Sergente maggiore capo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il sergente maggiore capo è il grado apicale del Ruolo Sergenti dell'Esercito Italiano e dell'Aeronautica Militare, ed è stato istituito nel 1995 (decreto legislativo 12 maggio 1995, n.196 «Attuazione dell'art. 3 della legge 6 marzo 1992, n. 216, in materia di riordino dei ruoli, modifica alle norme di reclutamento, stato ed avanzamento del personale non direttivo delle Forze armate»). Superiore al sergente maggiore e subordinato al maresciallo e grado equivalente per l'Aeronautica.

Può essere promosso a scelta a sergente maggiore capo il sergente maggiore dopo 7 anni di permanenza nel grado[1]. Nei documenti ufficiali è abbreviato Serg. Magg. Ca..

Il distintivo di grado del sergente maggiore capo per l'Esercito è costituito da un gallone dorato e due galloncini divisi da due filetti neri e con alla base una barretta dorata. Per l'Aeronautica Militare è rappresentato da un gallone dorato grande sormontante due galloni dorati piccoli sovrapposti. Alla base è posta una barretta orizzontale dorata tratteggiata di blu.

Corrispondenze[modifica | modifica wikitesto]

Stato servizio Esercito Italiano Marina Militare Aeronautica Militare
al termine del corso

di formazione

Rank insignia of sergente of the Army of Italy (1973).svg

Sergente
Rank insignia of sergente of the Italian Navy.svg

Sergente
IT-Airforce-OR8.png

Sergente
dopo 7 anni

nel grado
inferiore

Rank insignia of sergente maggiore of the Army of Italy (1973).svg

Sergente maggiore
Rank insignia of secondo capo of the Italian Navy.svg

Secondo capo
IT-Airforce-OR9.png

Sergente maggiore
dopo 7 anni

nel grado
inferiore

Rank insignia of sergente maggiore capo of the Army of Italy (1973).svg

Sergente maggiore capo
Rank insignia of secondo capo scelto of the Italian Navy.svg

Secondo capo scelto[2]
IT-Airforce-OR9b.png

Sergente maggiore capo[3]

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Nelle forze armate spagnole il grado di Sargento Primero, nella corrispondenza gerarchica dei gradi della NATO corrisponde al grado di sergente maggiore capo dell'Esercito Italiano e dell'Aeronautica Militare Italiana e al grado di secondo capo scelto della Marina Militare Italiana.

Svizzera[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Gradi dell'esercito svizzero.
it: Sergente maggiore capo, fr: Sergent-major chef, de: Hauptfeldwebel

Nell'Esercito svizzero il grado di sergente maggiore capo (abbreviato sgtm capo) è un sottufficiale superiore che esercita il ruolo di sergente maggiore d'unità ed è il pricipale aiutante diretto del comandante di compagnia che normalmente è un capitano ed è responsabile del buon funzionamento della compagnia, del controllo degli effettivi, del materiale, delle munizioni, dell'accantonamento, del servizio sanitario e della disciplina. Sebbene sia di pari grado al furiere, il sergente maggiore capo è collocato al di sopra in quanto è il principale aiutante del comandante della compagnia ed il caposezione della sezione comando e inoltre, in qualità di pricipale aiutante del comandante, ha compiti anche al di fuori dell'accantonamento o caserma.[4] Il sergente maggiore capo è il solo responsabile, davanti al comandante di compagnia, così come pure ai centri logistici dell'esercito per ciò che compete materiale, munizione e accantonamenti per quello che riguarda l'andamento del servizio, il materiale (equipaggiamento, armi, materiale vario, munizione), veicoli (solo come mezzi e non come impiego i quali sono subordinati all'ufficiale auto) distribuzione del vettovagliamento in caserma e in dislocazione (anche se con l'ultima riforma dell'esercito questi compiti sono stati ampliati anche al furiere) e accantonamenti. Il sergente maggiore capo è inoltre l'alfiere della compagnia, unico autorizzato a portare e custodire (anche al proprio domicilio) la bandiera della compagnia.

Prima della riforma dell'Esercito XXI (1º gennaio 2004) i sergenti maggiori capo erano semplicemente sergenti maggiori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decreto legislativo 28 febbraio 2001, n. 82 - «Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 196, in materia di riordino dei ruoli, modifica alle norme di reclutamento, stato ed avanzamento del personale non direttivo delle Forze Armate».
  2. ^ insegna di grado in fase di determinazione dallo Stato Maggiore della Marina
  3. ^ insegna di grado in fase di determinazione dallo Stato Maggiore dell'Aeronautica
  4. ^ "Regolamento 51.9 / III dfi «Distintivi dell'Esercito svizzero»
Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra