Sleeping with Ghosts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sleeping with Ghosts
album in studio
ArtistaPlacebo
Pubblicazione1º aprile 2003
Durata46:32
Dischi1
Tracce12
GenereRock alternativo[1]
Rock elettronico[1][2]
Neo-glam[1]
Pop punk[1]
EtichettaVirgin Records, Hut Records, Elevator Music, Astralwerks
ProduttoreJim Abbiss
RegistrazioneTownhouse Studios e Sarm West Studios, Londra, fine 2002-inizio 2003
FormatiCD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[3]
(vendite: 15 000+)
Belgio Belgio[4]
(vendite: 25 000+)
Grecia Grecia[5]
(vendite: 10 000+)
Regno Unito Regno Unito[6]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera[7]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platinoFrancia Francia (2)[8]
(vendite: 600 000+)
Europa Europa[9]
(vendite: 1 000 000+)
Germania Germania[10]
(vendite: 200 000+)
Placebo - cronologia
Album precedente
(2000)
Album successivo
(2003)
Singoli
  1. The Bitter End
    Pubblicato: 10 marzo 2003
  2. This Picture
    Pubblicato: 16 giugno 2003
  3. Special Needs
    Pubblicato: 15 settembre 2003
  4. English Summer Rain
    Pubblicato: 24 febbraio 2004

Sleeping with Ghosts è il quarto album in studio dei Placebo, pubblicato dalla Virgin Records e dalla Hut Records il 1º aprile 2003[1].

Nell'edizione speciale dell'album è presente un CD bonus contenente diverse cover registrate dal gruppo, poi ripubblicato singolarmente col titolo Covers. Le numerose tracce bonus delle varie edizioni territoriali sono state invece inserite nella raccolta del 2011 B-Sides 1996-2006.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Brian Molko, Stefan Olsdal e Steve Hewitt.

  1. Bulletproof Cupid – 2:22
  2. English Summer Rain – 4:01
  3. This Picture – 3:34
  4. Sleeping with Ghosts – 4:38
  5. The Bitter End – 3:10
  6. Something Rotten – 5:28
  7. Plasticine – 3:26
  8. Special Needs – 5:15
  9. I'll Be Yours – 3:32
  10. Second Sight – 2:49
  11. Protect Me from What I Want – 3:15
  12. Centrefolds – 5:02
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. Evalia – 4:20
  2. Drink You Pretty – 3:55
CD bonus nell'edizione speciale
Covers
  1. Running Up That Hill – 4:57 (Kate Bush) – originariamente di Kate Bush
  2. Where Is My Mind? – 3:44 (Black Francis) – originariamente dei Pixies
  3. Bigmouth Strikes Again – 3:54 (Johnny Marr, Morrissey) – originariamente dei The Smiths
  4. Johnny and Mary – 3:25 (Robert Palmer) – originariamente di Robert Palmer
  5. 20th Century Boy – 4:39 (Marc Bolan) – originariamente dei T. Rex
  6. The Ballad of Melody Nelson – 3:58 (Serge Gainsbourg, Jean-Claude Vannier) – originariamente di Serge Gainsbourg
  7. Holocaust – 4:27 (Alex Chilton) – originariamente dei Big Star
  8. I Feel You – 6:26 (Martin Gore) – originariamente dei Depeche Mode
  9. Daddy Cool – 3:21 (Frank Farian, George Reyam) – originariamente dei Boney M.
  10. Jackie – 2:48 (Sinéad O'Connor) – originariamente di Sinéad O'Connor

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Placebo
  • Brian Molko – voce, chitarra, tastiera; sassofono in Something Rotten, percussioni in English Summer Rain
  • Stefan Olsdal – basso, chitarra, tastiera, pianoforte, cori
  • Steve Hewitt – batteria, percussioni
Altri musicisti
  • Simon Breed – armonica a bocca in Protect Me from What I Want
Produzione
  • Jim Abbiss – produzione
  • Jim Barny – missaggio
  • Bill Lloyd – ingegneria del suono
  • Andy Davies – ingegneria del suono (assistente)
  • Fergus Peterkin – ingegneria del suono (assistente)
  • Danny Porter – ingegneria del suono (assistente)
  • Tom Stanley – ingegneria del suono (assistente)
  • Sean Magee – mastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003) Posizione
massima
Australia[11] 11
Austria[11] 6
Belgio (Fiandre)[11] 4
Belgio (Vallonia)[11] 1
Danimarca[11] 28
Finlandia[11] 14
Francia[11] 1
Germania[11] 2
Grecia[11] 4
Irlanda[11] 14
Italia[11] 6
Norvegia[11] 12
Nuova Zelanda[11] 37
Paesi Bassi[11] 19
Polonia[11] 10
Portogallo[11] 4
Regno Unito[12] 11
Svezia[11] 3
Svizzera[11] 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Placebo - Sleeping with Ghosts, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 9 novembre 2021.
  2. ^ (EN) Placebo, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 29 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2003).
  3. ^ (DE) Placebo - Sleeping with Ghosts – Gold & Platin, su IFPI Austria. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  4. ^ (NL) GOUD EN PLATINA - albums 2003, su Ultratop. URL consultato il 29 aprile 2018.
  5. ^ (EL) Εβδομάδα 15-21/2, IFPI Greece. URL consultato il 29 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2004).
  6. ^ (EN) Sleeping with Ghosts, su British Phonographic Industry. URL consultato il 29 aprile 2018.
  7. ^ (DE) Edelmetall, su Schweizer Hitparade. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  8. ^ (FR) Les Certifications - Placebo, su snepmusique.com, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 29 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2018).
  9. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 2004, su ifpi.org, IFPI. URL consultato il 29 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  10. ^ (DE) Placebo - Sleeping with Ghosts – Gold-/Platin-Datenbank, su Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  11. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r (FR) Placebo - Sleeping with Ghosts, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 26 giugno 2019.
  12. ^ (EN) Placebo - full Official Chart History, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 26 giugno 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]