Pentathlon moderno ai Giochi olimpici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Modern pentathlon pictogram.svg

1leftarrow blue.svgVoce principale: Giochi olimpici estivi.

Il pentathlon moderno è una combinazione di sport creati apposta per i Giochi olimpici estivi, ideati dal fondatore dei Giochi olimpici moderni il barone Pierre de Coubertin, ispirato dal pentathlon dei Giochi olimpici antichi in cui si competeva su discipline di cui doveva essere dotato il soldato ideale. Su quest'esempio, il moderno pentathlon si ispira alla cavalleria del XIX secolo di fronte alla linea nemica, quindi: in grado di cavalcare un destriero sconosciuto; in grado di combattere e con la pistola e con la spada, oltre a saper sia nuotare che correre.
A tal proposito il pentatleta gareggia nelle seguenti discipline:

Medagliere[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornati ai Rio de Janeiro 2016. In corsivo le nazione (o le squadre) non più esistenti.[1]

Pos Nazione Oro Argento Bronzo Riepilogo
1 Ungheria Ungheria 9 8 5 22
2 Svezia Svezia 9 7 5 21
3 URSS Unione Sovietica 5 5 5 15
4 Russia Russia 4 1 0 5
5 Polonia Polonia 3 0 1 4
6 Italia Italia 2 2 3 7
Regno Unito Regno Unito 2 2 3 7
8 Germania Germania 2 0 1 3
9 Lituania Lituania 1 2 1 4
10 Rep. Ceca Repubblica Ceca 1 0 1 2
11 Kazakistan Kazakistan 1 0 0 1
Australia Australia 1 0 0 1
13 Stati Uniti Stati Uniti d'America 0 6 3 9
14 Finlandia Finlandia 0 1 4 5
15 Ucraina Ucraina 0 1 1 2
Cecoslovacchia Cecoslovacchia 0 1 1 2
Squadra Unificata Squadra Unificata 0 1 1 2
18 Lettonia Lettonia 0 1 0 1
Cina Cina 0 1 0 1
20 Francia Francia 0 1 2 3
21 Bielorussia Bielorussia 0 0 1 1
Brasile Brasile 0 0 1 1
Messico Messico 0 0 1 1

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Individuale maschile[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Oro Oro Argento Argento Bronzo Bronzo
Stoccolma 1912 Svezia Gösta Lilliehöök Svezia Gösta Åsbrink Svezia Georg de Laval
Anversa 1920 Svezia Gustaf Dyrssen Svezia Erik de Laval Svezia Gösta Runö
Parigi 1924 Svezia Bo Lindman Svezia Gustaf Dyrssen Svezia Bertil Uggla
Amsterdam 1928 Svezia Sven Thofelt Svezia Bo Lindman Germania Helmut Kahl
Los Angeles 1932 Svezia Johan Oxenstierna Svezia Bo Lindman Stati Uniti Richard Mayo
Berlino 1936 Germania Gotthard Handrick Stati Uniti Charles Leonard Italia Silvano Abba
Londra 1948 Svezia William Grut Stati Uniti George Moore Svezia Gösta Gärdin
Helsinki 1952 Svezia Lars Hall Ungheria Gábor Benedek Ungheria István Szondy
Melbourne 1956 Svezia Lars Hall Finlandia Olavi Mannonen Finlandia Väinö Korhonen
Roma 1960 Ungheria Ferenc Németh Ungheria Imre Nagy Stati Uniti Robert Beck
Tokyo 1964 Ungheria Ferenc Török URSS Igor' Novikov URSS Al'bert Mokeev
Città del Messico 1968 Svezia Björn Ferm Ungheria András Balczó URSS Pavel Lednëv
Monaco 1972 Ungheria András Balczó URSS Borys Onyščenko URSS Pavel Lednëv
Montréal 1976 Polonia Janusz Pyciak-Peciak URSS Pavel Lednëv Cecoslovacchia Jan Bártů
Mosca 1980 URSS Anatolij Starostin Ungheria Tamás Szombathelyi URSS Pavel Lednëv
Los Angeles 1984 Italia Daniele Masala Svezia Svante Rasmuson Italia Carlo Massullo
Seul 1988 Ungheria János Martinek Italia Carlo Massullo URSS Vakht'ang Iagorashvili
Barcellona 1992 Polonia Arkadiusz Skrzypaszek Ungheria Attila Mizsér Squadra Unificata Ėduard Zenovka
Atlanta 1996 Kazakistan Aleksandr Parygin Russia Ėduard Zenovka Ungheria János Martinek
Sydney 2000 Russia Dmitrij Svatkovskij Ungheria Gábor Balogh Bielorussia Pavel Dovgal'
Atene 2004 Russia Andrej Moiseev Lituania Andrejus Zadneprovskis Rep. Ceca Libor Capalini
Pechino 2008 Russia Andrej Moiseev Lituania Edvinas Krungolcas Lituania Andrejus Zadneprovskis
Londra 2012 Rep. Ceca David Svoboda Cina Cao Zhongrong Ungheria Ádám Marosi
Rio de Janeiro 2016 Russia Aleksandr Lesun Ucraina Pavlo Tymoščenko Messico Ismael Hernández
Atleta meglio premiato: Svezia Lars Hall e Russia Andrej Moiseev (2/0/0) Nazione meglio premiata: Svezia Svezia (9/6/4)

Individuale femminile[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Oro Oro Argento Argento Bronzo Bronzo
Sydney 2000 Regno Unito Stephanie Cook Stati Uniti Emily de Riel Regno Unito Kate Allenby
Atene 2004 Ungheria Zsuzsanna Vőrős Lettonia Jeļena Rubļevska Regno Unito Georgina Harland
Pechino 2008 Germania Lena Schöneborn Regno Unito Heather Fell Ucraina Viktorija Tereščuk
Londra 2012 Lituania Laura Asadauskaitė Regno Unito Samantha Murray Brasile Yane Marques
Rio de Janeiro 2016 Australia Chloe Esposito Francia Élodie Clouvel Polonia Oktawia Nowacka
Atleta meglio premiato: Nazione meglio premiata: Regno Unito Regno Unito (1/2/2)

Evento non più in programma[modifica | modifica wikitesto]

A squadre maschile[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Oro Oro Argento Argento Bronzo Bronzo
Helsinki 1952 Ungheria Repubblica Popolare d'Ungheria Svezia Svezia Finlandia Finlandia
Melbourne 1956 URSS Unione Sovietica Stati Uniti Stati Uniti d'America Finlandia Finlandia
Roma 1960 Ungheria Ungheria URSS Unione Sovietica Stati Uniti Stati Uniti d'America
Tokyo 1964 URSS Unione Sovietica Stati Uniti Stati Uniti d'America Ungheria Ungheria
Città del Messico 1968 Ungheria Ungheria URSS Unione Sovietica Francia Francia
Monaco 1972 URSS Unione Sovietica Ungheria Ungheria Finlandia Finlandia
Montréal 1976 Regno Unito Regno Unito Cecoslovacchia Cecoslovacchia Ungheria Ungheria
Mosca 1980 URSS Unione Sovietica Ungheria Ungheria Svezia Svezia
Los Angeles 1984 Italia Italia Stati Uniti Stati Uniti d'America Francia Francia
Seul 1988 Ungheria Ungheria Italia Italia Regno Unito Regno Unito
Barcellona 1992 Polonia Polonia Squadra Unificata Squadra Unificata Italia Italia
Nazione meglio premiata: Ungheria Ungheria (4/2/2)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hockey, sports-reference.com. URL consultato il 4 ottobre 2016.


Pentathlon moderno ai Giochi olimpici

Stoccolma 1912 | Anversa 1920 | Parigi 1924 | Amsterdam 1928 | Los Angeles 1932 | Berlino 1936 | Londra 1948 | Helsinki 1952 | Melbourne 1956 | Roma 1960 | Tokyo 1964 | Città del Messico 1968 | Monaco 1972 | Montréal 1976 | Mosca 1980 | Los Angeles 1984 | Seul 1988 | Barcellona 1992 | Atlanta 1996 | Sydney 2000 | Atene 2004 | Pechino 2008 | Londra 2012 | Rio de Janeiro 2016