Student Nonviolent Coordinating Committee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riproduzione del simbolo del comitato, 1960

Lo Student Nonviolent Coordinating Committee (SNCC, spesso pronunciato in inglese "snick": /ˈsnɪk/, in italiano Comitato studentesco per la coordinazione non-violenta) fu una delle più importanti organizzazioni negli Stati Uniti legate al Movimento per i diritti civili degli afroamericani negli anni Sessanta.

Emerse da un meeting di studenti organizzato da Ella Baker e tenutosi alla Shaw University di Raleigh, in Carolina del Nord, nell'aprile 1960. L'SNCC si sviluppò e divenne ben presto un'organizzazione vera e propria con numerosi sostenitori al Nord che aiutavano con vari fondi le comunità afroamericane aderenti, specialmente quelle del Sud, permettendo agli impiegati dell'SNCC di avere 10 $ a settimana come salario. Molti volontari non stipendiati lavorarono all'SNCC in Mississippi, Alabama, Georgia, Arkansas e Maryland, giocando un ruolo importante in centinaia di sit-in e freedom rides, come anche nella Marcia su Washington del 1963 e la Mississippi Freedom Summer. Il punto di forza dell'SNCC era il lavoro sul campo, guidando numerosi cittadini neri alla registrazione per il voto e guidandoli verso una maggiore partecipazione politica.

Fondazione e primi tempi[modifica | modifica wikitesto]

La SNCC nacque ad nell'aprile 1960, quando Ella Baker organizzò un incontro per coordinare l'iniziativa dei sit-in, che ormai si erano diffusi in tutti il paese. Centinaia di giovani si riunirono quindi in North Carolina dando vita all'associazione, la quale non aveva però nessuna struttura gerarchica.

Marcia su Washington[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Marcia su Washington per il lavoro e la libertà.

Voter Education Project, VEP[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Voter Education Project.

Dopo i freedom riders, i leader neri del Mississippi, quali Amzie Moore, Aaron Henry, Medgar Evers ed altri chiesero all'SNCC di aiutare gli elettori neri a registrarsi e di lavorare per ottenere la fiducia delle comunità del Sud, per avere un po' di influenza politica sullo Stato. Nel 1890 il Mississippi ratificò la sua nuova costituzione: 70 anni dopo, ancora rendeva proibitiva la partecipazione al voto per i neri, sia per le intimidazioni e le violenze che gli afroamericani potevano subire, sia perché era necessario passare attraverso una fitta burocrazia per la quale, spesso, i neri venivano del tutto esclusi dalle liste elettorali.

Negli anni Cinquanta, per la cultura della supremazia bianca impedire ai neri di votare era un atto essenziale. Nell'autunno 1961, Robert Moses, membro dell'SNCC, avviò un progetto di registrazione dei votanti a McComb. I loro sforzi furono accolti con una violenta repressione statale e locale, specialmente da filoni del Ku Klux Klan. Gli attivisti fuorno picchiati, arrestati e l'attivista Herbert Lee fu assassinato.

L'opposizione dei bianchi alla partecipazione politica dei neri in Mississippi era così intensa che gli attivisti del Nord ritennero opportuno unire le forze e lavorare congiunti per avere più margini di successo. Nel 1962, i rappresentanti di SNCC, CORE e NAACP formarono il Consiglio delle Federazioni Organizzate (Council of Federated Organizations, COFO). In breve, SCLC divenne parte di COFO.

Nella primavera del 1962, con i fondi del progetto Voter Education, SNCC e COFO iniziarono la registrazione degli elettori nella zona del Delta del Mississippi intorno Greenwood, Hattiesburg, Laurel e Holly Springs. Come a McComb, i loro sforzi furono accolti con feroci attacchi e arresti, pestaggi, sparatorie, incendi dolosi ed omicidi. Coloro ammessi al voto decisero di imporre un test di alfabetizzazione così alto da tagliar fuori tutti i neri, dal momento che lo standard era così alto che nemmeno uno studente di alto livello avrebbe potuto tenergli testa. Inoltre, molti padroni di casa sfrattarono alcuni neri e i datori di lavoro li licenziarono. Sebbene questi atti riducessero notevolmente l'affluenza alle urne da parte dei neri, le rivolte nazionali iniziarono a destare l'attenzione di tutto il Paese.

Altre campagne simili nacquero in Louisiana, Alabama, Georgia e Carolina del sud. Nel 1963 divennero parte integrante del Movimento per i diritti civili e, dopo il passaggio del Civil Rights Act del 1964, la tutela del diritto al voto e l'agevolazione nelle procedure elettorali divenne l'obiettivo principale del su citato movimento. Nel 1965 si giunse al Voting Rights Act, che impose a tutti gli stati di garantire il diritto costituzionale ed innegabile di voto a tutti i cittadini americani.

Cambiamento di strategia e scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

SNCC e femminismo[modifica | modifica wikitesto]

Conferenza per il cinquantesimo anniversario[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondimenti[modifica | modifica wikitesto]

Archivi
Libri
  • Carmichael, Stokely e Michael Thelwell. Ready for Revolution: The Life and Struggles of Stokely Carmichael (Kwame Ture). Scribner, 2005. 848 pages. ISBN 0-684-85004-4
  • Carson, Claybourne. In Struggle, SNCC and the Black Awakening of the 1960s. Cambridge Massachusetts: Harvard University Press, 1981. ISBN 0-674-44727-1
  • Forman, James. The Making of Black Revolutionaries, 1985 and 1997, Open Hand Publishing, Washington D.C. ISBN 0-295-97659-4 and ISBN 0-940880-10-5
  • Greenberg, Cheryl Lynn, ed. A Circle of Trust: Remembering SNCC. Rutgers University Press, 1998. 274 pages. ISBN 0-8135-2477-6
  • Halberstam, David. The Children, Ballantine Books, 1999. ISBN 0-449-00439-2
  • Hamer, Fannie Lou, The Speeches of Fannie Lou Hamer: To Tell it Like it is, University Press of Mississippi, 2011. ISBN 9781604738230.
  • Deep in Our Hearts: Nine White Women in the Freedom Movement, University of Georgia Press, 2002. ISBN 0-8203-2419-1
  • Holsaert, Faith; Martha Prescod Norman Noonan, Judy Richardson, Betty Garman Robinson, Jean Smith Young, and Dorothy M. Zellner, Hands on the Freedom Plow: Personal Accounts by Women in SNCC. University of Illinois Press, 2010. ISBN 978-0-252-03557-9.
  • Hogan, Wesley C. How Democracy travels: SNCC, Swarthmore students, and the growth of the student movement in the North, 1961-1964.
  • Hogan, Wesley C. Many Minds, One Heart: SNCC's Dream for a New America, University of North Carolina Press. 2007.
  • King, Mary. "Freedom Song: A Personal Story of the 1960s Civil Rights Movement". 1987.
  • Lewis, John. Walking With the Wind: A Memoir of the Movement. New York: Simon & Schuster. 1998.
  • Pardun, Robert. Prairie Radical: A Journey Through the Sixties. California: Shire Press. 2001. 376 pages. ISBN 0-918828-20-1
  • Salas, Mario Marcel. Masters Thesis: "Patterns of Persistence: Paternal Colonialist Structures and the Radical Opposition in the African American Community in San Antonio, Texas, 1937–2001", University of Texas at San Antonio, John Peace Library 6900 Loop 1604, San Antonio, Texas, 2002. Other SNCC material located in historical records at the Institute of Texan Cultures, University of Texas at San Antonio as part of the Mario Marcel Salas historical record.
  • Sellers, Cleveland, and Robert Terrell. The River of No Return: The Autobiography of a Black Militant and the Life and Death of SNCC. University Press of Mississippi; 1990 reprint. 289 pages. ISBN 0-87805-474-X
  • Zinn, Howard. SNCC: The New Abolitionists. Boston: Beacon Press, 1964. ISBN 0-89608-679-8
Video
  • SNCC 50th Anniversary Conference 38 DVD collection documenting the formal addresses, panel discussions and programs that took place at the 50th anniversary conference at Shaw University in Raleigh, North Carolina.
Interviste

Pubblicazioni e documenti dell'SNCC

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN312787583 · LCCN: (ENn50010550 · GND: (DE4240463-0