Tè alla menta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un bicchiere di tè alla menta marocchino.

« Il primo bicchiere è dolce come la vita. Il secondo è forte come l'amore. Il terzo è amaro come la morte. »

(Proverbio Tuareg sul tè alla menta)

Il tè alla menta (Arabo شاي بالنعناع, shāy bi-l-naʿnāʿ) o, più comunemente, in darija atay, latay o tay, è un prodotto grazie all'infuso di acqua bollente su foglie di tè verde e menta, accompagnato da molto zucchero. Questo tè è tradizionale dei paesi del Maghreb, in particolar modo il Marocco.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il tè alla menta è molto diffuso soprattutto in Marocco, dove viene preparato e consumato più volte durante la giornata. Viene considerato la bevanda dell'ospitalità e rifiutarlo è considerato un gesto scortese. Ha effetti tonificanti e digestivi.

La sua preparazione e il suo gusto variano a seconda delle regioni del Maghreb. Nel Sahara Occidentale la menta non viene usata o viene usata in modica quantità in abbondante tè, il che rende il tè sahariano molto forte, amaro e concentrato. Anche in Tunisia il tè è più concentrato e forte.

In Marocco, soprattutto in inverno, quando la menta è più rara, talvolta al posto della menta si usano delle foglie di Assenzio maggiore (chiamata Chiba in Maghreb), che fa un il tè più amaro e concentrato.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tè alla menta tunisino, con poca menta.

Il tè fece la sua prima comparsa in Marocco durante il regno di Mulay Ismāʿīl. Si trattava di un dono della regina Anna di Gran Bretagna in segno di riconoscenza verso il sultano che aveva rilasciato un gruppo di prigionieri britannici.
Divenne molto popolare però solo nella metà del XIX secolo a causa della chiusura dei porti del Baltico durante la guerra di Crimea, che lasciò i mercanti inglesi con un eccesso di tè cinese, e nei loro sforzi di trovare nuovi mercati iniziarono a venderlo nei porti marocchini di Tangeri ed Essaouira.
Inizialmente accessibile solo alle classi ricche, divenne, tra fine del XIX e l'inizio del XX secolo, accessibile a tutte le classi sociali, diventando la bevanda più diffusa del paese.[2]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Gli ingredienti per il tè alla menta marocchino sono il tè verde e un mazzo di menta fresca, nonché una grande quantità di zucchero.[3]

La teiera è prima riscaldata. In seguito viene aggiunto il tè che viene pulito mettendo una piccola quantità di acqua bollente che viene scartata dopo un minuto circa. Dopodiché si mette zucchero e menta, riempiendo la teiera di acqua bollente, che viene messa sul fuoco per due o tre minuti ancora.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina