Rugby a 7 ai Giochi olimpici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torneo olimpico di rugby a 7
Logo della competizione
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 7
Tipo squadre nazionali
Federazione CIO
Titolo Campione olimpico
Cadenza quadriennale
Storia
Fondazione 2016

Il rugby a 7 è entrato a far parte dei Giochi olimpici a partire da Rio de Janeiro 2016, con un torneo maschile e uno femminile.

Dopo i precedenti tentativi infruttuosi fatti nel 2002 e nel 2005 per inserire questo sport all'interno del programma olimpico,[1] la decisione finale favorevole è stata deliberata dal CIO durante la riunione di Copenaghen del 9 ottobre 2009 in cui la votazione per l'inclusione del rugby a 7 ha registrato 81 voti a favore e 8 contrari.[2] Negli anni passati il rugby a 15 è stato presente in quattro edizioni dei Giochi olimpici, dal 1900 fino al 1924, anno della sua ultima apparizione nelle Olimpiadi.

Sia il torneo maschile che quello femminile sarà formato da 12 squadre partecipanti, rappresentanti i diversi continenti.[3]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Giochi Anno Città ospitante Paese ospitante
XXXI 2016 Rio de Janeiro Brasile Brasile

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Torneo maschile[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Podio
Anno Sede Gold medal.svg Oro Silver medal.svg Argento Bronze medal.svg Bronzo
2016 Brasile Rio de Janeiro Figi
Figi
Gran Bretagna
Gran Bretagna
Sudafrica
Sudafrica

Torneo femminile[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Podio
Anno Sede Gold medal.svg Oro Silver medal.svg Argento Bronze medal.svg Bronzo
2016 Brasile Rio de Janeiro Australia
Australia
Nuova Zelanda
Nuova Zelanda
Canada
Canada

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Duncan Mackay, Sevens captains hit back at 'joke' remark, in The Guardian, 12 giugno 2005. URL consultato il 27 settembre 2013.
  2. ^ (EN) Golf & rugby voted into Olympics, in BBC Sport, 9 ottobre 2009. URL consultato il 27 settembre 2013.
  3. ^ (EN) Olympic Rugby Sevens qualification confirmed, irb.com, 6 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014.