Tè freddo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bicchiere di tè freddo con limone.

Il tè freddo (conosciuto anche come ice tea) è una bevanda a base di , servita fredda, spesso con ghiaccio.

La parola si riferisce sia alla bevanda preparata a casa sia al tè freddo imbottigliato in fabbrica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le più antiche ricette stampate per il tè freddo che si conoscano risalgono al 1870, qualche anno dopo l'invenzione del ghiaccio artificiale ad opera del fisico britannico Michael Faraday e dell'ingegnere tedesco Carl von Linde.[1] Due dei primi libri di cucina che contengono ricette per preparare il tè freddo sono il Buckeye Cookbook di Estelle Woods Wilcox, pubblicato la prima volta nel 1876, e Housekeeping in Old Virginia di Marion Cabell Tyree, pubblicato nel 1877.[2] Visto come una novità in un primo momento, verso la fine del 1800 è diventato sempre più diffuso. La sua popolarità è rapidamente aumentata a livello mondiale dopo che il mercante di tè Richard Blechynden lo introdusse all'Esposizione universale di Saint Louis del 1904.[3][4] La Lipton sarà tra le prime marche al mondo a produrre tè freddo a livello industriale nella seconda metà del 1900 dapprima commerciandolo come tè solubile nel 1964 solo negli Stati Uniti e in seguito in alcuni paesi europei dal 1978.[5]

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il consumo di tè freddo in Italia si diffonde inizialmente solo come preparazione casalinga o nei bar, dove venivano preparate delle brocche di tè riempite di ghiaccio, finché nel 1972 fa il suo debutto sul mercato l'Estathé al limone prodotto dalla Ferrero nel suo famoso formato in bicchierini di plastica. Per quasi vent'anni la Ferrero fu l'unica azienda sul mercato italiano a produrre il tè freddo a livello industriale fino alla fine degli anni '80 primi '90 del novecento quando farà il suo debutto sul mercato italiano il tè freddo in bottiglia della Lipton, allora in joint-venture con la Pepsi-Cola, che lancerà anche il nuovo gusto alla Pesca. Seguiranno nei primi anni '90 poi altre marche come il Beltè della Vera, quello della San Benedetto, la Nestea della The Coca-Cola company, che in seguito acquisterà anche la Vera e di conseguenza anche il suo Beltè. La Ristora invece lancerà sul mercato il tè solubile in buste di vari formati e vari gusti da preparare a casa. I consumi sono così esplosi e in poco tempo il tè freddo è diventata la terza bibita più consumata dagli italiani dove si stima che il consumo pro capite si sia portato a circa 9 litri annui, uno dei più alti a livello europeo e nel mondo.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1800 - il ghiaccio diventa artificiale, su www.expogelato2015.it. URL consultato il 04 agosto 2016.
  2. ^ Feeding America, su digital.lib.msu.edu. URL consultato il 04 agosto 2016.
  3. ^ 1904 World's Fair Iced Tea, su www.lyndonirwin.com. URL consultato il 04 agosto 2016.
  4. ^ 1904 World's Fair: Looking Back at Looking Forward, su www.mohistory.org. URL consultato il 04 agosto 2016.
  5. ^ The History of Lipton Ice Tea │ Lipton US, liptontea.com. URL consultato il 04 agosto 2016.
  6. ^ TÈ FREDDO: Storia e panorama tipologico, beverfood.com, 06 novembre 2003. URL consultato il 04 agosto 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina