Marina militare ucraina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Viysʹkovo-morsʹki syly Ukrayiny
Forze navali ucraine
Emblem of the Ukrainian Navy.svg
Stemma della Marina Militare ucraina
Descrizione generale
Attiva1917–1921
dall'agosto 1992
NazioneUcraina Ucraina
TipoMarina militare
Parte di
Comandanti
ComandanteViceammiraglio Ihor Vorochenko
Simboli
BandieraNaval Ensign of Ukraine.svg
Voci su marine militari presenti su Wikipedia

Viysʹkovo-morsʹki syly Ukrayiny (VMSU) (in ucraino Військово-морські сили України, ВМСУ) è il nome ufficiale della Marina militare ucraina, la marina militare dell'Ucraina. Diffusa è anche la denominazione in inglese di Ukrainian Navy.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La marina ucraina è nata nel 1992 quando una nave pattuglia, la SKR-112, alzò la bandiera ucraina suscitando la reazione del quartier generale della flotta russa per ammutinamento, con conseguente caccia alla nave "ribelle". Dopo poco altre unità hanno seguito il suo esempio. In seguito Ucraina e Russia si sono accordate per la spartizione della flotta, anche se molte delle unità navali cedute all'Ucraina erano obsolete.

Nel febbraio 2013 è stato annunciato che la più moderna nave ucraina, la fregata Hetman Sahaydachniy, avrebbe preso parte all'operazione NATO "Ocean Shield", una campagna antipirateria al largo del Corno d'Africa.[1]

La flotta[modifica | modifica wikitesto]

(Da sinistra a destra) U402 Konstantyn Olshansky, U401 Kirovohrad, U154 Kahovka, U209 Ternopil e U153 Pryluky.

Secondo il comandante della marina, vice ammiraglio Jurij Ilin, all'inizio del 2013 la flotta aveva 11 navi da guerra completamente operative per compiti complessi, e 10 mezzi aerei e 31 navi rifornimento in condizioni operative[2].

La marina nel 2008-09 consisteva di:

Navi di superficie[modifica | modifica wikitesto]

Sottomarini[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 battello classe Foxtrot: Zaporizhzhia (U-01) (questa unità si è poi autoconsegnata alla Flotta Russa del Mar Nero il 22 marzo 2014 a seguito dell'occupazione russa della Crimea).

Navi ausiliarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Oltre 20 navi di supporto, comprese:
    • 2 petroliere classe Toplivo
    • 1 nave idrografica
    • 1 piccola nave AGI classe Moma
    • 1 nave da sorveglianza costiera classe Muna
    • 1 nave comando classe Bambuk

Altre navi:

Non terminato – non immesso in servizio:

Mezzi Aerei[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[3]
Note Immagine
Aerei per impieghi speciali
Beriev Be-12 Mail Russia Russia SAR Be-12 2[3]
Бериев Бе-12 3602801, Саки (Новофедоровка) RP23149.jpg
Aerei da trasporto
Antonov An-26 Curl Ucraina Ucraina aereo da trasporto tattico An-26 1[3]
Авіації Військово-Морських Сил України — 20 років (2013, 13).jpg
Elicotteri
Kamov Ka-27 Helix Russia Russia elicottero antisommergibile Ka-27PS 4[3]
Kamov Ka-27 helicopter, Ukrainian Navy (variant).jpg
Mil Mi-14 Haze Russia Russia SAR Mi-14PL 4[3]
Авіації Військово-Морських Сил України — 20 років (2013, 11).jpg
Kamov Ka-226 Hoodlum Russia Russia elicottero multiruolo Ka-226 1[4] 1 Ka-226 riportato in servizio a dicembre 2018.[4]
MCHS, 241, Kamov Ka-226 (20823828333).jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Thys, Ukraine Joins NATO's Counter-Piracy Operation, su RIA Novosti, 22 febbraio 2013. URL consultato il 26 aprile 2013.
  2. ^ Commander:Ukrainian Navy to have 11 ships, 10 aircraft, 31 vessels by end of 2012, Kyiv Post (30 novembre 2012).
  3. ^ a b c d e (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 31. URL consultato il 2 gennaio 2019.
  4. ^ a b "UKRAINIAN NAVAL AVIATION RETURNS KA-226 HELICOPTER TO SERVICE", su defence-blog.com, 27 dicembre 2018, URL consultato il 2 gennaio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]