Freedom Songs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Freedom Songs[1][2] (Canzoni della libertà) sono le canzoni cantate dai partecipanti del movimento per i diritti civili degli afroamericani. Sono anche chiamati inni dei diritti civili o, nei casi più simili a quelli dei canti, canti dei diritti civili.

Canzoni della libertà[modifica | modifica wikitesto]

Le canzoni della libertà sono le canzoni cantate dai partecipanti al Movimento per i diritti civili degli afroamericani. Le canzoni contenevano molti significati per tutti i partecipanti. Le canzoni potevano incarnare la tristezza, la felicità, la gioia o la determinazione tra i molti altri sentimenti. Le canzoni della libertà servivano come strumento di unità nella comunità nera durante il movimento. Le canzoni sono servite anche come mezzo di comunicazione tra i partecipanti quando le parole non erano sufficienti. La canzone We Shall Overcome divenne rapidamente il volto del movimento. Guy Carawan ha insegnato la famosa canzone della libertà durante la primavera del 1960 in un workshop tenutosi a Highlander, rendendo la canzone estremamente popolare all'interno della comunità.[3]

La musica dell'epoca dei diritti civili era cruciale per la vitalità del movimento. La musica trasmetteva sentimenti indescrivibili e il desiderio di un cambiamento radicale in tutta la nazione. La musica ha rafforzato il movimento, aggiungendo diversità alle loro strategie di progressione verso la libertà. La musica ha avuto un grande successo in quanto le canzoni erano dirette e ripetitive, trasmettendo il messaggio in modo chiaro ed efficiente. Le melodie erano semplici con ritornelli ripetuti, che permettevano un facile coinvolgimento nelle comunità sia bianche che nere, favorendo la diffusione del messaggio della canzone. Spesso c'è stato più canto che parola durante le proteste e le dimostrazioni, mostrando quanto fossero potenti le canzoni. Accompagnare coloro che sono venuti a partecipare ai movimenti era vitale, il che sarebbe stato fatto sotto forma di canto. I partecipanti hanno sentito una connessione tra di loro e il loro movimento attraverso le canzoni. Le canzoni sulla libertà sono state spesso utilizzate politicamente per attirare l'attenzione della nazione per affrontare la gravità della segregazione.

Le canzoni erano spesso ispirate alla tradizione cristiana, di solito dai canti. I canti sono stati leggermente modificati per includere una formulazione che riflettesse le proteste per i diritti civili e le situazioni di attualità così come sono state portate fuori dalle chiese e nelle strade. Anche se la maggior parte delle canzoni di libertà derivava da canti, era importante includere canzoni di altri generi. Per accogliere coloro che non erano così religiosi, canzoni rock and roll erano modificate per diventare canzoni di libertà, il che ha permesso ad un numero più ampio di attivisti di partecipare al canto.

In molti casi queste canzoni sono iniziate come gospel o spiritual, le più famose delle quali sono We Shall Overcome[4], Keep Your Eyes on the Prize, This Little Light of Mine[5], e Go Tell It on the Mountain[6].

Nina Simone e altri artisti professionisti sono anche noti per aver scritto o cantato tali canzoni. Due esempi sono:

L'attivista Fannie Lou Hamer è nota per aver cantato canzoni durante le marce o altre proteste, in particolare This Little Light of Mine. Zilphia Horton ha anche giocato un ruolo per la conversione degli spiritual in canzoni per i diritti civili.

Ulteriori canzoni della libertà[modifica | modifica wikitesto]

Circa un centinaio di canzoni sono state spesso cantate durante le proteste del movimento per i diritti civili durante gli anni '60. Alcuni delle più conosciute o più influenti sono:

  • A Change Is Gonna Come: Composta ed eseguita da Sam Cooke; 12° nella lista dei 500 migliori brani musicali secondo Rolling Stone.
  • Oh, Freedom: uno spiritual che risale ai tempi della schiavitù.[7]
  • Ain't Gonna Let Nobody Turn Me 'Round.
  • Certainly Lord: basato su uno spiritual.
  • Hold On (nota anche come Keep Your Eye On The Prize): basato su uno spiritual.
  • I Love Everybody, la canzone più importante del movimento per i diritti civili secondo James Bevel e Andrew Young della Southern Christian Leadership Conference, a volte cantata per un'ora alla volta.
  • If You Miss Me at the Back of the Bus: adattata da una composizione di Chico Neblett.
  • I'm Gonna Sit at the Welcome Table: adattata da uno spiritual.
  • I Woke Up This Mornin': adattata da uno spiritual.
  • Lift Ev'ry Voice and Sing: composta da James Weldon Johnson.
  • This Little Light of Mine: originariamente uno spiritual, associato a Fannie Lou Hamer.[8]
  • We shall not be moved: anche, probabilmente in origine, una canzone sindacale.[9]
  • If I Had a Hammer: una canzone sindacale di Pete Seeger e Lee Hays.
  • Hymn to Freedom: composta e interpretata da Oscar Peterson.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Freedom Songs of the Civil Rights Movement: Slave Spirituals Revived, The Spirituals Project at the University of Denver. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2005).
  2. ^ David C. Hsiung, Freedom Songs and the Modern Civil Rights Movement, in OAH Magazine of History, vol. 19, nº 4, 2005, pp. 23–26. URL consultato il 23 agosto 2018.
  3. ^ (EN) Margalit Fox, Guy Carawan Dies at 87; Taught a Generation to Overcome, in Song, in The New York Times, 7 maggio 2015. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato il 1º febbraio 2018).
  4. ^ We Shall Overcome, su Kansas State University. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato il 30 novembre 2006).
  5. ^ (EN) “This Little Light of Mine” - Betty Fikes, su Smithsonian Folkways Recordings. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato il 2 febbraio 2018).
  6. ^ Canadian Broadcasting Corporation, Go Tell It On the Mountain, su PRX. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato il 25 febbraio 2018).
  7. ^ (EN) Top 10 Civil Rights Protest Songs Of All Time, in News One, 10 maggio 2018. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato il 13 giugno 2018).
  8. ^ (EN) “This Little Light of Mine” - Fannie Lou Hamer, su Smithsonian Folkways Recordings. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato il 16 febbraio 2017).
  9. ^ (EN) We Shall Not Be Moved (Labor Version), in FolkSongIndex.com, 4 febbraio 2013. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato il 3 gennaio 2018).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pete Seeger e Bob Reiser, Everybody Says Freedom: A History of the Civil Rights Movement in Songs and Pictures, W. W. Norton & Company, 1989, ISBN 0393026469, OCLC 18321427.
  • Kerran L. Sanger, When the Spirit Says Sing!: The Role of Freedom Songs in the Civil Rights Movement (Studies in American Popular History and Culture), Routledge, 26 novembre 2015, ISBN 9781138987081, OCLC 976434898.
  • Candie Carawan e Guy Carawan, Sing for Freedom: The Story of the Civil Rights Movement Through Its Songs, NewSouth Books, aprile 2007, ISBN 1588381935, OCLC 243703390.
  • Chris Goertzen, Folklore: An Encyclopedia of Beliefs, Customs, Tales, Music, and Art, a cura di Charlie T. McCormick e Kim Kennedy White, vol. 2, 2ª ed., ABC-CLIO, 13 dicembre 2010, ISBN 9781598842425, OCLC 694734640.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica