Lacuna Coil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lacuna Coil
Lacuna Coil 2010 0001.jpg
I Lacuna Coil nel 2010
Paese d'origineItalia Italia
GenereGothic metal[1][2][3]
Rock alternativo
Alternative metal[1]
Gothic rock
Hard rock
Periodo di attività musicale1994 – in attività
EtichettaCentury Media Records
Album pubblicati9
Studio8
Raccolte1
Opere audiovisive1
Logo ufficiale
Sito ufficiale

I Lacuna Coil sono un gruppo musicale alternative metal italiano, formatosi a Milano nel 1994.

A partire dall'album In a Reverie e fino all'album Karmacode il maggior compositore del gruppo è stato il bassista Marco Coti Zelati. Inizialmente le sonorità del gruppo presentavano una marcata vena goth metal ispirata ai Paradise Lost, mentre in seguito incorporò caratteristiche tipiche dell'alternative metal.[4]

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo sorse per mano di Andrea Ferro (voce), Marco Coti Zelati (basso) e Raffaele Zagaria (chitarra) con il nome di Sleep of Right. Successivamente alla formazione si unirono Claudio Leo, Leonardo Forti e Cristina Scabbia e nel 1996 il gruppo cambiò nome in Ethereal. Un loro demo registrato in studio fu inviato a molte etichette discografiche: tra le molte risposte, la più convincente fu quella della Century Media Records, con la quale nel settembre 1996 firmarono il primo contratto discografico. Due mesi dopo iniziò il tour negli Stati Uniti d'America[5].

Il bassista Marco Coti Zelati

Il nome definitivo Lacuna Coil (Bobina vuota) venne adottato, perché Ethereal era già in uso da una band greca.

Nel 1997 uscì il primo EP, intitolato Lacuna Coil, prodotto da Waldemar Sorychta, che collaborerà con loro fino a Comalies, e pubblicato dalla Century Media. Nello stesso anno i Lacuna Coil fecero da gruppo di supporto ai Moonspell nel loro tour e la primavera successiva girarono l'Europa con il gruppo olandese The Gathering.

In a Reverie (1998-2000)[modifica | modifica wikitesto]

Il primo album vero e proprio, In a Reverie, uscì nel 1999, guadagnando al gruppo i primi fans e ampi consensi da parte del pubblico, grazie sia a esibizioni dal vivo in festival internazionali come Wacken Open Air e Gods of Metal, sia al tour europeo insieme ai gruppi metal Skyclad, Samael, Lacrimosa e Grip Inc.

Una delle tracce, Falling Again, è la versione originaria di Falling, brano contenuto nell'EP Lacuna Coil. In formazione entrarono Cristiano Migliore alla chitarra e Cristiano Mozzati alla batteria al posto di Leo Forti e Zagaria. Da questo album le sonorità diventano più percepibili, grazie a un approccio più diretto dei brani da parte delle voci di Scabbia e Ferro.

Halflife e Unleashed Memories (2000-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 il gruppo incorporò il nuovo chitarrista Marco Emanuele Biazzi e tornò in studio per incidere il secondo EP Halflife, anteprima al secondo album, che contiene anche il brano in italiano Senzafine. Nel 2001 uscì il secondo album, Unleashed Memories, composto da dieci canzoni.

L'album rappresentò un nuovo corso per i Lacuna Coil, con esibizioni in Canada, Messico e Stati Uniti; in Europa il gruppo si esibì con gruppi come Tiamat, In Flames e altri, da Milano a Londra.

Comalies (2002-2004)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 i Lacuna Coil pubblicarono Comalies. Il disco, molto curato negli arrangiamenti, ibrida hard rock con ritmi serrati e melodie sinfoniche. I singoli estratti furono Heaven's a Lie, che ricevette molta attenzione dai media, tanto da essere inserito nella colonna sonora dell'episodio The Fisher King (part 2) della seconda stagione della serie televisiva Criminal Minds; e Swamped, utilizzato per il videogioco Vampire: The Masquerade - Bloodlines e la colonna sonora del film Resident Evil: Apocalypse.

Il batterista Cristiano Mozzati

Con Comalies i Lacuna Coil acquistarono fama anche al di fuori dei confini italiani: entrò (per la prima volta nella loro storia) al 178º posto della classifica Top 200 stilata dalla rivista statunitense Billboard, che certifica i dischi più venduti negli Stati Uniti. Nel 2004 parteciparono all'Ozzfest.

Karmacode (2006-2007)[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 marzo 2006 vide la luce Karmacode, caratterizzato da sonorità più vicine all'alternative metal statunitense e al nu metal. Preceduto dal singolo e dal video di Our Truth, l'album fu distribuito in oltre 30 nazioni in tutto mondo. Nella prima settimana di uscita, il disco raggiunse la posizione n° 28 della Top 200 di Billboard e la posizione n° 1 della Top Independent Albums, la classifica degli album indipendenti (ovvero non distribuiti da una grande etichetta discografica). Con il singolo Enjoy the Silence, reinterpretazione del celebre brano dei Depeche Mode, si classificarono al primo posto nella MTV Top 100 del 2006.

Cristina Scabbia e Andrea Ferro all'Ozzfest del 2006

Dopo l'uscita di Karmacode, i Lacuna Coil parteciparono a un tour con Rob Zombie e a festival estivi quali Heineken Jammin' Festival (Imola), Download Festival (Donington), Graspop Metal Festival (Dessel) e nuovamente all'Ozzfest insieme a Ozzy Osbourne, System of a Down e DragonForce.

Il 22 settembre 2006 partì il Karmacode European Tour, che li ha visti impegnati sul palco con Poisonblack, Node, Novembre, Gothminister e Lacrimas Profundere. A metà ottobre 2007 i Lacuna Coil si esibirono per la prima volta a Tokyo per il Loud Park Festival; e a novembre andò in Australia per il Gigantour, in cui figuravano gruppi come Static-X, Megadeth e Devildriver.

Il 29 novembre 2007 parteciparono al Guitar Hero 3 Party a Milano, insieme alle altre band i cui brani sono inseriti nella colonna sonora dell'omonimo videogioco. Il 1º dicembre dello stesso anno tennero l'ultimo concerto di promozione di Karmacode al Rolling Stone di Milano durante il Rock TV Party in festeggiamento del compleanno di Rock TV, promuovendo il loro progetto musicale benefico Rezophonic.

Shallow Life[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 ottobre 2008 i Lacuna Coil presentarono Visual Karma (Body, Mind and Soul), il loro primo DVD, mentre il loro nuovo album Shallow Life uscì ufficialmente il 20 aprile 2009,[6] edito da Century Media e prodotto insieme a Don Gilmore, che in passato aveva collaborato con Pearl Jam, Avril Lavigne, Good Charlotte, Linkin Park e Duran Duran.[7] Anticipato dal singolo Spellbound, l'album vira verso un rock e heavy metal più mainstream a differenza di quanto operato con il precedente Karmacode.

Dark Adrenaline[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 gennaio 2012 viene pubblicato in tutta Europa (il giorno seguente viene pubblicato negli Stati Uniti d'America e nel resto del mondo) il sesto album del gruppo, dal titolo Dark Adrenaline. Uscito attraverso la Century Media, il disco è stato nuovamente prodotto da Don Gilmore e missato in Italia da Marco Barusso. Il primo singolo estratto è Trip the Darkness, di cui viene realizzato un video. Questo nuovo album è stato definito come la "sintesi" di tutti i loro lavori.

Broken Crown Halo[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2014 viene annunciata la data di uscita di Broken Crown Halo, il settimo album in studio del gruppo, registrato a Milano tra settembre ed ottobre 2013. I primi due singoli sono Nothing Stands In Our Way e I Forgive (But I Won't Forget Your Name), usciti nel mese di febbraio. L'album prodotto da Jay Baumgardner e masterizzato da Howie Weinberg uscirà in Europa, Australia e Nuova Zelanda a partire dal 31 marzo, mentre dal primo aprile arriverà negli Stati Uniti e Canada. Il 14 febbraio abbandonano il gruppo il chitarrista Cristiano Migliore e il batterista Cristiano Mozzati, membri della band da moltissimi anni.[8] Nel 2016, dopo 17 anni di militanza, anche il chitarrista Marco Biazzi, lascia la band per dedicarsi ad altri progetti ed è stato sostituito nei concerti dal turnista Diego Cavallotti.

Delirium[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 maggio 2016 esce l'ottavo album in studio Delirium, un concept album di 11 tracce ispirato all'"instabilità mentale" prodotto dallo storico bassista Marco Coti Zelati. Musicalmente il disco prende le distanze da quanto fatto nelle ultime uscite, dove l'orecchiabilità era una caratteristica fondamentale, risultando essere il più heavy mai composto dalla band, come ben testimoniano il primo e il terzo singolo estratti, The House of Shame e Ghost in the Mist, nei quali Ferro utilizza un growl molto oscuro e marcato, mentre il secondo singolo, Delirium, è più melodico e ricorda più da vicino il loro consueto stile. Il 9 dicembre, per celebrare l'avvicinarsi delle feste natalizie, la band pubblica un nuovo brano, dal titolo Naughty Christmas, facente parte di Xmas in Rock 2, la seconda edizione della compilation nata da un'idea della radio rock "Virgin Radio". Il 22 marzo 2017 viene pubblicato il video di Blood, Tears, Dust, e il 15 maggio seguente il video di You Love Me 'Cause I Hate You, altri due brani facenti parte dell'ultimo album Delirium.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Cristina Scabbiavoce femminile (1996-presente)
  • Andrea Ferro – voce maschile (1994-presente)
  • Marco Coti Zelati – basso (1994-presente)
  • Ryan Blake Folden – batteria (2014-presente)
  • Diego Cavallotti – chitarra (2016-presente)

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Zagaria – chitarra (1994-1997)
  • Claudio Leo – chitarra (1994-1997)
  • Leonardo Forti – batteria (1994-1997)
  • Cristiano "Pizza" Migliore – chitarra (1994-2014)
  • Cristiano "Criz" Mozzati – batteria (1999-2014)
  • Marco Emanuele "Maus" Biazzi – chitarra (1999-2016)

Timeline[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Lacuna Coil.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Album video[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Lacuna Coil, Encyclopaedia Metallum.
  2. ^ (EN) Lacuna Coil, su AllMusic, All Media Network.
  3. ^ Lacuna Coil Archiviato il 17 febbraio 2009 in Internet Archive. su MTV.it
  4. ^ (EN) 35 Best Rock Bands From Italy, su ultimate-guitar.com, 30 giugno 2017. URL consultato il 5 novembre 2017.
  5. ^ Tiscali Musica - Cristina Scabbia, la dea sexy del metal Archiviato il 5 giugno 2008 in Internet Archive..
  6. ^ Shallow_Life LACUNA COIL - Ecco quando esce Shallow Life, Groovebox.it
  7. ^ Metal Hammer n° 1/2009 pag.6
  8. ^ LACUNA COIL Announce Retirement Of Cris “Pizza” Migliore and Cristiano “CriZ” Mozzati

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianluca Testani (a cura di), Enciclopedia Rock Italiano, Arcana Editrice, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN144509931 · ISNI (EN0000 0000 9762 6886 · BNF (FRcb14254072x (data)