Bangladesh Nou Bahini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marina Militare Bengalese
বাংলাদেশ নৌবাহিনী (Bangladesh Nou Bahini)
Bangladesh Navy
বাংলাদেশ নৌবাহিনীর মনোগ্রাম.svg
Descrizione generale
Attiva1971
NazioneBangladesh Bangladesh
TipoMarina Militare
Dimensione15.000 effettivi[1]
circa 112 navi[2] (2022)
Guarnigione/QGBanani, Dacca
Parte di
Forze Armate Bengalesi
Comandanti
Capo di stato maggioreViceammiraglio M Farid Habib
Simboli
Insegna Navale del BangladeshNaval Ensign of Bangladesh.svg
CoccardaRoundel of Bangladesh – Naval Aviation.svg
Voci su marine militari presenti su Wikipedia
La BNS Bangabandhu (F-25) in mare.
Un marinaio bengalese usa un fucile d'assalto Type-56 sulla fregata bengalese BNS Bangabandhu.
Personale della Special Warfare Diving and Salvage (SWADS), unità speciale della marina bengalese in esercitazione congiunta con la US Navy nel 2011.

La Marina militare bengalese (in bengalese: বাংলাদেশ নৌবাহিনী, Bangladesh Nou Bahini), conosciuta anche internazionalmente con la designazione in lingua inglese Bangladesh Navy, è la marina militare del Bangladesh e parte integrante, assieme alla aeronautica militare e all'esercito, delle forze armate bengalesi.

Il ruolo della marina militare bengalese è di pattugliare la linea costiera del paese, assicurare la sicurezza delle acque territoriali e della Zona Economica Esclusiva (ZEE), per proteggere gli interessi marittimi strategici del paese e delle isole circostanti e difendere il paese dalle minacce marittime. La marina ha attualmente 15.000 effettivi attivi e circa 112 mezzi navali, prevalentemente di piccole dimensioni, e ha una limitata componente di altura. Esistono ordini per una decina di nuove unità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La marina bengalese venne creata nel 1971 nell'ambito della Guerra di liberazione bengalese.

Basi[modifica | modifica wikitesto]

Le sue basi operative sono:

  • BNS Haji Mohsin
  • BNS Issa Khan
  • BNS Shaheed Moazzem
  • BNS Titumir

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Le sue unità principali sono cinque fregate e quattro corvette, cui si aggiungono diverse decine di unità minori.

Fregate[modifica | modifica wikitesto]

Classe Foto Tipo Nome Stazza Note
Classe Ulsan Bangladesh Navy Ship Bangabandhu (F-25).jpg Fregata lanciamissili BNS Bangabandhu 2.370 della classe Ulsan modificata con elicottero ASW imbarcato.
Classe Jianghu-II BNS OSMAN (F-18).JPEG Fregata lanciamissili BNS Osman 1.702 Ex-PLAN Xiangtan, venduta al Bangladesh nel 1989, con estensive modifiche e dotata di missili antinave, antiaerei, sistemi antisommergibile ed equipaggiamento di posa mine.
Classe Hamilton USCGC Jarvis WHEC-725.jpg Fregata lanciamissili BNS Somudro Joy[3] 3.300[4] La nave verrà armata con moderni missili antinave C802A, missili antiaerei FM-90N e siluri, con elicottero imbarcato.
Classe Leopard HMS Lincoln. 1972.jpg Fregata BNS Abu Bakar
BNS Ali Haider
2.520 Verrà rimpiazzata da 2 fregate Classe Type 053H2 Jianghu-III.
In ordinazione (2)
Classe Jianghu-III Jiaxing1.jpg Fregata lanciamissili BNS Abu Bakar
BNS Ali Haider
2.393 In programma il suo armamento con 1 cannone a doppio uso PJ26 76 mm, 2 CIWS Type 730B, 1 lanciatore FM-90N SAM, 2 lanciatori quadrupli C-802A SSM, 2 lanciasiluri tripli, 2 lanciarazzi tripli antisom ed un elicottero Z-9C ASW.

Aviazione navale[modifica | modifica wikitesto]

L'aviazione navale bengalese è praticamente inesistente, poiché si basa su due elicotteri AgustaWestland AW109 Power e due Dornier Do-228NG nella versione MPA (Maritime Patrol Aircraft) ordinati nel 2011 e consegnati nel 2013.[5][6] Altri due Do.228NG MPA sono stati ordinati a settembre 2017 e sono in attesa di consegna insieme a 2 elicotteri Harbin Z-9 Haitun.[5]

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Sezione aggiornata annualmente in base al World Air Force di Flightglobal del corrente anno. Tale dossier non contempla UAV, aerei da trasporto VIP ed eventuali incidenti accorsi durante l'anno della sua pubblicazione. Modifiche giornaliere o mensili che potrebbero portare a discordanze nel tipo di modelli in servizio e nel loro numero rispetto a WAF, vengono apportate in base a siti specializzati, periodici mensili e bimestrali. Tali modifiche vengono apportate onde rendere quanto più aggiornata la tabella.

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2021)[7][5]
Note Immagine
Aerei da pattugliamento marittimo
Dornier Do 228 Germania Germania aereo da pattugliamento marittimo Do.228-212
Do.228NG MPA
3[8][7][5][9] 2 ordinati nel 2011 e consegnati nel 2013.[5] 2 ordinati a settembre 2017, il primo dei quali consegnato ad ottobre 2021.[8][5][7]
Dornier Do-228 MPA of Bangladesh Navy.jpg
Elicotteri
AgustaWestland AW109 Power Italia Italia elicottero utility AW109E 2[7][5] 2 consegnati e in servizio al novembre 2017.[5]
S3-VHA Bangladesh Navy AW-109 Power. (31522348101).jpg
Harbin Z-9 Haitun Cina Cina elicottero ASW Z-9 0 2 ordinati.[5][7][10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.cia.gov/the-world-factbook/countries/bangladesh/#military-and-security
  2. ^ https://www.globalfirepower.com/country-military-strength-detail.php?country_id=bangladesh
  3. ^ US to handover a Naval ship to Bangladesh, su bdnews24.com.
  4. ^ USCG: About Us - Aircraft & Cutters, su uscg.mil.
  5. ^ a b c d e f g h i "Bangladesh. Altri due pattugliatori Do.228NG MPA" - "Aeronautica & Difesa" N. 373 - 11/2017 pag. 68
  6. ^ The Daily Star: Internet Edition, su thedailystar.net.
  7. ^ a b c d e (EN) World Air Force 2022 (PDF), su Flightglobal.com, p. 13. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  8. ^ a b "BANGLADESH NAVY'S 4TH DO228", su scramble.nl, 26 giugno 2022, URL consultato il 28 giugno 2022.
  9. ^ FIRST OF TWO BN DORNIER 228 AIRCRAFT ARRIVES IN GERMANY FOR MRO INSPECTION, su janes.com, 13 giugno 2019. URL consultato il 20 giugno 2019.
  10. ^ La Cina sul mercato globale della difesa, in Rivista italiana difesa, n. 9, 09/2017, pp. 44-53.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina