Türk Deniz Kuvvetleri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Türk Deniz Kuvvetleri
Seal of the Turkish Navy.svg
Descrizione generale
Attiva1923 - oggi
NazioneTurchia Turchia
Servizioattiva
TipoMarina militare
Dimensione48.600 attivi
Battaglie/guerreSeconda guerra mondiale
Crisi turco-cipriota
Parte di
Simboli
Insegna navaleFlag of Turkey.svg
Bandiera di comandante della flottaFlag of Turkish Naval Forces Command.PNG
Voci su marine militari presenti su Wikipedia

Türk Deniz Kuvvetleri è la denominazione ufficiale della marina militare della Turchia. Al tempo dell'Impero Ottomano era una delle prime potenze del Mar Mediterraneo e la sua denominazione ufficiale era Osmanlı Donanması.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia della marina ottomana.

Al termine della prima guerra mondiale, con la Fine dell'Impero e la nascita della Repubblica, fondata nel 1923 da Mustafa Kemal Atatürk, la marina turca è rinata raccogliendo l'eredità e la flotta della marina ottomana.

Al termine della seconda guerra mondiale la Turchia, entrata a far parte della NATO, ricevette nell'ambito del Mutual Defense Assistance Program dalla US Navy numerose unità sia di superficie sia subacquee, quali i cacciatorpediniere Classe Fletcher, Gearing e Allen M. Sumner e i sommergibili Classe Balao, Classe Tench e Classe Tang.

La Marina turca ebbe un sostanziale ammodernamento a partire dalla seconda metà degli anni settanta con i sottomarini Classe U-209 di fabbricazione tedesca, così come di progettazione tedesca furono i materiali che costituirono l'ammodernamento più consistente negli anni ottanta e novanta con l'entrata in servizio delle fregate tipo MEKO 200.

La Marina Turca oltre che della NATO fa parte, a partire dal 2001, della BLACKSEAFOR.

TCG[modifica | modifica wikitesto]

Il prefisso TCG che contraddistingue le unità navali della Marina Turca indica Türkiye Cumhuriyeti Gemisi, che in Turco significa Nave della Repubblica Turca.[1]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Navi (a febbraio 2019[2])[modifica | modifica wikitesto]

Fregate (17 in servizio)
2 classe Salihreis (MEKO 200 TN IIB)
2 classe Barbaros (MEKO 200 TN IIA)
4 classe Yavuz (MEKO 200 TN I)
8 classe G (Ex-classe Oliver Hazard Perry) (under GENESIS modernization project)
Corvette (7 in servizio)
6 classe B (classe D'Estienne d'Orves A-69 type Aviso)
4 Classe Ada (4 in servizio)
Fast attack craft and missile boat (27 in servizio)
6 Kılıç II class fast attack craft / missile boat
3 Kılıç class fast attack craft / missile boat
2 Classe Yıldız fast attack craft / motocannoniera missilistica
4 Classe Rüzgar fast attack craft / motocannoniera missilistica
4 Classe Doğan fast attack craft / motocannoniera missilistica
8 Kartal class fast attack craft / missile boat
Patrol craft (16 in servizio)
6 AB-25 class (Türk tipi) patrol craft
4 PGM71 class patrol craft
5 K class patrol boat
1 T class patrol boat
Cacciamine (20 in servizio)
6 Aydın class mine hunters
5 Engin class mine hunters
4 F class mine sweepers
5 S class mine sweepers
Navi anfibie (45 in servizio)
1 Osman Gazi class Landing Ship Tank
2 Saruca Bey class Landing Ship Tank
2 Ertuğrul class Landing Ship Tank
24 Ç-117 class Landing Craft Tank
16 Ç-302 class Landing Craft Mechanized

Sottomarini[modifica | modifica wikitesto]

Sottomarini (14 in servizio)
4 classe Gür Type 209T2/1400
4 classe Preveze Type 209T1/1400
6 classe Atılay Type 209/1200

Mezzi Aerei[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[3]
Note Immagine
Aerei da pattugliamento marittimo
ATR 72 MPA Italia Italia aereo da pattugliamento marittimo ATR 72-500MPA 0 6 ordinati.[4][5]
CASA CN-235 MPA Spagna Spagna aereo da pattugliamento marittimo CN-235-100MPA 6[5][3] 6 CN-235-100MPA consegnati.[5]
Aerei da trasporto
ATR 72 Italia Italia aereo da trasporto ATR-72-600TMUA 2[4][3][6][5] 2 ATR 72 TMUA (Turkish Maritime Utility Aircraft) versione da trasporto utility dotata di radio, IFF e area con tavoli tattici.[4] Consegnati tra il 23 luglio e l'agosto 2013.[6][5]
Aerei da addestramento
SOCATA TB-20 Trinidad Francia Francia aereo da addestramento TB-20 7[5][3] 7 TB-20 consegnati a partire dal 1995.[5]
Elicotteri
Agusta-Bell AB 212 ASW Stati Uniti Stati Uniti elicottero antisommergibile
elicottero da guerra elettronica
AB 212 ASW
AB 212 EW
13[3]
AB 212 sağ ön.JPG
S-70B Seahawk Stati Uniti Stati Uniti elicottero antisommergibile S-70B-2 Seahawk 24[3]
Sikorsky S-70B-2 Seahawk, Turkey - Navy JP7136226.jpg

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Gradi[modifica | modifica wikitesto]

I gradi della marina turca sono uguali a quelli dell'esercito e delle altre forze armate turche eccetto per gli ammiragli che fanno parte degli ufficiali generali. Per quanto riguarda gli altri ufficiali i gradi sono uguali a quelli degli altre forze armate turche, preceduti dal prefisso Deniz che significa di mare. Il titolo di Büyükamiral, che letteralmente significa Grande ammiraglio, viene conferito unicamente dall'Assemblea Nazionale solo ad un ammiraglio che abbia guidato con successo la vittoria di una grande flotta alla fine di una guerra. Durante il periodo dell'Impero Ottomano i comandanti generali della marina turca avevano il titolo tradizionale di Kapudan-i Derya, carica abolita il 13 marzo 1867[7], anno di fondazione del Ministero della Flotta Ottomana. Da quel momento, fino alla successiva ristrutturazione nel 1877, i comandanti in capo della flotta turca furono solo ministri, (al singolare bahriye nazırı), posto poi ricreato col titolo di donanma komutanı cioè di "comandante della flotta". Il titolo di Büyükamiral, creato popo la proclamazione della repubblica e mai concesso durante l'epoca repubblicana è omologo nell'esercito al titolo di Mareşal, che nella storia della Turchia repubblicana è stato conferito unicamente dalla Grande Assemblea Nazionale Turca a Mustafa Kemal e Fevzi Çakmak, quando ancora il titolo era denominato Müşir, poi sostituito con il titolo di Mareşal nel 1934.

Il grado di Deniz Asteğmeni (letteralmente: sottotenente di marina) omologo dell'aspirante guardiamarina della Marina Militare Italiana e dell'ufficiale di complemento delle forze armate italiane è un ufficiale della riserva scelto tra i laureati delle università turche. La loro ferma dura dodici mesi e dopo otto mesi di servizio ottengono la promozione a Deniz Asteğmeni (letteralmente: tenente di marina) omologo del guardiamarina della Marina Militare Italiana. In caso di guerra gli ufficiali della riserva vengono richiamati in servizio e possono raggiungere il gradi di Deniz Albay (colonnello di marina o capitano di vascello). Il grado di Deniz Teğmen è il grado più basso tra gli ufficiali che conseguono coloro che escono dall'accademia navale turca. Nella marina turca commodoro non è un grado ma una posizione e corrisponde al comandante superiore della Marina Militare Italiana;[8] generalmente tale posizione viene assunta da un Deniz Albayı, ma può essere assunta anche da gradi inferiori tra gli ufficiali superiori che vengono posti al caomando di una formazione navale.

Il grado di Oramiral (ammiraglio d'armata) è riservato al Comandante in capo della Marina militare turca e al comandante in capo della squadra navale; Se il capo di stato maggiore delle forze armate turche proviene dalla Marina turca assume il grado di Genelkurmay Başkanı: tale posizione generalmente è occupata da un generale dell'Esercito turco, ma quando tocca a un ufficiale della marina turca continua ad indossare l'uniforme della propria forza armata turche e per distinguerlo della posizione ha le controspalline dell'uniforme estiva ricamata in pizzo, mentre l'uniforme invernale la il distintivo della manica con l'ampia striscia ricamata e decorata con foglie.

Ufficiali
Nazione OF-10 OF-9 OF-8 OF-7 OF-6 OF-5 OF-4 OF-3 OF-2 OF-1 OF-D Ufficiale cadetto
Turchia
Turchia
Generic-Navy-O12.svg
Büyükamiral[9]
Generic-Navy-O11.svg
Oramiral[10]
Turkish-Navy-OF8.svg
Koramiral
Generic-Navy-O10.svg
Tümamiral
Generic-Navy-O9.svg
Tuğamiral
Generic-Navy-O7.svg
Deniz Albay
Generic-Navy-O6.svg
Deniz Yarbay
Generic-Navy-O5.svg
Deniz Binbaşı
Generic-Navy-O3.svg
Deniz Yüzbaşı
Generic-Navy-O2.svg
Deniz Üsteğmen
Generic-Navy-O1.svg
Deniz Teğmen
POR-Navy-OFD.svg
Deniz Asteğmen
Nessun distintivo
Bahriyeli
Sottufficiali e comuni
Nazione OR-9 OR-8 OR-7 OR-6 OR-5 OR-4 OR-3 OR-2 OR-1
Turchia
Turchia
Navy-TUR-OR-09.svg
Astsubay Kıdemli Başçavuş
Navy-TUR-OR-08.svg
Astsubay Başçavuş
Navy-TUR-OR-07a.svg
Astsubay Kıdemli Üstçavuş
Navy-TUR-OR-07b.svg
Astsubay Üstçavuş
Navy-TUR-OR-06a.svg
Astsubay Kıdemli Çavuş
Navy-TUR-OR-06b.svg
Astsubay Çavuş
TR-Navy-OR5a.svg
Kadelemi Uzman Çavuş
TR-Armed Forces-OR5b.svg
Uzman Çavuş
Navy-TUR-OR-05.svg
Çavuş
TR-Navy-OR4a.svg
Kedelemi Uzman Onbaşı
TR-Armed Forces-OR4b.svg
Uzman Onbaşı
Navy-TUR-OR-04.svg
Onbaşı
Nessun distintivo
Er

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prefisso della nave.
  2. ^ Jani Gambelli, Navi combattenti e programmi della marina turca, in Panorama difesa (Firenze, Edai Periodici), 3/2019.
  3. ^ a b c d e f (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 30. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  4. ^ a b c "P-72A/ATR-72 MP, molto più di un pattugliatore marittimo" - "Rivista italiana difesa" N. 5 - 05/2019 pp. 22-29
  5. ^ a b c d e f g h i "Turchia: pochi aerei per tanto mare" - "Aeronautica & Difesa" N. 393 - 07/2019 pp. 42-47
  6. ^ a b "JP4 mensile di Aeronautica e Spazio" N. 476 - 09/2013 pag. 16
  7. ^ Langensiepen, B. & Güleryüz, Ahmet. The Ottoman Steam Navy, 1828-1923, p. 197. Naval Institute Press (Annapolis), 1995. ISBN 1-55750-659-0.
  8. ^ http://www.dzkk.tsk.tr/english/HOMEPAGE.php
  9. ^ Può essere conferito unicamente dall'Assemblea Nazionale e viene concesso solo ad un ammiraglio che ha guidato con successo la vittoria di una grande flotta alla fine di una guerra
  10. ^ Grado riservato al Comandante in capo della Marina militare turca e al comandante in capo della squadra navale; Il grado di Genelkurmay Başkanı è riservato al capo di stato maggiore delle forze armate turche

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Sito ufficiale