Sevendust

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sevendust
Sevendust.jpg
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereAlternative metal[1]
Nu metal[1]
Hard rock[2]
Post-grunge
Periodo di attività musicale1994 – in attività
EtichettaTVT Records, Winedark Records
Album pubblicati14
Studio12
Live1
Raccolte1
Sito ufficiale

I Sevendust sono un gruppo musicale alternative metal americano fondato nel 1994 ad Atlanta, Georgia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni e Sevendust (1994-1998)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 Vince Hornsby e Morgan Rose formarono una band chiamata Snake Nation. John Connolly, che a quei tempi suonava la batteria, si unì agli Snake Nation come chitarrista, e la band registrò il suo primo demo. Non soddisfatti delle parti vocali, i tre membri si misero alla ricerca di un nuovo cantante prima di incontrare e ingaggiare Lajon Witherspoon. Dopo sei mesi si unì alla band anche il chitarrista Clint Lowery e tutti decisero di rinominare la band Rumblefish. Il nome Rumblefish ebbe vita breve poiché esisteva già un'altra band con lo stesso nome. Allora la band decise di rinominarsi Crawlsapce e nel 1996 pubblicò la canzone My Ruin, presente nella colonna sonora di Mortal Kombat. Poco dopo un'altra band chiamata Crawlspace chiese al quintetto di Atlanta 50000 dollari per acquistare i diritti sul proprio nome. La band decise di non pagare tale cifra e si rinominò a titolo definitivo Sevendust. Il 15 aprile 1997 i Sevendust pubblicarono il loro omonimo album di debutto, reso noto per i suoi riff pesanti, parti vocali aggressive e batteria in stile Thrash, come nelle canzoni Black e Bitch. Fino al 2004 Black fu la canzone che i Sevendust usarono quasi sempre per aprire i propri concerti. Nell'album è presente anche la canzone My Ruin. Sevendust è apparso nella Billboard 200 e vi è rimasto per sedici settimane, piazzandosi alla posizione 165, il 4 aprile 1998. Divenne disco d'oro il 19 maggio 1999. Nel 1998 sono comparsi ad eventi musicali dal vivo come il Dinamo Open Air e l'Ozzfest 1998.

Home e Animosity (1999-2001)[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 agosto 1999, i Sevendust pubblicarono il loro secondo album, Home. L'album si piazzò alla posizione 19 nella Billboard 200 ed è caratterizzato per la collaborazione di cantanti come Chino Moreno dei Deftones e Skin degli Skunk Anansie. I due singoli, Denial e Waffle hanno dato un successo maggiore alla band. Sono apparsi a Woodstock 1999 e sono stati in tour con molte band, fra le quali Korn, Staind, Nonpoint, Reveille, Godsmack, Mudvayne, Mushroomhead, Powerman 5000, Creed, Kid Rock, Machine Head, Limp Bizkit, Disturbed e Metallica. Nel 1999 hanno fatto da band d'apertura a numerosi concerti degli Skunk Anansie in Germania e nel 2000 si sono esibiti in vari live show con Slipknot e Coal Chamber. Nel novembre 2001 la band pubblica il terzo album, chiamato Animosity. Questo album ha ottenuto il riconoscimento di album d'oro, e grazie ai singoli Praise ed Angel's Son ha avuto un buon impatto commerciale, classificandosi undicesimo nel Mainstream Rock Tracks. La canzone Angel's Son è un tributo al cantante degli Snot, Lynn Strait, di cui i Sevendust erano amici. Strait morì in un incidente d'auto nel 1998. Oltre ad essere inclusa in Animosity, Angel's Son è presente anche nella compilation Strait Up. La band è inoltre apparsa al Late Night With David Letterman dove suona una versione acustica di Angel's Son, coadiuvata da Paul Shaffer alle tastiere. Nello stesso anno la band appare nel film di Chris Rock Ritorno dal paradiso, dove suona un clip parziale di Waffle. Nel 2002 i Sevendust si presero un periodo di pausa a seguito di alcuni eventi tragici. Primo fra tutti l'assassinio del fratello di Lajon Witherspoon e poi la morte del cantante dei Drowning Pool Dave Williams, altro amico della band.

Seasons e l'abbandono di Clint Lowery (2003-2005)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 i Sevendust pubblicarono il loro quarto album: Seasons. L'album ha debuttato alla posizione 14 negli Stati Uniti ed ha venduto 68000 copie nella prima settimana. Tuttora viene considerato uno dei migliori album della band. Il singolo più d'impatto è sicuramente Enemy, che raggiunge la decima posizione nella classifica del Mainstream Rock e diviene la canzone ufficiale del PPV WWE Unforgiven 2003. Gli altri due singoli estratti dall'album, Broken Down e Face To Face, hanno avuto un riscontro più moderato, piazzandosi rispettivamente al 20º e al 22º posto. Nel 2004, per la prima volta, la band pubblica un album dal vivo su CD/DVD, edizione doppio disco, intitolata Southside: Double-Wide: Acoustic Live. L'album include la reinterpretazione di Hurt dei Nine Inch Nails, dedicata a Johnny Cash. L'11 dicembre 2004, dopo aver suonato a Columbus, Ohio, venne annunciato che Clint Lowery aveva lasciato la band durante il tour, perché era desideroso di suonare nella nuova band del fratello Corey, i Dark New Day, i quali avevano appena firmato un contratto con la Warner Bros. Records. Venne ingaggiato come sostituto Sonny Mayo, ex chitarrista delle band Snot e Amen. In questo modo la band poté completare il tour.

Next e problemi finanziari (2005-2007)[modifica | modifica wikitesto]

L'11 ottobre 2005 i Sevendust, con la collaborazione di un loro buon amico produttore: Shawn Grove, pubblicarono con l'etichetta WineDark Records Next, il loro quinto album in studio, distribuito da Universal Music. Nello stesso periodo i Sevendust crearono anche la loro etichetta, la 7Bros Records. Il primo singolo, trasmesso per radio, fu Ugly, pubblicata il 9 agosto 2005, seguita anche dal video musicale. Il secondo singolo dell'album, intitolato Pieces è presente nella colonna sonora del film Saw II - La soluzione dell'enigma. Next debuttò negli Stati Uniti alla posizione numero 20, e vendette 37000 copie nella prima settimana. Poco dopo l'uscita di Next, la vecchia etichetta dei Sevendust, la TVT Records, pubblicò un disco che conteneva le canzoni di maggior successo della band: Best of (Chapter One: 1997-2004). Parallelamente venne pubblicato un video non ufficiale di Hero che mostrava Bruce Lee nei ruoli più famosi che interpretò. Pochi mesi dopo l'uscita di Next divenne chiaro che WineDark non sarebbe stata all'altezza delle aspettative dei Sevendust. Si vocifera che la stessa etichetta non coprì completamente i costi di produzione. Per questo motivo, nei primi mesi del 2006, i Sevendust vennero considerati una band in bancarotta. La WineDark Records era venuta meno agli accordi presi e non pagò gran parte dei soldi che doveva alla band, che si trovò a dover affrontare le spese degli ingaggi dei membri dello staff e i costi delle forniture. In seguito ad irregolarità finanziarie i Sevendust si trovarono a dover pagare quasi un milione di dollari, tra tasse e ingaggi interni.

Alpha (2007)[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 marzo 2007 i Sevendust, con Grove nuovamente alla produzione, pubblicarono il loro sesto Full-Lenght album in studio, intitolato Alpha. L'album debuttò al 14º posto negli Stati Uniti, vendendo oltre 42000 copie nella prima settimana. Il singolo Driven si piazzò nella Top 10 Mainstream Rock e Beg To Differ si piazzò nella top 40 Radio Rock Hit. Considerato uno degli album più pesanti dei Sevendust, Alpha è il secondo album con Sonny Mayo alla chitarra ritmica e il primo che lo vede anche nel ruolo di Songwriter. Inoltre Alpha è il primo album pubblicato dalla Asylum Records, una sotto-etichetta della Warner, che vanta i Sevendust come suo gruppo principale. Tra il febbraio e l'aprile del 2007 i Sevendust hanno affrontato un tour con band come Diecast e Red. Nel dicembre del 2007 venne pubblicato Retrospective 2, un CD/DVD combo che contiene due canzoni che non furono inserite in Alpha, contiene live inediti e i video musicali dei singoli Driven, Ugly, Beg To Differ e Pieces. Le canzoni Feed e Driven compaiono nella colonna sonora di WWE Smackdown vs Raw 2008.

Chapter VII: Hope and Sorrow e il ritorno di Clint Lowery (2008)[modifica | modifica wikitesto]

Di nuovo sotto la guida di Shawn Grove i Sevendust, alla fine del novembre 2007, tornano in studio per registrare il loro settimo album, intitolato Chapter VII: Hope And Sorrow. Inizialmente la data fissata per l'uscita dell'album era il 4 marzo del 2008, che però slittò al primo di aprile. L'album debuttò al 19º posto nella Billboard 200 e vanta collaborazioni con Chris Daughtry dei Daughtry e i due membri degli Alter Bridge Myles Kennedy e Mark Tremonti. Il primo singolo estratto dall'album fu Prodigal Son, che raggiunse la posizione 19 della classifica Mainstream Rock. Il secondo singolo fu The Past, e il terzo fu Inside. Il 26 marzo 2008 i Sevendust annunciarono che Clint Lowery sarebbe tornato a suonare come chitarrista al posto di Sonny Mayo. Al ritorno di Lowery, Morgan Rose dichiarò: «Questa è stata una decisione estremamente difficile da prendere. Consideriamo Sonny come un fratello ed è stato fantastico lavorare al suo fianco. Non ha fatto nulla di male; ma è un nostro dovere, nei nostri confronti e nei confronti dei nostri sostenitori, di ricomporre la band com'era originariamente». Nel dicembre del 2008 i Sevendust si esibiscono in tour con i Black Stone Cherry. Nel 2009, insieme ai Disturbed, si cimentano in concerti per il sostegno delle truppe USA in Iraq e Afghanistan. Nel novembre del 2008 pubblicarono una speciale edizione, estremamente limitata, intitolata Packaged Goods, un cofanetto di cinque dischi personalmente autografato dalla band, che comprende la seconda versione di Sevendust del 2005, e contenuti inediti dei periodi di Alpha, Retrospective 2 e Chapter VII: Hope And Sorrow. Tra aprile e settembre 2009 hanno sostenuto concerti al fianco di nomi importanti come Corey Taylor, Five Finger Death Punch, Shadows Fall e Otep.

Cold Day Memory (2009-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 2009 i Sevendust si recano a Chicago, e sotto la guida di Johnny K (già all'attivo con band come Disturbed, Staind, Finger Eleven e 3 Doors Down) registrano il loro ottavo album in studio, intitolato Cold Day Memory. Per la promozione del nuovo album, la band lanciò un sito web nuovo di zecca. Sul sito venivano caricati ogni giorno dei video che raffiguravano la band alle prese con la registrazione di Cold Day Memory. I video mostravano ogni sessione di registrazione delle canzoni, mettendo in evidenza anche le parti più complicate e meno interessanti. Con la registrazione di questo album i Sevendust vollero coinvolgere i loro sostenitori molto di più rispetto al passato. Il 22 dicembre 2009 venne annunciato che le riprese per il monitoraggio della band in studio era stato completato e che l'album sarebbe stato distribuito nell'aprile del 2010, dato che tra dicembre e gennaio si sarebbero impegnati in esibizioni live. Il 6 febbraio 2010 la band pubblica sul suo sito ufficiale la canzone Forever Dead e dopo circa un mese viene pubblicata su iTunes la canzone Unraveling. Il 17 marzo viene distribuita per radio la canzone Last Breath, e il giorno seguente Confessions (Without Faith) e The End Is Coming. Il 20 aprile 2010 viene pubblicato Cold Day Memory, un album di 12 canzoni che con il ritorno di Clint Lowery, segna la line-up originale che non si vedeva dal 2003, ai tempi di Seasons. Il primo singolo estratto è Unraveling che si piazza al posto 29 sulle canzoni rock, mentre il CD si inserisce al 12º posto nella Billboard 200. Gli altri due singoli estratti dall'album sono Forever Dead e Last Breath. Nell'estate del 2010 i Sevendust si esibiscono nel Carnival Of Madness Tour insieme a Chevelle, Shinedown, Puddle Of Mudd e 10 Years. Il 16 settembre viene girato il video di Falcons On Top, la sigla ufficiale della squadra di football di Atlanta, gli Atlanta Falcons. Nel novembre 2010 i Sevendust si esibiscono dal vivo insieme a Korn, Disturbed e In This Moment nel "Music As A Weapon 5" tour. Tra febbraio e marzo 2011 i Sevendust si esibiscono al Soundwave Festival in Australia con Iron Maiden, Slayer, Ill Nino e Stone Sour.

Stile e temi lirici[modifica | modifica wikitesto]

Influenzati da Metallica, Living Colour, Twisted Sister e Faith No More, i Sevendust sono classificati come una band Heavy metal, Alternative metal, Industrial metal e Nu metal. Quando è stato chiesto di definire il genere della propria band, John Connolly ha risposto così: «Non lo so. Ho cercato di capirlo. Ma non lo so. Per cinque minuti la gente ci definì Progressive. E poi Nu Metal. Poi, improvvisamente stavamo suonando Alternative Metal. Suoniamo una sorta di musica pesante, con un po' di Rock e un po' di Metal».

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale
Ex componenti

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni in compilation[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Sevendust, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 18 giugno 2015.
  2. ^ Tommaso Iannini. Nu metal. Giunti Editore, 2003, ISBN 88-09-03051-6 pp. 74-75

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]