 13 October 2013 - 19 October 2013, Official Charts Company. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  40. ^ (EN) Official Rock & Metal Albums Chart Top 40: 13 October 2013 - 19 October 2013, Official Charts Company. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  41. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100: 13 October 2013 - 19 October 2013, Official Charts Company. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  42. ^ (EN) Korn - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  43. ^ (EN) Korn - Chart history (Alternative Albums), Billboard. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  44. ^ (EN) Korn - Chart history (Hard Rock Albums), Billboard. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  45. ^ (EN) Korn - Chart history (Independent Albums), Billboard. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  46. ^ (EN) Korn - Chart history (Top Rock Albums), Billboard. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  47. ^ (EN) Korn - Chart history (Tastemaker Albums), Billboard. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  48. ^ (HU) Archívum › Kereső - lista és dátum szerint, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 4 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal