Roberto Premier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Premier
Roberto Premier - Philips Milano.jpg
Roberto Premier al tiro con la maglia della Philips Milano
Nazionalità Italia Italia
Altezza 197 cm
Peso 98 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex guardia)
Ritirato 2000 - giocatore
Carriera
Squadre di club
1978-1981 Ginn. Goriziana 88
1981-1989 Olimpia Milano 300
1989-1994 Virtus Roma 177
1994-1995 Ginn. Goriziana 36
1995-1996 Modena 32
1996-1998 Pall. Vigevano
1998-1999 Petrarca
1999-2000 Pall. Pavia
Nazionale
1984-1991 Italia Italia 66 (369)
Carriera da allenatore
2003-2005 Pall. Gorizia
2006 non conosciuta Robur Saronno
2007-2008 non conosciuta Virtus Civitanova
2010 non conosciuta Vis Spilimbergo
Palmarès
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Germania Ovest 1985
Argento Italia 1991
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Premier (Spresiano, 25 gennaio 1958) è un ex cestista e allenatore di pallacanestro italiano. È stato attivo tra la fine degli anni settanta e l'inizio dei novanta. È sposato con Laura, dalla quale ha avuto due figli. Attualmente vive a Gorizia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato una guardia tiratrice con un ottimo tiro da tre punti. Si caratterizzava per una forte aggressività in campo, che gli permetteva, soprattutto nelle fasi calde della gara, di entrare in trance agonistica, grazie alla quale, si esaltava e, letteralmente, si superava. Per questa sua caratteristica venne soprannominato da tutti l'Ariete di Spresiano.

Club[modifica | modifica wikitesto]

Premier muove i suoi primi passi, in senso cestistico, in campetti del trevigiano. Nel 1978 il suo debutto in Serie A con la Pallacanestro Gorizia all'epoca targata Pagnossin. Nel 1981 passa all'Olimpia Milano, con la quale resterà per otto anni, vincendo cinque scudetti, due Coppe dei Campioni, una Coppa Intercontinentale e una Coppa Korac. Nel 1989 passa al Messaggero Roma di Raul Gardini e Carlo Sama, all'epoca squadra molto ambiziosa, dove però vince solamente una Coppa Korac nel 1992. Emblematici sono stati quegli anni romani, dove nella squadra miliardaria costruita dai Ferruzzi, con in campo Dino Rađa e l'ex Lakers Michael Cooper, lui ne fu, oltre che il capitano, il vero trascinatore. Dopo l'esperienza romana, nei suoi ultimi anni di carriera gioca con squadre di Serie A/2 e B.

Nel 1996-97 è stato capocannoniere della Serie B d'Eccellenza con la maglia del Vigevano, totalizzando una media di 23,3 punti[1].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha vestito la maglia della nazionale italiana per 80 volte, segnando 369 punti, partecipando a vari eventi internazionali di rilievo:

  • Olimpiadi di Los Angeles 1984
  • Europei del 1985, dove ha vinto la medaglia di Bronzo
  • Mondiali spagnoli del 1986
  • Europei del 1991, dove con la sua tipica trance agonistica ha letteralmente trascinato la formazione azzurra a vincere l'argento. Il Palaeur ancora ricorda il suo tiro pazzo da distanza siderale con il pallone che entrò a canestro dopo aver sbattuto sul tabellone, nelle fasi finali della gara inaugurale vinta contro la Grecia, che spianò la strada alla formazione azzurra.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Olimpia Milano: 1987
Olimpia Milano: 1986-1987, 1987-1988
Olimpia Milano: 1984-1985
Virtus Roma: 1991-1992
Olimpia Milano: 1981-1982, 1984-1985, 1985-1986, 1986-1987, 1988-1989
Olimpia Milano: 1986, 1986-1987

Italia Italia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Classifiche marcatori sul sito della Lega Pallacanestro.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]