Joan Trumpauer Mulholland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joan Trumpauer Mulholland

Joan Trumpauer Mulholland (Washington D.C., 14 settembre 1941) è un'attivista statunitense.

Proveniente da una famiglia razzista del Sud, nel 1961 Joan scelse di aderire alla lotta contro la segregazione degli afroamericani, unendosi al Movimento per i diritti civili e ai Freedom Riders. Ha lavorato per lo Smithsonian Institution, il Dipartimento del Commercio e quello della Giustizia degli Stati Uniti, prima di dedicarsi all'insegnamento della lingua inglese agli stranieri. Ha cinque figli e dal 2007 Joan Mulholland si è ritirata a vivere in Virginia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joan Mulholland nasce a Washington D.C. ma vive e cresce Arlington in Virginia, in una famiglia originaria della Georgia dove i bisnonni erano stati schiavisti fino alla Guerra di secessione americana. La famiglia di Joan, seppur non ricca, ha una governante nera che alleva Joan nei primi mesi di vita, durante la malattia della madre. Joan viene cresciuta con un'educazione cristiana, frequenta regolarmente la Chiesa presbiteriana e il catechismo. La moralità insegnata in chiesa era in diretto contrasto con la segregazione praticata. L'esperienza che le fece aprire letteralmente gli occhi fu quando, in occasione di una visita alla famiglia in Georgia, Joan con un'amica d'infanzia arrivarono in una cittadina "negra" posta oltre la ferrovia: "Nessuno ci rivolgeva la parola, ma il modo in cui tutti si facevano quasi invisibile mi dimostrava come non si ritenessero alla mia altezza". Così a 10 anni, Joan si accorge del divario economico tra le razze e in quel momento si ripromette che avrebbe fatto qualcosa per cambiare il mondo.

Attivismo[modifica | modifica wikitesto]

Il suo attivismo genera tensione in famiglia e la allontana dalla madre, che non voleva che potesse stesse con persone "di colore". Per gli studi universitari la obbliga a frequentare la Duke University in North Carolina, invece di qualche università dell'Ohio o del Kentucky. Nella primavera del 1960 Joan partecipa al primo di molti sit-in, ma in quanto donna bianca e del sud il suo attivismo per i diritti civili non veniva preso bene. Viene arrestata e sottoposta a esami psichiatrici. Il Movimento per i diritti civili divenne la sua casa, invece era stata disconosciuta dalla famiglia e anche dal padre che, pur non essendo razzista quanto madre, ma era preoccupato che la figlia venisse uccisa a causa del coinvolgimento nel movimento.

Freedom Riders[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1961 si era unita ai Freedom Riders, gli attivisti che per far rispettare la legge che vietava la segregazione sugli autobus, avevano deciso di attraversare in pullman tutti gli stati del sud. Il viaggio era stato bloccato in Mississippi dove i Freedom Riders vennero prima duramente malmenati da alcuni appartenenti al Ku Klux Klan armati di mazze e tubi di ferro e poi arrestati dalla polizia locale. Condotti in carcere furono sottoposti a trattamenti profondamente umilianti. Le donne, in particolare, vennero denudate e costrette a subire invasivi esami vaginali. Divisi l’uno dagli altri, gli attivisti vennero poi condotti nelle celle del braccio della morte e qui tenuti per quasi un mese in condizioni inumane.

Marcia su Washington per il lavoro e la libertà[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 agosto 1963 Joan Mulholland contribuì a organizzare la celebre Marcia su Washington per il lavoro e la libertà. È stata una grande manifestazione politica a sostegno dei diritti civili ed economici per gli afroamericani. Gli osservatori stimano che il 75-80% dei manifestanti fossero neri mentre il resto era costituita da bianchi o altre minoranze. In quest'occasione il leader afro-americano Martin Luther King pronunciò al Lincoln Memorial il suo storico discorso I have a dream, sostenendo l'armonia razziale.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN307474638 · LCCN: (ENno2014045560